Notizie su mercato immobiliare ed economia

L'eruzione del Cumbre Vieja alle Canarie vista dallo Spazio

Nuove splendide foto del satellite Copernicus Sentinel

L'eruzione del Cumbre Vieja alle Canarie vista dallo Spazio
Askanews
Autore: Askanews

Nuove e dettagliatissime immagini satellitari, scattate il 10 ottobre 2021 dal satellite Copernicus Sentinel-2 dell'Esa, mostrano il nuovo fiume di lava eruttato dal vulcano Cumbre Vieja, sull'isola di La Palma, alle Canarie. Queste foto sono state elaborate a colori reali, utilizzando il canale infrarosso a onde corte per evidenziare il flusso del magna. Ne d? notizia un articolo dell'Esa.

Da quando il Cumbre Vieja ha iniziato a eruttare, il 19 settembre 2021, la lava ha bruciato case, strade e terreni agricoli causando distruzioni di massa nella parte occidentale dell'isola. Le immagini satellitari hanno aiutato le autorità a monitorare e gestire la crisi. Dall'acquisizione di immagini dei fiumi di lava, alla misurazione delle emissioni di gas e alla valutazione dei danni, la flotta di satelliti Copernicus Sentinel ha fornito dati cruciali per studiosi e vulcanologi.

Un accumulo di cenere e polvere sulla pista ha costretto le autorità di La Palma a chiudere l'aeroporto dell'isola, secondo l'autorità aeroportuale spagnola AENA. È stata la seconda volta che l'aeroporto è stato chiuso a causa dell'accumulo di cenere dall'inizio dell'eruzione.

L'Istituto di Vulcanologia delle Isole Canarie (Involcan) ha dichiarato che la colata lavica, con temperature fino a 1.240°C, ha distrutto i pochi edifici rimasti in piedi a nord del quartiere di Todoque.

In risposta all'eruzione in corso, è stato attivato il servizio di mappatura di emergenza Copernicus per monitorare la colata lavica che ha interessato 497 ettari di terreno e distrutto oltre 1100 edifici (dato riferito all'8 ottobre 2021).

I satelliti in orbita trasportano diversi strumenti che forniscono una grande quantità di informazioni complementari per comprendere meglio le eruzioni vulcaniche. I sensori atmosferici possono identificare i gas e gli aerosol rilasciati dall'eruzione, oltre a quantificare il loro impatto ambientale più ampio.

"Questa eruzione vulcanica - ha spiegato Claus Zehner, responsabile della missione Copernicus Sentinel-5P dell'ESA - dimostra come i dati di Sentinel possano supportare diversi servizi operativi del programma Copernicus. Le misurazioni dell'anidride solforosa di Sentinel-5P possono essere utilizzate dal servizio di monitoraggio atmosferico di Copernicus per aiutare le compagnie aeree a evitare l'incontro di ceneri vulcaniche e pennacchi di anidride solforosa. Le misurazioni del flusso di lava di Sentinel-2, invece, possono supportare il servizio di gestione delle emergenze di Copernicus, in caso di disastri naturali come un'eruzione vulcanica".