notizie sul mercato immobiliare e economia Vai su idealista.it »
foto: alan cleaver (flickr.com cc)
foto: alan cleaver (flickr.com cc)

in meno di un anno il mercato immobiliare italiano non è più lo stesso (tabelle)

scritto da: team

soltanto un anno fa la maggior parte degli operatori del settore immobiliare vedeva stabile il livello dei prezzi delle abitazioni. stando agli ultimi risultati del sondaggio sul mercato immobiliare di bankitalia e tecnoborsa in pochi mesi il panorama si è completamente rivoluzionato: prezzi in discesa ovunque, maggiori sconti, tempi lunghi, ma soprattutto il profilarsi di due categorie di proprietari

clicca per ingrandire

sondaggio_bankitalia

l'indagine ha interpellato oltre 1500 agenti immobiliari tra la fine di giugno e l'inizio di luglio per un quadro sulla situazione della compravendita di immobili nel secondo trimestre del 2012.
ne emerge un quadro molto pessimista. nei mesi tra aprile e giugno di quest'anno il 74% degli agenti ha segnalato un calo nel prezzo degli immobili

la domanda è fredda

segnale, questo, di un raffreddamento della domanda, infatti nel secondo trimestre del 2012 risulta che la quota di agenzie che hanno venduto almeno un immobile è calata rispetto allo stesso periodo del 2011, dal 69,3 al 62,7%. il calo rispetto al primo trimestre del 2012 è stato invece pari a quasi un punto percentuale

proprietari divisi in due

curiosamente, a fronte di una scarsa vendita, si registra un aumento dell'offerta, con gli incarichi a vendere che nel trimestre superano gli incarichi a comprare del 40,8% (contro il 34,5% del sondaggio di aprile). le agenzia segnalano comunque che l'assenza di proposte provoca un gran numero di ritiri dell'incarico a vendere: chi non ha fretta aspetta, mentre chi vuole vendere può solo scendere a patti

a queste condizioni, chi riesce a vendere deve cedere sul prezzo: si è ridotta infatti la quota di agenzie che indicano proposte di acquisto a prezzi giudicati troppo bassi dal venditore. è salito il margine di sconto dei prezzi di vendita rispetto alle richieste iniziali: chi vende deve accontentarsi del 15,4% in meno sul prezzo voluto inizialmente, contro il 14,3 di aprile e il 12 del secondo trimestre del 2011

quanto alle prospettive per il futuro, non sono certo più rosee: solo il 5% degli operatori interpellati ha espresso speranze positive per il mercato immobiliare in generale, mentre il 60% è convinto che le cose non miglioreranno (il 10% circa in più rispetto ad aprile). sulle prospettive a breve termine del mercato italiano i pessimisti vincono contro gli ottimisti con un 64% (ad aprile era l 57%). per i prossimi due anni, gli agenti immobiliari pessimisti sono il 22% in più di quelli che vedono la luce in fondo al tunnel

articolo visto su
(idealista.it/news)
pubblicità

commenti

per commentare devi effettuare

è solo l'inizio della discesa,tra un paio di anni si raggiungerà il bottom a circa -50% dai prezzi di qualche anno fa (se va bene) e poi si resterà per molti molti anni su quotazioni molto basse.di sicuro l'immobile come forma di investimento è morto e sepolto

0 0
vote up!
vote down!

povero immobile e' morto e sepolto facciamo un funerale

0 0
vote up!
vote down!

povero immobile e' morto e sepolto facciamo un funerale

0 0
vote up!
vote down!

fatevelo voi, monti e compagnia bella il funerale!!!!

