notizie sul mercato immobiliare e economia Vai su idealista.it »
savills

savills: i prezzi delle case in italia sono i più sproporzionati d'europa (grafici)

scritto da: team

i prezzi delle case in italia sono i più sproporzionati in europa rispetto ai redditi. a dirlo è un rapporto proveniente da londra, a cura del centro di ricerche di savills, una delle più grandi società di real estate al mondo

come vediamo nel grafico in alto, che tiene conto dei dati eurostat, un tipico appartamento da 90 mq costerebbe in italia in media 264.000 euro. questo valore, se confrontato con il pil pro-capite (gdp per capita), mette in luce come il rapporto tra prezzi delle case e ricchezza media sia assolutamente sproporzionato

savills3

l'indice house price ratio (quando è vicino a 4 rappresenta l'equilibrio) è in italia quasi a 8, mentre in spagna, dopo i crolli dei prezzi, sta raggiungendo la normalità e in irlanda, il paese che ha sperimentato la maggiore bolla immobiliare, le correzioni sono state rapide e sonore

in questi cinque di crisi, infatti, mentre in molti paesi europei i prezzi delle abitazioni sono scesi in modo notevole, da noi è un fenomeno appena cominciato

savills2

il rapporto tuttavia sottolinea come il mercato immobiliare di un determinato paese non segua sempre le stesse leggi. nel regno unito e francia, per esempio, i macro distretti di londra e parigi costituiscono un mondo a parte, mentre in italia, suggerisce che, nonostante i prezzi siano i più sopravvalutati del continente, altri fattori possano spiegare questo fenomeno, come per esempio i risparmi delle famiglie

è comunque vero che negli ultimi mesi il mercato italiano sta cambiando in modo rapido e che per la primi volta la crisi del settore si sia estesa a tal punto da poter riservare delle sorprese

articolo visto su
(idealista.it/news)
pubblicità

commenti

per commentare devi effettuare

e meno male che se ne sono accorti gli inglesi perché, altrimenti, noi italiani pecoroni staremmo zitti come abbiamo fatto fino ad ora.....

per non parlare dell'incredibile perdita di valore dei nostri stipendi in tutti i campi, grazie al mancato controllo dei prezzi dopo l'introduzione dell'euro..... italiani pecoroni, ci meritiamo tutto!

0 0
vote up!
vote down!

certo, se tutti gli italiani sono come te ossia passano il tempo a lagnarsi.

0 0
vote up!
vote down!

nell'articolo si dice che il fenomeno è spiegato anche dai risparmi delle famiglie italiane, che sarebbero più alti che negli altri paesi; ma per quanto ancora ci saranno risparmi?

0 0
vote up!
vote down!

il grosso sbaglio tipicamente italiano è stato pensare che la casa fosse il salvadanaio dele famiglie.il bene "casa" oltre ad essersi rivelato troppo costoso ha anche i difetti di non poter oggi essere venduto ai prezzi del 2007 e di non essere utilizzabile parzialmente come i normali risparmi finanziari.queste due grandissime limitazioni ridurranno praticamente a zero il mercato immobiliare a scopo investimento e, anche per quello ad uso abitativo, prenderà sempre più piede l'affitto visti e considerati i costi ed i vincoli posti da un immobile di proprietà, e la possibilità di pagare un canone di locazione con gli interessi dello stesso capitale investito in mercati differenti, capitale comunque disponibile ed utilizzabile in qualsiasi momento totalmente o parzialmente

0 0
vote up!
vote down!

partendo dai dati dell'articolo, per l'italia si ricava un gdp pari a 33.600€, moltiplicato per l'indice house price ratio (quando è vicino a 4 rappresenta l'equilibrio) e in italia è quasi a 8, si ricava che il prezzo medio corretto per un app di 90mq è di 134.000€ (~ -50%)

quest'analisi inglese coincide perfettamente con il calcolo della serva che tutti avranno fatto almeno una volta: se dal 2002 al 2012 l'inflazione è stata fra il 25/30%, com'è che le case hanno preso più del 100%?

ora ho un'idea del prezzo da chiedere, quindi il 99% degli annunci sui vari siti sono prezzi fuori mercato. (ovviamente esclusi immobili di pregio, milano, roma, ecc...)

