Notizie su mercato immobiliare ed economia

Aprire una nuova finestra in casa, quanto costa e quali permessi chiedere

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Voglia di luce in casa, ma non ci sono abbastanza finestre? C’è sempre la possibilità di aprire una finestra o un lucernario: basta sapere quali permessi chiedere e quali sono, indicativamente, i costi da sostenere.

Aprire una nuova finestra, quali criteri rispettare

Esistono infatti delle regole da rispettare secondo criteri urbanistici e di decoro, oltre che di stabilità dell’edificio stesso, e di conseguenza occorre chiedere dei permessi a seconda del lavoro che si deve fare. In particolare i criteri da rispettare sono:

  • Decoro dell’edificio, in particolare se si tratta di un condominio, nel quale gli interventi necessitano spesso del consenso dell’assemblea condominiale. Non è possibile praticare un’apertura che stoni con l’armonia dell’immobile nel suo insieme o che interferisca con la sua sicurezza e stabilità.
  • Distanze dagli altri edifici: sono regolate dal Codice Civile, secondo cui (art 905) non si possono aprire affacci (vedute) verso il fondo chiuso o non chiuso e neppure sopra il tetto del vicino, se tra il fondo di questo e la faccia esteriore del muro in cui si aprono le vedute dirette non vi è la distanza di un metro e mezzo. Non si possono parimenti costruire balconi o altri sporti, terrazze, lastrici solari e simili, muniti di parapetto che permetta di affacciarsi sul fondo del vicino, se non vi è la distanza di un metro e mezzo tra questo fondo e la linea esteriore di dette opere. Il divieto cessa allorquando tra i due fondi vicini vi è una via pubblica"Per praticare una semplice apertura che consenta l’entrata della luce ma non l’affaccio si può farlo liberamente purchè si rispetti una distanza dal suolo di 2,5 metri se ci troviamo al primo piano e di 2 metri se ci troviamo ai piani superiori. Se si tratta di un muro in comune col vicino, occorre anche il suo consenso.
  • Vincoli ambientali, paesaggistici o culturali. La soprintendenza o altro organo competente deve dare il nulla osta per la possibilità di effettuare aperture di finestre senza compromettere l’aspetto della zona in questione.

Quali permessi chiedere per aprire una nuova finestra

Per intraprendere i lavori di apertura di una nuova finestra occorrono i seguenti permessi:

  • La SCIA, firmata dal professionista che si occupa dei lavori.
  • In caso sia necessaria la cerchiatura dell’apertura, se praticata in un muro portante con conseguente necessità di redistribuire i pesi, occorre il deposito del progetto al genio civile.

Tutta la procedura potrebbe richiedere qualche mese prima di poter incassare il permesso di incominciare i lavori.

Quanto costa aprire una nuova finestra?

Ovviamente dipende dai materiali utilizzati e dalla tipologia del progetto. Il tutto include comunque, oltre a materiale e manodopera, che possono arrivare a costare sui tremila euro tra demolizione e smaltimento delle macerie e realizzazione della finestra in sé, la parcella del professionista che effettua progetto e gestisce la parte burocratica, che potrebbe ammontare anche a duemila euro. La pratica stessa potrebbe costare intorno ai 700-1500 euro a seconda dell’intervento richiesto a cui aggiungere eventuali oneri di invasione del suolo pubblico. A tutto ciò vanno aggiunti i costi degli infissi, intorno ai 4-600 euro al metro quadro.