0 0
vote up!
vote down!

che pello..stipo soldi lavorando all'estero e torno comprando a saldi dai compaesani eheheh...vi siete abbuffati e moh a digiunooo ahhahahahaha

0 0
vote up!
vote down!

mediocri mattonari, vi meritate la lapidazione, e non e' escluso che cio' avvenga per decreto usando i mattoni con cui avete sporcato l'italia per martoriarvi. e' giunto il momento di punire gli speculatori immobiliari, l'annichilimento dei valori non mi basta piu'

0 0
vote up!
vote down!

l'investimento immobiliare conviene sempre

0 0
vote up!
vote down!

l'investimento immobiliare conviene sempre

ma tu scrivi sempre lo stesso commento a tutti gli articoli?!!

non è che se ripeti come un mantra una bugia, questa diventa verità ! inutile nascondere i problemi sotto il tappeto, meglio invece pensare a una soluzione, tipo social housing. ben presto ci sarà una classe media e medio-bassa che non potrà più permettersi di comprare casa

meditate, gente, meditate!

0 0
vote up!
vote down!

può darsi che sia convinto... lasciamoli fare a lui gli investimenti immobiliari.di quelli che leggono questo forum ci sarà qualcuno che deve vendere qualcosa.potrebbe essere l'unica occasione della sua vita, vendere al 200% del valore di mercato.del resto l'investimento immobiliare conviene sempre no?

0 0
vote up!
vote down!

potrebbe essere l'unica occasione della sua vita, vendere al 200% del valore di mercato

eh...... sì, magari se ha un immobile in via della spiga a milano, altrimenti, la vedo dura!!

0 0
vote up!
vote down!

si come dice anonimo, l'investimento immobiliare conviene sempre perchè ad ogni periodo buio corrisponde sempre un periodo inverso, e viceversa... però i prezzi devono scendere ancora, sono troppo gonfiati, ma di molto, poi comunque l'investimento si vedrà da qui a 10 anni nel 2012

0 0
vote up!
vote down!

ma scusate, il 50% in meno vuol dire vendere un immobile al prezzo di venti anni fa. non so se avete fatto due conti: in venti anni il prezzo, almeno in italia, e' solo semplicemente raddoppiato. quando costava un immobile mezzo miliardo, un semplice impiegato guadagnava un milione e due, lire, oggi guadagna mille e duecento euro, l' euro tutti sappiamo che e' andato a mille lire l'uno, ora con queste cifre chi puo' credere che un immobile che venti anni fa valeva mezzo miliardo, cifra semplice per roma, possa essere venduto a duecento cinquanta mila euro? solo chi ha un cravattaro che lo aspetta sotto casa potra' vendere a queste cifre! ehi! sono solo due conti, quelli della spesa! chi puo' pretendere di comprare una casa a queste cifre? la verità e' che hanno tolto i soldi dal mezzo. tutto qui

0 0
vote up!
vote down!

ora con queste cifre chi puo' credere che un immobile che venti anni fa valeva mezzo miliardo, cifra semplice per roma, possa essere venduto a duecento cinquanta mila euro?