0 0
vote up!
vote down!

a roma anche in zone ultra popolari 90 mq sono ampiamente sopra i 300mila euro, la sproporzione nella realtà è ancora maggiore.fate vobis

0 0
vote up!
vote down!

la peggiore controindicazione dell'investimento immobiliare è nella sua nulla liquidità istantanea.infatti una casa non è immediatamente liquidabile come una qualsiasi altra forma di investimento.ci possono volere mesi se non anni prima di riuscire a disfarsene,e in questo periodo,anche svendendo la proprietà, non è detto che si trovi qualcuno disposto ad acquistarla.ormai i prezzi sono scesi di oltre il 20% dal picco di qualche anno fa (prezzi reali non quelli ridicoli e farlocchi appesi nelle vetrine delle agenzie immobiliari)e si può lecitamente supporre che anche il -50% di crollo dal top possa essere non sufficente per tornare ad un equilibrio tra domanda e offerta

0 0
vote up!
vote down!

questi dati riguardano la media italiana. cosa uscirebbe fuori se il calcolo si facesse sui prezzi della sola città di roma?e non mi riferisco agli immobili di pregio, ma a quelli semiperiferie romane

0 0
vote up!
vote down!

la verità nuda e cruda dei numeri... un buon articolo, anche se dubito che gli irriducibbbbili siano in qualche modo in grado di intendere e volere

0 0
vote up!
vote down!

i numeri ci sono tutti perché a roma in quartieri pseudoresidenziali 90 mq arrivano tranquillamente a 500.000 euro. se si pensa che la stragrande maggioranza è stata acquistata con mutui nella migliore delle ipotesi al 50% del valore della casa, questa alla fine, sarà costata intorno ai 750.000 euro... che mazzata, aver comprato in questa condizioni è stato lo sbaglio della propria vita, soprattutto quando si legge che gli italiani hanno cominciato a comprare case in svizzera, poi a londra ed ora anche in austria.non vorrei essere affatto nei panni di coloro che si sono comprati casa dal 2004 ad oggi perché i soldi che hanno speso non li rivedranno ma più

0 0
vote up!
vote down!

beato chi si è potuto comprare casa in italia o in altre nazioni. chi come me è stato sfrattato e non può comprarsela dove può abitare?

0 0
vote up!
vote down!

mi spiace davvero per il tuo sfratto e spero con tutto il cuore che riuscirai a cavartela al meglio,se può consolarti ti dico che chi sta peggio di te sono coloro che hanno acceso un mutuo per acquistare una casa che ora vale la metà del valore e che dovranno pagare per tutta la vita un bene che non si rivaluterà mai più come ai valori che hanno acquistato.oggi molto meglio non avere la casa che avercela ed essere costretti a pagarla un valore che non esiste più.molto meglio l'affitto,e stanno già scendendo i canoni,aspetta un po e vedrai che crolli anche sulle locazioni

0 0
vote up!
vote down!

se può consolarti ti dico che chi sta peggio di te sono coloro che hanno acceso un mutuo per acquistare una casa che ora vale la metà del valore e che dovranno pagare per tutta la vita un bene che non si rivaluterà mai più come ai valori che hanno acquistato

si, ma la casa è un bene primario che dovrebbe servire per viverci, non per ricavarne un guadagno

0 0
vote up!
vote down!

si, ma la casa è un bene primario che dovrebbe servire per viverci, non per ricavarne un guadagno

dovrebbe essere così.in realtà abbiamo detto già tante volte che la richiesta di prezzi quantomeno esosi è stata dapprima giustificata col fatto che il mattone negli ultimi cento anni è sempre cresciuto di valore, poi dal fatto che comunque è sempre la casa in cui vivere.comunque vorrei veramente vedere la reazione di una persona che ha comprato casa sei o sette anni fa, con oltre 20 anni di mutuo da pagare, davanti all'evidenza del fatto che nessun acquirente gli offre oggi, nel migliore dei casi, più dell'80% di quanto pagato.sono sicuro che il pensiero che ciò che ha comprato è la sua casa, non sarebbe sufficiente a riconsolarlo della perdita di valore e con questo ritorno ad un concetto fondamentale: la casa, al contrario di quanto molti hanno voluto far credere, è un investimento grandissimo sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista dei vincoli che essa oggi pone. come tale deve essere valutato a sangue freddo e senza rendersi preda di facili entusiasmi

0 0
vote up!
vote down!

comunque vorrei veramente vedere la reazione di una persona che ha comprato casa sei o sette anni fa, con oltre 20 anni di mutuo da pagare, davanti all'evidenza del fatto che nessun acquirente gli offre oggi, nel migliore dei casi, più dell'80% di quanto pagato

credo che, per consolarsi, dovrebbe pensare a quanti anni di stipendio non ha gettato via nell'affitto. la famiglia di una mia parente anni fa era in affitto (800.000 lire al mese, in zona niguarda a milano). si sono detti: ma chi ce lo fa fare di buttare via tutti questi soldi? così, con qualche sacrificio, hanno comprato casa

certo, magari fra 20 anni non riusciranno a rivenderla guadagnandoci, ma vuoi mettere? avranno un piccolo capitale oppure una bella casa da lasciare ai loro figli

0 0
vote up!
vote down!

