notizie sul mercato immobiliare e economia Vai su idealista.it »

prelios e gabetti vincono la gara per la gestione degli immobili inps

prelios e gabetti si sono aggiudicate, insieme ad altre imprese riunite in un consorzio, la gara per la gestione degli immobili inps e i titoli hanno reagito con un deciso rialzo in borsa. il patrimonio immobiliare dell'ente previdenziale, oggetto del mandato di gestione, ha destinazione d'uso mista uffici, negozi e residenziale, e comprende circa 13.000 unità immobiliari

nella giornata di giovedì, dopo l'annuncio,  i titoli di prelios sono saliti di circa il 4% e quelli di gabetti più del 10%. secondo un analista ripreso dall'agenzia reuters, tuttavia, "la notizia è positiva ma niente di stravolgente. si tratta di 44 milioni di euro su tre anni per tutti, quindi si parla di pochi milioni l'anno circa per ciascuno con una marginalità nell'ordine del 15%. in più, almeno per prelios, si tratta in sostanza del rinnovo di un contratto"

nel solo mese di maggio, infatti, gabetti ha perso il 24% circa in borsa, prelios il 12%

Scritto da team
Articolo visto su agenzia
pubblicità

Commenti

per commentare devi effettuare

È la solita storia: i ricchi sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri. Quegli immobili non sono dell'iinps, sono di coloro che hanno pagato e pagano l'inps. È come la storia dell'acqua: se ne consuma troppa, quindi, è giusto che a pagarla siano in tanti ed a usufruirne siano in pochi. Ciò che non si comprende, e che non capisce chi ha il dovere di parlarne è che, i servitori di oggi, che pensano di godere della vicinanza al padrone, domani avranno la loro prole nelle stesse condizioni dei molti di oggi, mentre i pochi resteranno quasi certamente gli stessi.

0 0
Vote up!
Vote down!

È la solita storia: i ricchi sempre più ricchi, i poveri sempre più poveri. Quegli immobili non sono dell'iinps, sono di coloro che hanno pagato e pagano l'inps. È come la storia dell'acqua: se ne consuma troppa, quindi, è giusto che a pagarla siano in tanti ed a usufruirne siano in pochi. Ciò che non si comprende, e che non capisce chi ha il dovere di parlarne è che, i servitori di oggi, che pensano di godere della vicinanza al padrone, domani avranno la loro prole nelle stesse condizioni dei molti di oggi, mentre i pochi resteranno quasi certamente gli stessi.

0 0
Vote up!
Vote down!