fai una prova molto semplice: chiedi quante persone hanno 500.000 euro oppure almeno 350.000 e un lavoro sicuro per chiedere 150.000 di mutuo.prova poi a vedere quante di queste, oggi, abbiano intenzione di spendere tutti questi soldi. sono veramente pochissimi se rapportati alla "normalità" di roma di trovare appartamenti in vendita a 500.000 euro, giusto?bene, visto che non è stata una magia di mago merlino la sparizione dei soldi, ma la diretta conseguenza delle centinaia di migliaia di posti di lavoro persi + le nuove leve del mondo del lavoro che restano disoccupate + l'aumento della spesa per i cassaintegrati che di certo non fanno una vita da nababbi con 750 euro al mese + tutti i "mutuotombalizzati", come definiti con molta originalità da qualcuno, che devolvono tutte le loro entrate per svariati decenni alle banche, l'aumento delle tasse e chi più ne ha più ne metta, allora si capisce facilmente che l'assenza di denaro in giro è una diretta conseguenza sia delle politiche, sia della gente che doveva pensarci bene prima di continuare a mantenere lo stesso stile di vita con i prezzi raddoppiati.le case a roma hanno un prezzo che è rimasto legato ad un limitatissimo periodo di follie di mutui concessi avvenuti contestualmente all'azzeramento dei risparmi degli acquirenti e, mettiamoci pure, di situazione socioeconomica nettamente migliore di quella attuale.attualmente non hanno nulla a che vedere con il potere d'acquisto della gente che magari abita in esse (basti pensare al nonnetto che ha 5000 euro di risparmi, fa la fame con la pensione da 1000 euro al mese che vive magari a monteverde vecchio e parla del valore della sua casa di 700.000 euro o magari l'impiegato comunale che oggi rasenta la povertà ma ha comprato negli anni '80 a 60 milioni e dice che vale 350.000 euro, cioè dieci volte di più).in questo roseo e florido contesto con le previsioni di rientro del debito pubblico, i prezzi di roma, quelli dei normalissimi appartamenti da 500.000 euro che non rientrano assolutamente nella categoria di lusso, rimarranno solo cifre scritte nei cartelli di vendita o saranno al più corrisposte da qualche pazzo lavoratore dipendente che ha ereditato dei soldi e non ne comprende bene oggi il valore.tutti quelli che non riusciranno a vendere potranno sempre riconsolarsi per il fatto che vivono a roma in una casa che, secondo loro, vale centinaia di migliaia di euro, anche se poi nessuno si sognerà mai di pagargliela tanto, salvo poi avere sempre più zingari sotto casa, disservizi, zozzeria, tasse che aumentano, essere costretti a fare la spesa al discount, augurare tutti gli accidenti a monti per l'imu, e sognare la vacanza di un fine settimana guardando la televisione

0 0
vote up!
vote down!

un semplice impiegato guadagnava un milione e due, lire, oggi guadagna mille e duecento euro,

io sinceramente non so dove tu abbia letto questo ma se leggi al seguente link:http://www.uil.it/Audizione%20Commissioni%20riunite.pdf

se pensiamo che nei primi tre mesi dell’anno hanno cessato la loro attività 146.368 imprese, una media di 1.626 al giorno, dati infocamere, rielaborati dalla cgia. naturalmente sono le piccole aziende che soffrono di più. il saldo fra nuove iscrizioni e cessazioni, sempre nello stesso periodo, è pari a – 26.090. la disoccupazione complessivamente, a fine anno, arriverà al 12% (più della metà di questi disoccupati sta nella fascia dei giovani che hanno meno di 35 anni e 1/3 ha meno di 25 anni). intanto i precari aumentano, dai dati istat si evince che dal 2004 al primo trimestre del 2012 sono aumentati del 43,8% tanto da raggiungere la quota di 2.232.000 ed i contratti a tempo indeterminato sono calati di mezzo punto percentuale. il reddito medio degli operai ha subito un taglio notevole (-442 euro) - dati banca d’italia - negli ultimi dieci anni; ed il dato si ferma al 2010, e poi negli ultimi due anni è andata ancora peggio. il potere d’acquisto delle famiglie, dal settembre 2007 a ottobre 2008, si è contratto dell’1,6% e anche del 2% e può, anzi deve ulteriormente diminuire, anche se, in europa, siamo ormai il fanalino di coda quanto alle retribuzioni

poiché questi dati si riferiscono al solo 2012 siceramente non capisco proprio come fai a dire che un impiegato guadagnava dieci anni fa 1.200.000 lire ed oggi l'equivalente di 2.400.000 soprattutto quando le spese fisse e le tasse sono aumentate in modo spropositato e quindi la capacità di risparmiare, e quindi di acquistare, è precipitata

0 0
vote up!
vote down!

la differenza era che la gente per fortuna non dovevas fare mutui di 30-40 anni, con 10-15 anni al massimo di solito se la cavava, magari poi se avevi parenti che ti aiutavano te la cavavi anche in meno tempo.era facile avere mutui oltre il 100% gonfiando il valore della casa, e anche chi non aveva soldi riusciva a comprare (e arredare la casa).oggi anche facendo il mutuo (se te lo danno) devi avere da parte un patrimonio altrimenti non vai da nessuna parte

ps. comunque i prezzi sono raddoppiati con il passaggio lira/euro cioè 10 (ormai quasi 11) anni fa, non 20 anni fa..