credo che, per consolarsi, dovrebbe pensare a quanti anni di stipendio non ha gettato via nell'affitto. la famiglia di una mia parente anni fa era in affitto (800.000 lire al mese, in zona niguarda a milano). si sono detti: ma chi ce lo fa fare di buttare via tutti questi soldi? così, con qualche sacrificio, hanno comprato casa

siamo sempre alle solite: dire che conviene comprare casa pagando un mutuo piuttosto che rimanere in affitto non ha alcun senso se non si contestualizza in un determinato periodo.è ovvio che non conviene pagare un affitto se si è dipendente statale con lavoro sicuro a qualche km da casa e se si può comprare pagando per 10 anni una rata del mutuo uguale all'affitto e con un anticipo "umano".questo è avvenuto negli anni passati e lo valutiamo ora col senno del poi.quanto costa invece oggi comprare un appartamento nella zona che lei dice e che io non conosco?io posso solo dirle che comprare un appartamento a roma, di cui conosco bene i prezzi, ci vogliono tanti soldi e soprattutto tanti risparmi e un'infinità di sacrifici, quando si è nella possibilità di farli, tra l'altro in una realtà che non offre possibilità di lavoro (basta guardare gli annunci di lavoro e troverà solo qualcosa a contratto al massimo a 1000 euro al mese).che senso ha quindi spendere una cifra prossima a 500.000 euro (mutuo compreso) se già avendo già 400.000 euro di risparmi ci tiro fuori una rendita da quasi 20.000 euro l'anno che mi permettono di pagare l'affitto che voglio e di essere indipendente da banche, di muovermi come voglio se cambiano le condizioni lavortive etc etc?purtropo caro signore, la realtà oggi è questa: senza lavoro e, conseguentemente, senza soldi, è difficile tirare avanti quindi non vedo proprio la logica di bruciare tutti i risparmi e indebitarsi con una banca per avere un qualcosa che mi costerà e mi vincolerà ad una città che non offre nulla.quello che è stato 30 anni fa difficilmente si verificherà nuovamente nei prossimi vent'anni anche perché l'impoverimento generale della media borghesia che abita a roma nei quartieri residenziali, dove appunto sono in vendita appartamenti da 500.000 a 800.000 euro, è evidente e i figli di questa ex-classe agiata (quelli che negli anni '80 facevano la settimana bianca, 3 settimane di ferie al mare e avevano magari due case e auto nuove ogni due o tre anni) non potranno sicuramente ripetere quello che hanno fatto i propri genitori anche e soprattutto per l'oramai inesistente condizione di mercato del lavoro che le ha favorite, e delle logiche del guadagno a tutti i costi delle quali per un bel pezzo pagheremo le conseguenze sulla nostra pelle.comprare casa oggi ha senso solo se l'acquisto implica il sacrificio di una parte dei propri risparmi e, sopratutto, se il prezzo è quello normale del 2001 al quale si somma l'inflazione di questi 11 anni.in ogni altro caso si regarebbero dei soldi e su questi ci si pagherebbero anche delle tasse.poiché l'attuale situazione impone una valutazione oculata di ogni spesa, soprattutto quando una piccola percentuale corrisponde a decine di migliaia di euro, ne deduco, e le banche insegnano, che è meglio avere, anche pochi, dei soldi che fruttano piuttosto che case che alla fine costeranno

0 0
vote up!
vote down!

che senso ha quindi spendere una cifra prossima a 500.000 euro (mutuo compreso) se già avendo già 400.000 euro di risparmi ci tiro fuori una rendita da quasi 20.000 euro l'anno

naturalmente sto parlando di persone che non hanno 400.000 euro di risparmi, è ovvio, bensì di persone che vivono del loro stipendio

quello che è stato 30 anni fa difficilmente si verificherà nuovamente nei prossimi vent'anni anche perché l'impoverimento generale della media borghesia che abita a roma nei quartieri residenziali, dove appunto sono in vendita appartamenti da 500.000 a 800.000 euro, è evidente e i figli di questa ex-classe agiata (quelli che negli anni '80 facevano la settimana bianca, 3 settimane di ferie al mare e avevano magari due case e auto nuove ogni due o tre anni) non potranno sicuramente ripetere quello che hanno fatto i propri genitori

questo è, purtroppo, tristemente vero. viste le condizioni di lavoro sempre più precarie, vista la possibilità di doversi spostare continuamente per lavoro (dobbiamo diventare "americani", no?) ci sarà una rivoluzione nel "sistema casa": ovvero, una minoranza fortunata potrà permettersi di comprarla, considerando anche che la spending review porterà anche a una consistente riduzione di coloro che hanno un posto fisso statale ; bisognerà ricorrere al social housing, ripensandolo nel senso di dare un'abitazione decente a una classe media e non case fatiscenti

e, inevitabilmente, per le leggi di mercato, il prezzo delle case si abbasserà notevolmente

è il capitalismo, baby!

