notizie sul mercato immobiliare e economia Vai su idealista.it »
workshop

come cambiare l'immagine agli immobili per risollevare le sorti del mercato

scritto da: associazione italiana home stager (collaboratore di idealista news)

da tempo l’associazione italiana home stager organizza workshop con le più grandi agenzie immobiliari, con l’intento di informare gli agenti sui vantaggi offerti dall’ home staging. il 29 maggio, a napoli, si è tenuto il quinto di una serie di incontri indetti dall’associazione, in collaborazione con  il “gruppo tree” (al quale fanno riferimento agenzie del calibro di “gabetti”, ”professione casa” e “grimaldi”)

l’invito è stato accolto con entusiasmo da più di 100 agenti campani, chi hanno apprezzato vivamente le innovazioni proposte da staged homes. l’intento principale del workshop è stato quello di voler sottolineare agli agenti l’importanza di interpretare l’home staging  non come una disciplina concorrenziale ma come una  concreta possibilità di collaborazione, in grado di ottimizzare tempi e prezzo di compravendita/locazione di immobili. durante l’incontro, 5 stagers invitati dall’associazione, hanno avuto l’opportunità di presentarsi e parlare della loro attività

questa iniziativa fa seguito ad un precedente workshop tenutosi a milano dove 10 home stagers hanno partecipato dimostrando lo scopo dell’associazione, al fine di promuovere i benefici di home staging e stimolare la collaborazione tra gli agenti

abbiamo potuto constatare quanto, alla luce del mercato odierno, molte delle tecniche praticate dagli agenti, non funzionino più. il ruolo dell’agente immobiliare in italia è rimasto immutato per anni. in un periodo in cui l’evoluzione del mercato è sempre più evidente, è invece doveroso reinventarsi, proporre nuove idee o tentare un cambio d’immagine, sia per quanto riguarda le agenzie sia per quanto riguarda gli agenti stessi

ad oggi, per un agente immobiliare, accostarsi alle tecniche dell’home staging, può significare il tentativo concreto di risollevare le sorti del settore immobiliare.una delle problematiche riscontrate degli agenti immobiliari italiani, è quella di rapportarsi con i proprietari che non vogliono investire denaro in un immobile in vendita. spesso la maggiore difficoltà risiede nel far comprendere l’importanza della de-personalizzazione degli immobili in vendita. presentare sul mercato un ambiente con un forte stile personale, può influenzare pesantemente in maniera negativa la vendita dello stesso

attraverso questi incontri, l’associazione offre agli agenti, la possibilità di acquisire gli strumenti idonei a creare un ambiente confortevole, capace di soddisfare una più ampia fetta di clienti interessati, proponendo nuovi argomenti che aiutino a risolvere i loro problemi a basso costo

durante l’incontro si sono trattati tutti i maggiori temi inerenti alle pratiche dell’home staging:

•    tecniche di fotografia e fotoritocco

•    software per la modellazione 3d, gratuiti e non

•    come presentare materiale a dimostrazione dei benefici di home staging

•    tecniche di vendita per promuovere il servizio

ricordiamo che l’associazione italiana home staging è disponibile ad organizzare corsi, workshop e convegni  in qualsiasi zona d’italia

clicca sull'invito per partecipare gratuitamente alla conferenza di home staging in puglia

home_puglia

per maggiori informazioni sull’home staging in italia, scrivete ad info@stagedhomes.it o visitate il sito web dell’associazione, www.stagedhomes.it

 

articolo visto su
(idealista.it/news)
pubblicità

per commentare devi effettuare

commenti

schiavi di mattonari, volete risollevare le sorti del mercato? bene convincete i vostri avidi padroni a calare le folli ed irritanti pretese. questo è rimasto e resterà l'unico modo per vendere

0 0
vote up!
vote down!

io credo che in questi workshop si potrebbero sottoporre all'attenzione degli organizzatori i seguenti temi:

1) l'importanza del fotoritocco e dell'immagine nella fase di decisione della banca nell'erogazione del mutuo.2) l'importanza della depersonalizzazione degli immobili nel contesto dello spostamento all'estero delle attività produttive, di chiusura delle aziende, e della diminuzione della capacità di spesa dovuto all'aumento continuo dei costi della vita e delle tasse.3) l'influenza, nonché efficacia delle tecniche di vendita e delle modellazioni 3d in caso di acquirenti con contratti a termine di tre mesi, molti dei quali a partita iva, e rapporto tra prezzo del bene e capacità di risparmio annuale stimabile tra le 50 e le 80 annualità

0 0
vote up!
vote down!