0 0
vote up!
vote down!

oggi anche facendo il mutuo (se te lo danno) devi avere da parte un patrimonio altrimenti non vai da nessuna parte

... quindi tuti questi normali appartamenti in vendita a 500.000 euro, li venderanno?

p.s. ha detto bene, i prezzi sono raddoppiati, non gli stipendi

0 0
vote up!
vote down!

solo chi ha un cravattaro che lo aspetta sotto casa potra' vendere a queste cifre! ehi! sono solo due conti, quelli della spesa! chi puo' pretendere di comprare una casa a queste cifre? la verità e' che hanno tolto i soldi dal mezzo

e allora, aspettate e sperate che il mercato salga di nuovo. ma mi sa che dovrete aspettare per un bel po'...

0 0
vote up!
vote down!

che uno faccia sacrifici x comprare casa o li faccia x pagare l'affitto,sempre sacrifici sono o no? perchè vi sbranate? chi i sacrifici non li fa è solamente chi ha trovato la pappa pronta (appartamenti regalati in eredità). questi sono i fortunati, oppure no?

0 0
vote up!
vote down!

che uno faccia sacrifici x comprare casa o li faccia x pagare l'affitto,sempre sacrifici sono o no?

io i sacrifici li faccio se i valori sono giusti, non se sono gonfiati per far guadagnare ingiustamente qualcuno senza fare nulla

0 0
vote up!
vote down!

#19 non li venderanno al 99,9%! solo uno su mille ce la farà, perché avrà la fortuna d'incontrare un nababbo. guardatevi intorno e capirete perché tante agenzie stanno chiudendo. in compenso il governo potrà far pagare loro tasse cospicue; i ricchi illusi possessori, con questa scelta di tenere i prezzi drogati, si sono dati, da soli, la zappa sopra i piedi. bisogna pensarci due volte prima di spendere 500.000 € e poi magari pagare l'imu, l'irpef, la tarsu e dulcis in fundo il 10% di prestito forzoso che il governo si accinge a varare: in italia gli annunci prima o poi si realizzano, specie se parliamo di tasse. chi dispone di 500.000€ può sempre pensare di andarsene all'estero, in posti più promettenti e godersi i suoi soldi, se hai una casa dove scappi?a quelli che affittano dico: l'inquilino è un investimento punta sulla sua qualità e non sul prezzo, se hai la fortuna di trovare la persona giusta guadagni meno ma stai tranquillo.una persona che aveva chiesto una cifra alta dopo due anni ha dovuto spendere soldi per cacciare l'inquilino moroso che fra l'altro gli aveva distrutto la casa. la rivalsa, solo perdita di tempo, l'inquilino non possedeva nulla.meditate gente, meditate

0 0
vote up!
vote down!

torno oggi a casa per depositare le valigie e prendere quelle nuove, butto un occhio alla email e .... certo che invidiosi e rosiconi non vanno mai in vacanza eh!

poveri pezzenti, sempre a sognare di comprare di riuscire a mollare il vostro tugurio in affitto, anche in agosto

ma fatevi una settima di ferie, anche dall'invidia. tornerete carichi a mille per una nuova stagione di rosicate su idealista

bye bye, a sto giro vado al mare

0 0
vote up!
vote down!

poveri pezzenti, sempre a sognare di comprare di riuscire a mollare il vostro tugurio in affitto, anche in agosto

non si capisce bene a chi ti rivolgi: a chi vuole comprare o a chi vuole affittare la sua casa?