0 0
vote up!
vote down!

naturalmente sto parlando di persone che non hanno 400.000 euro di risparmi, è ovvio, bensì di persone che vivono del loro stipendio

mi perdoni l'omissione.intendevo riferirmi a chi ha la "reale" possibilità di comprarsi una casa da 500.000 euro a roma e ai risparmi che questi deve avere per farlo.è ovvio che chi vive del proprio stipendio e ha poche migliaia di euro di risparmi, e sono la maggioranza delle persone, un acquisto del genere oltre a non poterlo fare (la banca non ti da 450.000 euro di mutuo) non avrebbe neanche senso farlo qualora si potesse, visto che non esiste nessuna garanzia lavorativa per rimborsare un prestito così impegnativo

0 0
vote up!
vote down!

intendevo riferirmi a chi ha la "reale" possibilità di comprarsi una casa da 500.000 euro a roma e ai risparmi che questi deve avere per farlo

ecco, mi tolga una curiosità: come fanno a roma i ceti anche medio-bassi (chiedo scusa per la definizione, non è dispregiativa, ma oggettiva) ad potersi permettere tali mutui??

0 0
vote up!
vote down!

ecco, mi tolga una curiosità: come fanno a roma i ceti anche medio-bassi (chiedo scusa per la definizione, non è dispregiativa, ma oggettiva) ad potersi permettere tali mutui??

ci mancherebbe, di fatto è come dice leia roma il ceto medio ha potuto in passato comprarsi una casa da 400.000 euro. vuole sapere come?2 stipendi medi ai quali vanno sommati i risparmi propri, quelli dei genitori di lui e dei lei un bel mutuo anche da oltre 250.000 euro fino a 40 anni (non mi prenda per pazzo, esistono, ne ho uno tra i parenti che lo ha fatto) rata da 1.200 a 1.500 euro al mese, per il quale si sono fatti garanti i genitori e i nonni.oggi queste spese le può fare invece una persona che ha cash perché, per quanto si possa guadagnare, è difficile che la banca ti conceda una rata maggiore del 30% delle entrate.questo ovviamente se si parla di persone normali, se poi consideriamo che ci sono persone effettivamente ricche come farmacisti, notai, alcuni avvocati, negozianti, il discorso cambia ma in questo caso c'è da dire che queste persone cercano ben altro che l'appartamento da 500.000 euro e non credo che abbiano bisogno di chiedere un mutuo visto che sono venuto a sapere che un notaio "normale" arriva a guadagnare qualcosa come 120.000 euro al mese

0 0
vote up!
vote down!

a roma il ceto medio ha potuto in passato comprarsi una casa da 400.000 euro

grazie della spiegazione; questo presuppone l'esistenza di congrui risparmi e la possibilità di destinare almeno uno stipendio al mutuo. per quanto ci si potrà permettere tutto ciò?

allo stesso tempo, non si può fare a meno di notare che i prezzi a roma (e, in parte, anche a milano) sono stati stra-gonfiati

se i prezzi non diminuiscono, si assisterà a un trasformazione dell'anagrafe capitolina (un po' come sta avvenendo a milano): ovvero, diventerà una città di stranieri (che vivono in 10 in un appartamento), di ricchi e di anziani

0 0
vote up!
vote down!

grazie della spiegazione; questo presuppone l'esistenza di congrui risparmi e la possibilità di destinare almeno uno stipendio al mutuo. per quanto ci si potrà permettere tutto ciò?

io ho sempre sostenuto che ben presto sarebbe finito tutto, se non altro perché, lavorando, vedevo e continuo a vedere cosa succede nel mondo del lavoro; non mi sono sbagliato, era evidentissimo anche ad un cieco che si trattava di una speculazione senza vergognaripeto: quanto visto è stato possibile grazie alla concomitanza di fattori che lo hanno permesso (molta gente rinuncia a chiedere il mutuo e una piccola percentuale di quelli chiesti viene concessa) e in futuro cambierà tutto.certo, la vedo dura convincere chi ha comprato all'apice dei prezzi e sta pagando mutui pazzeschi, ma comunque esiste un ricambio naturale della popolazione e coloro che si troveranno con case che non possono usare per vari motivi e che non possono mantenere, dovranno fare i conti col mercato.è solo questione di tempo

0 0
vote up!
vote down!

mi chiedo: ma quei poveri concittadini che hanno acquistato casa 5 anni fa, tipo un appartamento pagato 300.000 euro con mutuo al 100% di durata trentennale e da quello che leggo qui e da altre fonti, i prezzi scenderanno anche del 50% (giustamente) secondo voi cosa faranno? si spareranno o cosa? cioè.. i numeri sono li da vedere non si scappa, ma il sentimento il sentire comune mi sembra sia lontano da questi fatti, come se si vivesse su un altro pianeta? quello che mi chiedo è appunto cosa succederà quando l'italiano medio si risveglierà dal sogno e farà quattro conti, sceglierà: a) la bocca della pistola b) farà la rivoluzione c) continuerà a brucare l'erba come se nulla fosse? uhm.

