Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come rinnovare casa con poco: per questi 10 lavori basterà un weekend

Autore: houzz (collaboratore di idealista news)

Il cambio di stagione porta spesso il desiderio di fare qualche piccola modifica, qualche “lavoretto”, che ci aiuti ad ammodernare e rendere più accogliente la nostra casa, senza stravolgere l’andamento della vita quotidiana. Ecco alcune proposte su cosa modificare in un weekend di lavoro fai da te o pianificato scrupolosamente con gli addetti ai lavori.

1. Ridipingere Il più classico degli interventi: cambiare il colore dà subito allo spazio una sensazione di nuovo e fresco. Non impazzite a scegliere i colori di tutte le stanze, concentratevi su un solo ambiente, anzi su una sola parete. Valutate con attenzione la tinta, magari campionate il colore vicino ai mobili, per essere sicuri che le due tonalità non contrastino troppo. Il risultato immediato e incoraggiante vi darà l’energia per rinnovare tutto l’ambiente o per tentare, nel weekend successivo, lo stesso esperimento nella stanza affianco.

Une cuisine originale

2. Lamare o cerare il parquet Il mio consiglio in questo caso è di affidarsi a mani esperte, per evitare sorprese. Consultate più di una figura specializzata e pianificate con calma questo tipo di intervento. Ricordatevi di chiudere gli ambienti non interessati, e prendetevi del tempo per spostare o impacchettare i mobili in modo che siano protetti dalla polvere.

lavoro in c.so Magenta
Appartement 90m2 + Terrasse - Levallois Perret

3. Cambiare lo zoccolino Può sembrare una cosa banale, ma anche questo tipo di modifica contribuisce a rinnovare l’aspetto del vostro appartamento. Per alleggerire gli ambienti carichi di arredo e legno scuro potete optare per un profilo bianco e basso; se amate gli ambienti un po’ industriali scegliete un profilo alto, per le atmosfere Liberty ce ne sono di molto sofisticati e ben lavorati; infine se volete un ambiente vintage potete procurarvi dei listoni da verniciare, o già verniciati, nel colore delle porte. Il lavoro è semplice: il materiale facilmente reperibile nei grandi magazzini di bricolage, la posa in opera facile da eseguire

4. Cambiare l’illuminazione Anche questa operazione richiede poco tempo, ma risulta di grande effetto. La scelta è davvero molto ampia: installare la lampada di design o quella costruita da soli? Se amate il bricolage i pezzi sono facilmente reperibili, è solo una questione di avere le idee chiare su che tipo di atmosfera volete creare. Fate attenzione a dosare bene la quantità di luce, per non rischiare di restare al buio, e se non avete molta dimestichezza con i cavi elettrici rivolgetevi ad una figura esperta.

Sustainable Kitchen Renovation: Before & After

5. Rinnovare il pavimento del bagno o della cucina In questo caso la parte più lunga del lavoro consiste nella scelta delle piastrelle. La cosa più importante da tenere in considerazione è lo spessore del materiale.

Per evitare gradini (e di dover tagliare la porta!) il mio consiglio è procurarvi un campione del pavimento esistente per misurarne lo spessore. Nella sfortunata eventualità che non riusciate a trovare la piastrella adatta potete anche modificare lo spessore del massetto, togliendo quello esistente e stendendone uno nuovo. Oltre all’aumento dei costi, questo comporterebbe anche un allungamento dei tempi, perché prima di posare è necessario che il nuovo massetto sia ben asciutto. Se il pavimento esistente è solido, vi consiglio anche di valutare le soluzioni extra-slim, dello spessore di 2-3 mm, che trovate in diverse soluzioni nel mercato.

6. Cambiare il box doccia Un altro lavoretto semplice da fare durante il weekend è cambiare il box doccia. Consumati dall’utilizzo quotidiano potete scegliere di sostituirlo con un elemento nuovo, magari in cristallo temperato, fatto apposta per il vostro piatto doccia. Prendete con cura le misure: parlate con il rivenditore per capire se ci sono tolleranze o se le misure sono fisse. Verificate inoltre con attenzione il tipo di apertura: se ad anta controllate se la rotazione è a destra o a sinistra; se scorrevole verificate che ci si lo spazio adatto per l’anta aperta.

7. Sostituire le rubinetterie I rubinetti spesso si rompono, gocciolano o si incrostano per il troppo calcare. Ogni tanto bisogna sostituirli, ma per questo tipo di lavoro vi consiglio di richiedere l’aiuto di un idraulico. Concentratevi bene sulla scelta del rubinetto e, a meno che non vogliate cambiare anche i sanitari, prestate attenzione al tipo di rubinetteria che avete già in casa: ad incasso nel muro, monoforo o a tre fori?

Altro consiglio è di investire un po’ su questo elemento, ci sono veramente tanti rubinetti e per tutte le tasche, ma se potete permettervelo optate per una fascia di spesa media: l’aspetto solido e la durata nel tempo vi convinceranno della bontà della vostra scelta.

Private house_Milano

8. Rinnovare i cuscini Anche quest’operazione semplice e divertente è risolvibile nel giro di poco tempo. Scelto lo stile (classico, etnico o romantico…). Concentratevi sui colori, sulle fantasie, giocate con i formati, e perché no? Azzardate fino a cambiare le fodere al divano.

Andrea Castrignano | Affari di Famiglia

9. Sostituire le tende Un altro grande classico nel restyling di un ambiente. Intanto valutate che tipo di tenda volete mettere: coprente o trasparente? A rullo, a pacchetto o a scorrimento? Colore neutro o sgragiante? Fantasia o tinta unita? Uguale per tutte le camere? O ogni stanza con il suo stile? Anche in questo caso la fantasia non ha limiti, ma la scelta va coordinata con l’ambiente esistente (pavimenti, pareti e mobili).

10. Sistemare i serramenti Ultima piccola operazione fai da te da sbrigare nel weekend è la messa a punto dei serramenti. Può sembrare una sciocchezza, ma almeno che non li abbiate sostituiti da poco, vale la pena spendere del tempo a calibrarne meglio le aperture, oliare le cerniere, mettere a punto i sistemi di apertura e di chiusura. Senza dimenticare gli eventuali elementi oscuranti: tapparelle, scuri o avvolgibili.

Martin House