Notizie su mercato immobiliare ed economia

Rottamazione delle cartelle e delle liti con il fisco, riaprono i termini. Ecco le date da ricordare

Autore: Redazione

Con la legge di Bilancio arriva anche il decreto con le norme sul fronte fiscale e si riaprono i termini per la rottamazione delle cartelle e delle liti con il fisco. L’intenzione è da un lato quella di recuperare gettito da tutti coloro che sono rimasti esclusi dalla prima edizione e dall’altro da chi ha ricevuto una cartella proprio nel 2017. Vediamo quali sono le diverse scadenze.

In merito alla rottamazione-bis che riguarderà chi non è in regola con la rottamazione tuttora in corso: il 30 novembre 2017 sarà il termine per pagare l’unica rata o le rate non versate alle scadenze del 31 luglio o del 2 ottobre (il termine slittato dal 30 settembre che cadeva di sabato).

A proposito, invece, della rottamazione-bis che riguarderà i contribuenti esclusi dalla prima rottamazione perché al 24 ottobre 2016 avevano piani di dilazione in corso con l'ex Equitalia e non erano in regola con i pagamenti: la prima scadenza, al momento, è quella del 31 ottobre 2017, data entro la quale l’Agenzia delle Entrate – Riscossione dovrà predisporre il modello di adesione per i ripescati.

Ecco le altre possibili scadenze:

  • 31 dicembre 2017: richiesta di adesione alla rottamazione delle cartelle presentabile soltanto online da parte dei contribuenti che avevano saltato rate del piano di dilazione;
  • 31 marzo 2018: l’agente della riscossione comunica l’ammontare delle rate scadute da versare per mettersi in regola;
  • 31 maggio 2018: per essere riammessi alla rottamazione delle cartelle bisogna versare in un’unica soluzione le rate non versate del vecchio piano di dilazione;
  • 31 luglio 2018: l’agente della riscossione comunica ai contribuenti riammessi l’importo delle rate dovute per aderire alla definizione agevolata;
  • 30 settembre 2018: i soggetti riammessi devono versare entro questa data la prima o unica rata della rottamazione maggiorata degli interessi calcolati al 1° agosto 2017;
  • 31 ottobre 2018: scadenza per il versamento della seconda rata della rottamazione da parte dei riammessi;
  • 30 novembre 2018: scadenza per il versamento della terza rata della rottamazione da parte dei riammessi.

In merito, infine, alla rottamazione-bis che riguarderà ruoli affidati alla riscossione da gennaio a settembre del 2017: la prima scadenza, al momento, è quella del 31 ottobre 2017. Entro tale data l’Agenzia delle Entrate – Riscossione dovrà predisporre il modello di adesione alla nuova rottamazione dei ruoli affidati al concessionario dal 1° gennaio al 30 settembre 2017.

Ecco le altre possibili scadenze:

  • 31 marzo 2018: l’Agenzia delle Entrate-Riscossione comunica al contribuente l’affidamento di carichi per i quali al 30 settembre 2016 non risulta ancora notificata la cartella;
  • 15 maggio 2018: termine per l’adesione alla rottamazione-bis;
  • 30 giugno 2018: l’Agenzia delle Entrate – Riscossione comunica entro questa data gli importi dovuti per l’adesione alla rottamazione bis secondo le rate prescelte;
  • 31 luglio 2018: scade il termine per il versamento della prima o unica rata;
  • 30 settembre 2018: scade il termine per il versamento della seconda rata;
  • 31 ottobre 2018: scade il termine per il versamento della terza rata;
  • 30 novembre 2018: scade il termine per il versamento della quarta rata;
  • 28 febbraio 2019: scade il termine per la quinta e ultima rata.