0 0
vote up!
vote down!

questi dati dimostrano una sola cosa oggettivamente incontrovertibile. il salario medio in italia è il vero problema. se i nostri stipendi si uniformassero a quelli tedeschi/inglesi ed in parte anche francesi, questi dati cambierebbero e porterebbero il rapporto tra costo delle case e ricchezza ad un livello assolutamente accettabile.tutti pensano che la soluzione dei nostri problemi sia portare il prezzo delle case a livelli spagnoli (cosa assolutamente impossibile dato che il problema della crisi immobiliare iberica non é nemmeno paragonabile a quello italiano) e non capiscono che invece il problema é portare i salari a livelli tedeschi. purtroppo nei piatti non si mettono mattoni e nei serbatoi delle auto nemmeno. magari potrà comprare casa risparmiando un po' ma poi con i nostri stipendi da fame saremo sempre alla canna del gas

0 0
vote up!
vote down!

quindi secondo voi non conviene comprare casa?io la sto cercando...penso sia sempre meglio avere un immobile che cogli anni si rivaluta che un capitale seppur investito che cmq resterà tale nel tempo no?che ne pensate?grazierr

0 0
vote up!
vote down!

"un immobile che cogli anni si rivaluta"... è proprio questa "credenza popolare" che ha portato agli scompensi odierni. non può rivalutarsi all'infinito, sarebbe illogico e impossibile, te lo dimostra il fatto che negli ultimi anni le case hanno perso (almeno) il 20% del proprio valore.. ma li hai letti i commenti precedenti?

0 0
vote up!
vote down!

cioè...ma se stiamo tutti dicendo che gli immobili non si rivaluteranno se non tra moltissimi anni......la casa ,se proprio la si vuole acquistare,bisognerà farlo quando la discesa dei prezzi si sarò sfogata,e non capiterà prima di almeno 2-3 anni se non di più,e quando tale discesa porterà i prezzi delle case,già scesi di un buon 20%,ad almeno un altro -30% dai prezzi attuali,per una perdita totale ,dal top del 2007,di un -50% .e io penso che in molti casi la perdita sarà superiore al 50% dai massimi

0 0
vote up!
vote down!

il fatto che la casa si rivaluti nel tempo è una cazzata atomica. non si rivaluta proprio nulla, tenendo conto del tasso di inflazione. quello che fa salire o scendere i prezzi è solo la domanda, che a sua volta dipende dalla possibilità di indebitarsi o meno. guardate ora: le banche non concedono più mutui a chiunque, quindi i prezzi scendono. l'affitto non è buttato, è solo il costo di un servizio. bisognerebbe far crescere il capitale in altro modo, con investimenti adeguati, non indebitandosi per 30 anni con il rischio di perdere il lavoro e di conseguenza anche la casa stessa. i prezzi resteranno sempre alti ed i compratori saranno sempre strozzati dai debiti finchè ci saranno milioni di persone ottuse che non aprono gli occhi ed iniziano a fare delle cose diverse dal gregge di pecoroni

0 0
vote up!
vote down!

rileggo il post di idealista dopo tantissimo tempo. tutto giusto (pare!!) l'articolo, ma mi sembrano migliori i commenti! più sensati, alla fine. che anche in italia (con la crisi mondiale e l'impoverimento voluto di vasti strati della popolazione) la casa (bene rifugio e bene-mamma per eccellenza) perdesse valore, era scontato. inoltre l'effetto domino (interno al paese ed esterno ad esso) fa il resto, ma i numeri dati non mi convincono: certo il rapporto mq e pil/pro-capite a berlino è ancora favorevole (anche se i prezzi stanno salendo velocemente, e la qualità costruttiva genericamente è molto inferiore alla nostra). ma londra? anche parigi non scherza e proprio non riesco a vedere la differenza con noi, anzi il mio socio (parigino) dice che le case in italia ancora .."convengono" (anche parigi avrà la sua "riassestatina" - hollande docet!) guardiamo un' attimo la canarie ad es., in fondo sempre spagna sono, ed a parte alcuni ruderi sperduti, che non fanno testo, i numeri sono sbagliati e non fanno fondamento (al momento), troppo dovranno calare (se caleranno mai così tanto) perchè il rapporto di cui sopra torni favorevole. quindi, eccezioni fatte, tutto questo enorme divario o prezzi stra-assurdi, genericamente, in italia non li vedo, certo le eccezioni (folli) ci sono e molti quartieri (pure di roma come di milano) dovranno rivedere ancora al ribasso le stime, perchè quartieri dormitorio, con pochi o senza servizi, distanti da tutto, ecc. è lo scotto per aver comprato bendati e troppo facilmente, comunque dire che il mattone è una jattura (come mi è capitato di leggere qui) è una grossa fesseria che testimonia l'ignoranza ed incompetenza (non voglio parlare di invidia o rancore) di chi esprime concetti che non conosce!