1) l'importanza del fotoritocco e dell'immagine nella fase di decisione della banca nell'erogazione del mutuo

ma cosa stai dicendo? vuoi dire forse che tenti di frodare le banche con fotomontaggi facendo passare una casa disastrata per una buona? è incredibile voi ai l'illegalità l'avete proprio nel sangue, poi voglio vedere se le banche si fidano delle vostre foto

0 0
vote up!
vote down!

ahahahhama guarda che non sono assolutamente un agente immobiliare.le mie erano delle provocazioni belle e buone per dire che queste cose, se si intendono finalizzate ad una ripresa delle compravendite, hanno valenza nulla.ma non si capiva?

0 0
vote up!
vote down!

anonimo al numero 3, mi sa che ti manca il dono dell'ironia, oppure sei poco sveglio.

0 0
vote up!
vote down!

ma cosa stai dicendo? vuoi dire forse che tenti di frodare le banche con fotomontaggi facendo passare una casa disastrata per una buona? è incredibile voi ai l'illegalità l'avete proprio nel sangue, poi voglio vedere se le banche si fidano delle vostre foto

penso che tutto il commento fosse ironico........

0 0
vote up!
vote down!

cari agenti immobiliari è inutile che continuate a giraci intorno, il problema in molte zone d'italia è uno solo " il prezzo" invece di spendere soldi che servono solo a riempire le tasche di chi organizza questi corsi d'immagine immobiliare fate una bella riunione nazionale a roma e annunciate al mondo dei proprietari che anche in italia come in altri paese l'erogazione dei mutui al 100% ha causato la bolla immobiliare.essendo questa fase superata e irripetibile (le banche lo dicono tutti i giorni a chi va a chiedergli un mutuo) la soluzione è una sola, riportare i prezzi al periodo pre bolla che per molti vuol dire rinunciare al 50 % dei loro sogni

0 0
vote up!
vote down!

l'home staging non può sicuramente fare miracoli, però una casa bella viene sicuramente venduta prima di una brutta. i clienti che devono vendere casa lo hanno capito a differenza di qualcuno. home staging chi lo capisce lo fa.

0 0
vote up!
vote down!

chiaramente l'homestaging non può essere l'unica soluzione al problema delle case che rimangono invendute sul mercato, concordo con chi dice che la "questione mutui" e il problema delle case messe sul mercato a cifre non corrette, unite al problema sociale di contratti precari e perdita di lavoro, rappresenta un problema fondamentale, ma sicuramente l'homestaging può contribuire a velocizzare la vendita di un immobile mal presentato, può essere un aiuto nel dare una "smossa" ad un mercato immobiliare in crisi.qundi perchè non provarci, visto che dati statistici di paesi dove viene utilizzato, ci danno risultati confortanti.spesso le cose nuove vengono viste con sospetto, a volte basta guardare un pò meglio..

0 0
vote up!
vote down!

salve, sto cercando di introdurre la pratica di home staging nel mercato immobiliare di brescia e confermo in pieno la difficoltà di far capire l'importanza di presentare la casa in un certo modo, ma l'obiezione parte ancor prima dall'ag. immob. che così facendo dimostra di partire già lui scoraggiato: mi chiedo allora come si potrebbe convincere il cliente con queste premesse.aspetto con ansia sviluppi anche qui a bresciacordialmentecinzia f

0 0
vote up!
vote down!

concordo con cinzia, anche in provincia di milano la situazione è la stessa. quello che non capisco è perchè non si faccia una prova prima di dire no

0 0
vote up!
vote down!

cari ai invece di fare buttare i soldi ai venditori in stronzate ridicole come queste, coonsigliate di scontarli sul prezzo di acquisto. solo calando ormai si vende, il resto sono inutili chiacchiere

0 0
vote up!
vote down!

caro/a anonimo...ma hai provato prima di dire cosi?