0 0
vote up!
vote down!

poveri pezzenti, sempre a sognare di comprare di riuscire a mollare il vostro tugurio in affitto, anche in agosto

questo la dice lunga sulla povertà morale e intellettuale della cosiddetta classe borghese italiana (o forse, sarebbe meglio dire degli "arricchiti")

0 0
vote up!
vote down!

il problema dei soldi e dell'occupazione e' grandissimo in questi ultimi anni.la disoccupazione aumenta e le aziende chiudono. ma vedo sempre piu' stranieri a lavorare in posti che potrebbero essere occupati da italiani e mi chiedo la ragione di cio'. nei bar come nelle stazioni di servizio nelle fabbriche ecc.ecc. siamo noi italiani che non vogliamo piu' fare certi lavori (allora possiamo vivere aspettando il lavoro che ci va bene) oppure sono piu' bravi gli stranieri a fare certi lavori ? (e sono preferiti agli italiani dalle ns. aziende)mi piacerebbe sentire altri pareri

0 0
vote up!
vote down!

@paolo45.....noi abbiamo la fame....voi no.tutti giovani it. vogliono lavorare solo come impiegati anche se hanno solo la terza media.....mi e capitato di lavorare con uno di 20 ani,il suo primo giorno di lavoro arrivato alle 08.00 - alle 08.15 mi chiedeva quando si fa la pausa............ps: faccio i turni in fabrica,ho finito alberghiro serale (se si mette male e rimango di nuovo senza lavoro vado su per le montagne a far stagioni) e a malincuore ho dovuto rinunciare al universita(scienze viticole univr) e sto aspetando che i prezzi scendono ancora (cosa che sicuramente succedera) per prendere una casa...

0 0
vote up!
vote down!

@paolo45.....noi abbiamo la fame....voi no.tutti giovani it. vogliono lavorare solo come impiegati anche se hanno solo la terza media.....mi e capitato di lavorare con uno di 20 ani,il suo primo giorno di lavoro arrivato alle 08.00 - alle 08.15 mi chiedeva quando si fa la pausa............ps: faccio i turni in fabrica,ho finito alberghiro serale (se si mette male e rimango di nuovo senza lavoro vado su per le montagne a far stagioni) e a malincuore ho dovuto rinunciare al universita(scienze viticole univr) e sto aspetando che i prezzi scendono ancora (cosa che sicuramente succedera) per prendere una casa...

0 0
vote up!
vote down!

poveri pezzenti, sempre a sognare di comprare di riuscire a mollare il vostro tugurio in affitto, anche in agostoanche a me piacerebbe sapere a chi ti stai rivolgendo: ho la sensazione che il tuo discorso, in realtà, celi un nervosismo prossimo al collasso lo deduco da quel - torno dalla ferie per cambiare le valigie - goditi pure le tue ferie, a novembre avrai modo di rimpiangere la serenità di chi non ha nulla da perdere, mentre tu ti rosicherai le mani e la mente perché vedrai svanire i tuoi capitali virtuali: in italia sta bene solo chi ha tanto e chi ha niente. tu sosterrai chi ha niente perché il governo ti immolerà alle banche e a chi non arriva a fine mese: è una questione di voti; i proprietari come te sono pochi, quelli che hanno niente sono tanti e quindi da tenere a freno.gentile paol45 la cosa che mi preoccupa veramente e che gli italiani non intendono più lavorare come schiavi (negli anni 60, in germania, erano molto apprezzati per la loro laboriosità) e quando dico schiavi mi riferisco ai prelievi fiscali eccessivi (in teoria il 55% nella pratica oltre il 70%) a vantaggio di una classe politica che non merita niente.lavorare una vita per poi non poter andare in pensione, meglio morire subito?! i politici avranno un bel da fare a trovare le risorse per dar da mangiare a gente che non vuole più lavorare. la conferma viene dal numero d'imprese che chiudono e quelle che aprono spesso hanno programmano la chiusura: saranno gli extracomunitari a pagare la nostra pensione? ne dubito!chi vivrà vedrà

0 0
vote up!
vote down!