0 0
vote up!
vote down!

anzi il mio socio (parigino) dice che le case in italia ancora .."convengono"

mi sembra un pò forzato parlare di convenienza quando aumentano sempre di più le persone che fanno i conti con i problemi di sopravvivenza.quello di cui lei parla quando si riferisce alle eccezioni folli di roma (non mi pronuncio per milano perch non la conosco) sono la normalità. lei può considerare immobili ai margini del raccordo anulare nuovi, in quartieri residenziali vecchi, piccoli appartamenti ai margini di zone che sono molto più simili a borgate.il risultato è sempre lo stesso: da una parte perché sono nuove, dall'altra perché sono vecchie ma la zona è "centrale", i prezzi specialmente per appartamenti da 50 mq superano abbondantemente i 6.000 euro al metro quadrato. poco importa se poi se l'impressione sulla ricchezza reale degli abitanti della zona è ben altro, se i servizi non ci sono, se i cassonetti strabordano di immodizia, se è pieno di zingari che frugano i mezzo ai cassonetti, per non parlare poi dei regalini lasciati dagi amici a quattro zampe, dell'impossibilità d trovare un parcheggio etc etc.dove sarebbe la convenienza di spendere più di 1.000.000.000 di lire (lo scrivo in lire giusto per ricordare che i nostri stipendi sono fermi alla lira) per vivere in mezzo allo schifo ed ai disservizi?

0 0
vote up!
vote down!

concordo!!!!!!un proprietario

0 0
vote up!
vote down!

scusate, forse sarà il caldo e il mio cervello dà i numeri, ma letteralmente, parlano di "gdp per capita to house price ratio". il che in inglese significa il rapporto fra gdp per capita (nominatore) e prezzo delle case (denominatore). nominatore diviso denominatore. quindi più è alto il numero più le case sono a buon mercato. in altri termini questi dati, prendendo alla lettera il significato delle parole, vogliono dire l'opposto, ossia che le case italiane sono quelle più economiche .... sto impazzendo ????

0 0
vote up!
vote down!

è proprio come ho detto nel precedente intervento. infatti la germania (che ha notoriamente prezzi bassi, viene subito dopo di noi nella seconda figura postata nell'articolo. amici di idealista, c'è un errore nella interpretazione dei dati. quei dati dicono che gli italiani e i tedeschi hanno le case più a buon mercato rispetto a tutti gli altri !!!!!!!

0 0
vote up!
vote down!

l'argomento è sicuram rovente...che cosa succede agli immobili se l'euro si svaluta?aumentano o scendono?

0 0
vote up!
vote down!
0 0
vote up!
vote down!

finiremo così?

non lo so, ma le somiglianze tra italia e irlanda che emergono dal video che mi hai segnalato sono sconcertanti

0 0
vote up!
vote down!

gli aumenti ingiustificati dei prezzi delle case degli anni passati, a mio avviso, sono un fenomeno che meriterebbe di essere approfondito. infatti al di là dell'aumento di gran lunga superiore rispetto ai fondamentali economici del periodo, e della speculazione privata per l'investimento in un "bene rifugio" per eccellenza, ritengo che il primo beneficiario di tali sproporzionati aumenti sia stato lo stato: ci ha guadagnato con le tasse di registro e con la possibilità di "aggiornare" (cioè aumentare!) le rendite catastali degli immobili. è il solito discorso del socio occulto, che, senza nulla fare, ci guadagna senza alcun rischio. burocrati e politici di ogni colore facevano bella figura impinguando le casse statali

0 0
vote up!
vote down!

ritengo che il primo beneficiario di tali sproporzionati aumenti sia stato lo stato: ci ha guadagnato con le tasse di registro e con la possibilità di "aggiornare" (cioè aumentare!) le rendite catastali degli immobili

sono d'accordo. anche questo era ampiamente prevedibile ed è stata una cosa giustissimanon si può pensare di possedere un bene in perenne rivalutazione e pagare le tasse sulla minima parte del suo valore di mercato

0 0
vote up!
vote down!