0 0
vote up!
vote down!

ma veramente qualcuno crede che basti imbellettare le foto delle case per convincere un potenziale acquirente a pagare il doppio una casa ? comunque continuate a sognare mentre le agenzie immobiliari chiudono

0 0
vote up!
vote down!

non quanti siano i colleghi che abbiano commentato l'argomento ma come sempre leggo una totale disapprovazione a prescindere

premetto che non faccio parte dell'organizzazione home stager ma mi preme sottolineare un aspetto, questa nuova realtà non vuole ne gabbare le banche con il foto ritocco, ne i clienti presentando un castello quando si tratta di un immobile diroccato,

ma, a fronte della continua crescita dei contatti che si ottengono dal web, se ciò aiuta ad ottenerne diversi in più, per la legge dei grandi numerie' possibile ottenere una compravendita che forse non si sarebbe fatta

inoltre i loro interventi non si limitano certo al ritocco delle foto o insegnare a come fare un 3d, ma soprattutto forniscono ai proprietari degli immobili dei consigli per come svestirli di quelle cianfrusaglie e personalizzazioni estreme che li rendono meno vendibili

a mio parere oggi tutto e' diverso rispetto al passato e' tutto va studiato, sperimentato e provato, inoltre oggi e' divenuto fondamentale, anche nel nostro settore ilmarketing

0 0
vote up!
vote down!

mi trovi d'accordo sul fatto che un immobile ben pubblicizzato desti una maggiore attenzione da parte di coloro che si muovono alla ricerca di una casa, un pò meno sul fatto che un aumento della vendibilità dipenda dall'eliminazione delle cianfrusaglie.chi compra casa in questo momeneto pone estrema attenzione a:- la zona e la via- l'affaccio e la presenza di terrazzi/balconi e box auto- se si trova in condominio o no- lo stato degli impianti, infissi, rifiniture, tipo di riscaldamento- il prezzo, non ultimo, che deve essere già dall'inizio ragionevole per poter essere considerato una base sulla quale iniziare una trattativa.per quanto riguarda tutto il resto sono solamente dettagli perché, chiaramente, se si trovassero appartamenti, personalizzati e pieni di cianfrusaglie ad un prezzo di partenza già del 20% inferiore a quello di appartamenti simili e con ottime caratteristiche, io credo che nessuno degli acquirenti sarebbe così fesso da dare peso alle cianfrusaglie non accorgendosi di avere l'opportunità di acquistare un immobile "pregiato" ad un prezzo buono.viceversa è proprio per appartamenti che hanno un rapporto qualità prezzo molto basso che servono i consigli per "imbambolare" gli acquirenti tentando di minimizzarne i difetti, o addirittura presentando i difetti come vantaggi da sfruttare in modo vantaggioso.ricorda: chi ha la possibilità di acquistare una casa oggi, verosimilmente già ne ha viste in passato ed è anche stato sensibilizzato nei confronti di aspetti discussi in questo periodo, come ad esempio la classificazione energetica che dà un'indicazione significativa sulle spese di gestione.la vedo quindi abbastanza difficile riuscire a mascherare ad un acquirente "pratico" in sede di sopralluogo le "non qualità" di un immobile usando foto o parole, anche perché, viste le difficoltà economiche in cui versa molta gente e la difficoltà di ottenere un mutuo dalle banche, come il venditore tenterà di valorizzare ciò che deve vendere, l'acquirente letteralmente "farà le pulci" al suo probabile acquisto per quantificarne il valore reale alla luce dei difetti interinseci e non

0 0
vote up!
vote down!

beh..direi che il post #2 ha ben centrato il nocciolo, e con originalità

siccome si vende poco, adesso gli ai vorrebbero riciclarsi quali make-up artists dell'immobile. tanto per spremere un pò di quattriti dai propreitari

dalle mie parti, al grido di "altrimenti" non vende" se ne inventano di ogni. qualcuno, ahimè, ci casca pure

ma quali cianfrusaglie? ma quali ritocchi? si compravende meno, solo in ragione della stretta creditizia

qui da me, i titolari dell'agenzie fanno enormi pressioni sui propri venditori interni affinche questi acquistino quote della società. ad investire quindi quattrini in un'attività ormai non lontana dal fallimento

è vero che per ai è imperativo il ri-inventarsi. ma, nel concreto, è solo gattopardismo. il lupo perde il pelo.

0 0
vote up!
vote down!