a mio avviso, i prezzi delle case in italia continuano ad essere troppo alti, naturalmente in rapporto agli stipendi (sempre più bassi e precari) ed al costo della vita sempre più scandalosamente alto.tutto è fermo, a parte qualche caso "disperato", ma chi sta aspettando (a vendere) credendo che il prezzo dovrebbe risalire secondo me sbaglia di grosso, in realtà prevedo una discesa anche forte, e questo nel migliore dei casi, ovvero considerando che l'euro rimanga la nostra moneta, nel caso invece tragico che dovessimo tornare alla lira...allora sarà la catastrofe, un vero tracollo del valore di tutto compreso il mattone e oltretutto chiunque dall'estero venga qua con una moneta importante potrà fare man bassa ovunque, anche in quei posti dove ancora oggi si mantengono alti i prezzi

0 0
vote up!
vote down!

#26 dubito che i ricchi borghesi si esprimano in quel modo: la classe dei ricchi è diversa.sono convinto che si tratti di qualcuno che ha osato tentare la scalata in campo immobiliare ed ora con la crisi si trova a fare i conti con un mutuo insostenibile e magari vorrebbe vendere al prezzo d'acquisto per non rimetterci quattrini. chi ha fatto acquisti negli ultimi cinque anni dovrà fare i conti con un valore via via decrescente: lo confermano le offerte di vendite di preliminari con accollo mutuo.consiglio a tutti di vedere il filmato:http://www.idealista.it/news/archivio/2012/08/17/058298-effetti-da-bolla-immobiliare-i-quartieri-fantasma-irlanda-videoquanta tristezza e da noi non va affatto meglio!dice bene gino i prezzi delle case sono troppo alti per le nostre entrate... se poi ci si mette qualche improvviso licenziamento... il quadro è completo

0 0
vote up!
vote down!

purtroppo la crisi è generale e i risparmiatori che erano convinti nell'investire sugli immobili si sono ristretti sia per la mancanza di mutui (elemento principale),sia per la poca possibilità di aver un reddito a causa dell'imu,che penalizza gli investitori.le imprese edili sono restie ad iniziare nuovi interventi,anche se molti hanno acquistato terreni,ma aspettano tempi migliori e si dedicano a finire le già iniziate operazioni.molti infatti si fermano al grezzo avanzato ed aspettano gli acquirenti.lo stato non aiutando l'edilizia (settore trainante di tutte le attività) crea un blocco alla ripresa. le banche poi ricevono,ma non danno e chi chiede un mutuo nella maggioranza dei casi riceve un rifiuto

0 0
vote up!
vote down!

che commenti inutili ! ma vi rendete conto che gli stipendi italiani non sono aumentati in questi 12 anni di euro ??? vi siete domandati come mai e perché ? perché l'italia deve pagare il debito pubblico non questo ultimo di 2milla miliardi ma anche il fatto che e ' entrata nella cee nella zona euro ! poteva stare nella cee ma senza entrare nell' euro come ha fatto la gb o uk o altri paesi ! islanda ha fatto un referendum ed e' uscita dall'euro , nazionalizzando le banche e annulando il debito pubblico fasulo come quello italiano ! ma islandesi sono un popolo compatto non come gli italiani che con tutta la crisi vanno in vacanza e se ne fregano del referendum ! preferiscono andare come gli soliti immigranti all'estero come i loro nonni , pur di rimanere in italia e fare il referendum ! ma volete capire una volta per sempre che i politici che hanno delapidato questo paese non avranno mai l 'intenzione di fare come in islanda !

0 0
vote up!
vote down!

mediocri mattonari che non avete le minime nozioni sulle situazioni socio economiche assai diverse di ciascuno paese della zona euro ! con quanta mediocrità metteti tutti allo stesso livelo ! ma dove avete studiato l'economia internazionale anzi geo-economia politica ed internazionale ?