non credo che la maggiore parte delle persone che "postano" siano degli economisti o magari solo dei semplici ragionieri appena diplomati ( senza nulla togliere agli stessi)solo da come scrivete al massimo potete avere la "licenza asilo"siete solo dei corvi e degli invidiosi che non potete permettervi nulla e una casa in "primis"siete degli accattoni schifosi che sperano nelle disgrazie di famiglie e singoli che con enorme sacrificio hanno acquistato la casa dove vivonoio ho una casa in vendita perchè mi sono trasferito all'estero andando a cercare una vita migliore e un lavoro migliore visto la crisi che ora investe il nostro paesesono arrivati dei "pezzenti schifosi" come voi e dei corvi maledetti(sempre come voi) che speravano in una mia "regalia" ..................tanto se vende ha bisognocol cazzo piuttosto faccio come fece nerone nell'antica roma ...........,,,,,,,,un bel fuocovoi mangimerda invidiosi dovete rimanere dei corvi morti di fame e comunque non potrete mai acquistare nulla (se volete posso darvi uno dei miei box dove metto la merda che non uso) e' nei box o nelle fogne che dovete viverenon sperate nelle disgrazie altrui.......lavorate sodo fatevi il c.......... e forse un giorno avrete un tetto sulle vostre luride testee' la gente come voi "corvi maledetti" che ha portato il nostro paese in questa condizionirispettate le famiglie che hanno lavorato duramente................tanto voi anche a 100.000 euro non potreste permettervelo perche' non siete poveri di tasca ( persone degne del nostro rispetto) ma siete poveri di anima ....godete e vi nutrite delle disgrazie altruila mia grande soddisfazione e che se uno di voi mi capita a tiro e mi fate una offerta vergognosa (alla quale comunque non potreste dare seguito perchè siete dei morti di fame e le banche non prestano piu' denare a delle merde come voi) faccio come ho già fatto .......vi mando a cagarei miei genitori e i genitori di molte persone che conosco hanno mangiato pa e cipolla per anni ...........io ho fatto sacrifici per anni e ora devo dare la mia casa al 50% in meno solo perchè voi dite che vale il 50% in meno?non andate a vedere le ferrari se avete i soldi per un motorino ciao merdosi

0 0
vote up!
vote down!

col cazzo piuttosto faccio come fece nerone nell'antica roma ...........,,,,,,,,un bel fuoco voi mangimerda invidiosi dovete rimanere dei corvi morti di fame e comunque non potrete mai acquistare nulla

caro fabrizio, noi avremo la "licenza asilo", ma temo che tu non abbia neppure quella, altrimenti saresti in grado di esprimerti in modo più civile. saluti

0 0
vote up!
vote down!

di solito non posto e non rispondoma sono stufo dei, iettatorie se permetti anche se forse ho più di una licenza asilo mi esprimo secondo l'ambiente in cui mi trovoporgi l'altra guancia non è il mio motto odio i "vorrei ma non posso"non puoi comprarti una casa? qual'è il problema? c'è l'affitto soluzione alternativa e dignitosama non si ragiona da "economisti" e da "maghi" se in effetti non capisci un c......o di economiae vaffanculo pure a te....ma vaffanculo 'nartra vorta

0 0
vote up!
vote down!

il problema è che nel 2001 un affitto medio era sulle 500000lire mensili e poi magicamente le 500 mila lire mensili si sono trasformate in 500 euro per la legge del mercato ed allora molti ingenuamente hanno pensato : quasi quasi compro casa e chi ci ha guadagnato? ma la risposta è ovvia : costruttori agenzie immobiliari banche; tutti complici del processo speculativo( che li ha arricchiti per 10 anni) e che oggi si sforzano di individuare i motivi della crisi o meglio della riduzione dei loro lauti guadagni

0 0
vote up!
vote down!

io invece ti rispondo e sono uno di quelli che può comprare e ha anche diverse case. la verità è che gente come te, come tanti costruttori ed agenti immobiliari siete stati i veri artefici di questa situazione. alverari umani, schifezze vere e prorie ( cambio della legge sulle superfici abitabili dice nulla ) vendute come castelli e con conseguenti guadagni che uno stato normale avrebbe subito bloccato visto che erano fatti palemente sulle spalle di povere famiglie. ma si sa che tanto siamo in italia.... ora ovviamente ti rode non poter più fare come prima vero ? comprare il porche sulle spalle di povere famiglie indebitate una vita.quanto godo a vedere gente come te in questo stato ! ed è solo l inizio.io le mie case le ho affittate da una vita a canone concordato e cerco sempre di adeguarmi alle situazioni di mercato e sopratutto degli affittuari. non sono ovviamente un benefattore ma è sempre andata bene. sopratutto mi posso guardare allo specchio, te invece ? comunque mettiti l animo in pace che i prezzi dovranno adeguarsi alla possibilità di spesa che realmente mostra una differenze dal 30 al 50 % rispetto ai prezzi attuali

0 0
vote up!
vote down!

scusate ma l'altro giorno non hanno accettato un mio messaggio contenente delle cifre in euro (non so il motivo della bocciatura) ed avallano un msg come quello di "fabrizio"?....che abbia ragione o meno sig. fabrizio si esprim in maniera + decente sennò eviti di scrivere ..grazie

chi mi puo' rispondere a questa domanda:se l'euro viene svalutata rispetto alle altre monete , dollari in primis cpsa succede al valore degli immobili?crollano?

grazie x le vs risposte

0 0
vote up!
vote down!

