Notizie su mercato immobiliare ed economia

Crisi Evergrande, Banca centrale: rischio spillover è controllabile

Pechino: creditori sparsi, banche non troppo esposte

Crisi Evergrande, Banca centrale: rischio spillover ? controllabile
Askanews
Autore: Askanews

 La banca centrale cinese ha assicurato che il rischio di effetto domino della crisi Evergrande sull'industria finanziaria è "controllabile". A dirlo è stato il capo del dipartimento finanziario della Banca del popolo cinese (PBOC) Zhou Lan.

"L'esposizione finanziaria di Evergrande è meno che un terzo (del suo totale business), mentre i suoi creditori sono sparpagliati", ha affermato Zhou. "L'esposizione per le banche singole - ha continuato - è piccola. Nel complesso il rischio di spillover all'industria finanziaria è controllabile".

Lo sviluppatore immobiliare Evergrande sta creando forti grattacapi, perché appesantito da un debito-monstre da 262 miliardi di euro e perché, in grave crisi di liquidità, non è riuscito a ripagare una serie di debiti arrivati a maturazione, tanto che è a forte rischio di bancarotta.

Zhou, in una prima volta per una voce della banca centrale, ha apertamente puntato il dito contro il management di Evergrande. "C'è stato una gestione scadente negli ultimi anni. Non si è riusciti a gestire questi settori in maniera cauta, in accordo alle condizioni di mercato, ma ci si è allargati in maniera cieca", ha detto. E questo ha portato al deterioramento degli indicatori finanziari e, infine, alla crisi.

Quindi oggi la banca centrale chiede alla società, ha detto ancora Zhou, "un'accelerazione della vendita degli asset e una ripresa dei lavori di costruzioni".