0 0
vote up!
vote down!

la situazione attuale in realtà era prevedibile. i prezzi erano gonfiati da un accesso al credito troppo "leggero", ora che l' erogazione dei mutui è di fatto calata del 50% almeno, si assiste al fenomeno contrario. per vendere in queste condizioni si deve finire nelle mani dei facoltosi che forzano il mercato a loro piacimento. un altro elemento che si dovrà traguardare per le prossime trattative sarà quello della differenziazione tra nuovo ed usato che non potrà essere pagato più del 60% del valore del nuovo di classe energetica alta

0 0
vote up!
vote down!

il mercato immobiliare va male in italia grazie a:1- le banche che finanziano solo chi ha il grano, impedendo a molti potenziali acquirenti di approfittare dei prezzi bassi per comprarsi la prima casa2- chi vuol vendere per comprare una casa più grande, bella, moderna non riesce a vendere e attende 3- chi ha liquidità non la investe in italia ma all'estero, svizzera, inghilterra, grandi città europee e usa, ingrassando gli imprenditori e speculatori locali e impoverendo il paese4- chi fomenta campagne anti-mattone e chi gode a sentire notizie negative

il mercato immobiliare ha perso migliaia di posti di lavoro per la crisi, chiedete a questa gente se erano speculatori o onesti lavoratori !!!

il 10% del pil è legato al settore immobiliare, direttamente o indirettamente, meditate gente!

se i prezzi calano oggi che male c'è? aumenteranno di più domani, è il mercato, siate sereni e se trovate un immobile che vi interessa compratelo e usatelo, serve anche a quello !preferite comprare una bella auto fiammante che dopo 10 anni vale zero? preferite pagare un affitto?bene fate girare i soldi, nessun problema

0 0
vote up!
vote down!

gira la ruota gira la ruota

il prezzo di una ''casa''!!!!!!!!!! è quello che l'acquirente medio può permettersi............... e, da qualche tempo, senza il mutuo della banca(che non ha più ''liquidità'' e non può prestare....., non è che non vuole)

auguroni

il mattone il migliore investimento ah ah ah ah ah

0 0
vote up!
vote down!

il prezzo di una ''casa''!!!!!!!!!! è quello che l'acquirente medio può permettersi

infatti loro non parlano di prezzo, ma di valore, e secondo loro il valore lo decide chi vende... che risate!

0 0
vote up!
vote down!

considerato che in italia siamo tutti evasori, non possiamo permetterci acquisti coi fondi neri, quindi abbiamo deciso di penalizzare il mercato immobiliare perché gli acquisti sono tracciabili. fra qualche mese, quando saremo usciti dal tunnel - parola di monti - torneremo a fare acquisti, perché, nel frattempo, saremo diventati tutti più buoni e avremo bandito l'evasione dai nostri pensieri.auguri a tutti

0 0
vote up!
vote down!

mi piacerebbe sapere perchè i recensori degli articoli che parlano di prezzi fermi e calmi non aprono gli occhi sulla situazione reale e cioè che i prezzi degli immobili in vendita continuano a calare e sopratutto che il prezzo finale di rogito (quando ci si arriva!!!) lo stabilisce la parte acquirente e se il venditore ha bisogno di realizzare cala cala e ancora cala le pretese (e le braghe!!!) cerchiamo di esser seri e dire (finalmente) la verità

0 0
vote up!
vote down!

ma perchè quelli che scrivono da anni che il mercato immobiliare è fermo con i prezzi stabili e che il px anno ci sarà una ripresa ecc ecc di queste cazzate non si guardano intorno e non vedono la quantità di case in vendita a dei prezzi assurdi e che non si muove niente!!!!!!! la morale è che il prezzo delle case lo fanno gli acquirenti (quei pochi che ci sono...) e che chi vende è costretto ad accettare una diminuzione del valore ben superiore a quel 15 20 % che ci dicono altrimenti ....se lo tengono l'appartamento con l'illusione......che valga chissà quanto!!! intanto chiudono (qui' a bologna) molte agenzie immobiliari. meditate gente meditate. il prezzo degli appartamenti immobiliari sono quelli che scrivono i notai sui rogiti e non quelli che le parti venditrici e le agenzie imm.ri chiedono.........continuate a meditare gente !!!

0 0
vote up!
vote down!