non credo che la maggiore parte delle persone che "postano" siano degli economisti o magari solo dei semplici ragionieri appena diplomati ( senza nulla togliere agli stessi)...........io ho fatto sacrifici per anni e ora devo dare la mia casa al 50% in meno solo perchè voi dite che vale il 50% in meno?

o magari gente che non ha l'anello al naso.e io invece ho fatto i sacrifici e ho mangiato pane e cipolla l'ho fatto per regalare a te i miei quando le case non ne vendono più? ma sei proprio ridicolo!caro mio, si vede proprio che hai qualcosa (?) che non ti va giù.purtroppo per te gente che ha soldi ma che non li regala, a te e gente come te, ce n'è eccome e tu lo sai benissimo infatti l'unica cosa che sei capace di fare è sparare a zero accusado gli altri di essere quello che sei tu: un ignorante maleodorante senza un euro

0 0
vote up!
vote down!

hei..... anonimo maleodorante ci sarai tu e tutta la tua razza (i morti di fame)io ho qualcosa e tu?non voglio la gente con l'anello al naso e non c'è nulla che non mi va giù ....tranne i cazzoni come te e poi......ma vattene affanculo

0 0
vote up!
vote down!

hei..... anonimo maleodorante ci sarai tu e tutta la tua razza (i morti di fame)io ho qualcosa e tu?non voglio la gente con l'anello al naso e non c'è nulla che non mi va giù ....tranne i cazzoni come tee poi......ma vattene affanculo

morto di fame sarai tu, io oltre ad avere casa, un appartamento in affitto prendo oltre 3.400 euro al mese di interessi dei soldi che gestisco, oltre ad avere un lavoro con contratto a tempo indeterminato da 2000 euro al mese.e vedi di moderare i termini. ai rifiuti della società come te non dovrebbe essere permesso neanche di esistere e sinceramente non so proprio quale sia il paese che abbia la sfiga di ospitarti per lavorare.la gente con l'anello al naso sono quelli che ancora credono che il mattone cresca e quelli che secondo te dovrebbero comprarti casa ai prezzi da bolla per mettere una pezza al tuo investimento immobiliare che si è rivelato un disastro.contracambio vivamente il tuo invito ad andare a quel paese, se non altro perché qui, con meno gente come te, le cose andranno sicuramente meglio. sperando sempre che all'estero non di rispediscano indietro a calci nelle palle

0 0
vote up!
vote down!

mamma mia, sarà il caldo, ma quante seghe mentali che vi fate!il mercato immobiliare é sempre stato ciclico. si alternano lunghi periodi di aumento dei prezzi a periodi piu brevi di assestamento o diminuzione. il saldo finale parla sempre di aumento dei valori assoluti.a questo giro le cose stanno andando esattamente nello stesso modo. dopo aumenti che negli ultimi dieci anni hanno toccato anche il 140%, adesso si registra una flessione che, se paragonata agli aumenti, é assolutamente poca cosa.come sempre quindi, chi ha comprato a 100 dieci anni fa oggi, si trova un capitale almeno raddoppiato, anche in presenza di diminuzioni dei prezzi del 20 30 per cento.certo, chi ha comprato da pochi anni al picco dei prezzi si vedrà diminuire il valore del suo investimento, ma se si considera anche la quota di affitto risparmiato la cosa non é così drammatica.negli ultimi ottanta anni, chi ha comprato casa non si è mai pentito della scelta fatta. semmai si sono sempre pentiti quelli che non compravano sperando sempre che nel futuro il mattone riebbe costato meno. la realtà, forse banale, é anche venti o trenta anni fa chi comprava una casa faceva un enorme sforzo economico. alcuni ci credevano altri no. mio padre ad esempio, non ci ha mai creduto e ha sempre pensato che con gli interessi sul capitale si poteva pagare un affitto mantenendo liquidità.per fortuna mia madre era di idee diverse ed ha spinto lui e noi figli a comprare. oggi noi figli abbiamo tutti una casa ed in questo momento di crisi ringraziamo mia madre. per quanto riguarda mio padre, se avesse investito in mattoni i soldi investiti in varie attivita commerciali negli ultimi venti anni, saremo multimilionari senza aver mosso un dito

0 0
vote up!
vote down!

bravo finalmente un commento serioanalisi logica e funzionale

0 0
vote up!
vote down!

hanno fatto la scoperta dell'america?la gente da 35 anni in giù non riuscirà mai a comprarsi una casa con gli stipendi da fame che si prendono,come fa un operaio a comprarsi una casa di 200.000 con 1.100 al mese....viviamo in un paese di merda,dove non esiste equità e proporzioni,io vivo in un conune toscano dove la metà delle abitazioni sono di tedeschi che vengono in vacanza..e sottolineo casa di vacanza,da premettere che cercano 2000-2500 euro al mese per case tipo favelas....io presto andrò a vivere a cuba...sarò ugualmente povero ma con meno disugualianza

0 0
vote up!
vote down!

pagine