Notizie su mercato immobiliare ed economia

Decreto sblocca Italia, le 3+1 misure per la casa che entrano nel testo e le 2 che ne rimangono fuori

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il decreto sblocca Italia, approvato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri, doveva rappresentare una novità importante per l'edilizia. Ma così è stato in parte, perché solo alcune delle misure per la casa previste nella bozza sono state inserite nel testo finale. Ecco le 4 novità che sono entrate e le 2 che ne sono rimaste fuori

Negli ultimi giorni il governo si è impegnato in un importante lavoro di limatura del testo, dagli oltre 90 articoli si è passati infatti solo a 44. Il pacchetto casa, che sembrava a rischio, è stato inserito con una versione ridotta rispetto alla formulazione iniziale. Ecco le 4 misure che sono entrate nel testo e le 2 che ne sono rimaste fuori

Le misure che entrano nel pacchetto casa

1) sconto fiscale per chi affitta: è previsto uno sconto fiscale (pari al 20% dell'immobile) per chi acquista una casa nuova o interamente ristrutturata, a condizione che l'abitazione venga affittata a canone concordato per almeno otto anni

2) sconti tasi per i cittadini virtuosi- i comuni possono accordare uno sconto della tasi, la nuova imposta sui servizi indivisibili, a un gruppo di cittadini o a un'associazione di commercianti se questi intervengono nella manutenzione o nella riqualificazione di un giardino, di una strada o di un arredo pubblico

3) ristrutturazioni più semplici- per avviare i lavori di ristrutturazione sarà sufficiente una semplice comunicazione, anziché una autorizzazione

4) condhotel- in realtà si tratta di una misura per le imprese che riguarda il settore alberghiero. Riguarda quelle strutture alberghiere che uniscono al servizio tradizionale l'attività di hotellerie in un'unità abitative a destinazione residenziale. I proprietari potranno trasformare le camere in abitazioni da vendere, sempre e quando queste non superino il 40% della superficie complessiva dell'hotel

Le misure che rimangono fuori

1) ecobonus- è stata rimandata alla legge di stabilità la conferma al 2015 della detrazione al 65% per l'efficienza energetica e la prevenzione antisismica

2) regolamento edilizio unico-
Il regolamento uguale per tutti gli 8mila comuni italiani avrebbe dovuto prevedere norme e definizioni tecniche omogenee sul territorio nazionale