Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu e Tasi unificate, si parla del 2021

Le ipotesi allo studio sull'accorpamento di Imu e Tasi
Le ipotesi allo studio sull'unificazione di Imu e Tasi / Gtres
Autore: Redazione

Si continua a parlare di Imu e Tasi unificate. Una proposta di legge presentata lo scorso dicembre e che il nuovo governo sembra intenzionato a portare avanti.

Il mese scorso, riferendosi proprio all’accorpamento di Imu e Tasi, il viceministro dell’Economia Antonio Misiani (Pd) ha parlato di un progetto di “assoluto buonsenso” e ha manifestato l’intenzione di portarlo avanti. Adesso, intervenendo su Rai 3 in merito alla manovra 2020, Misiani ha sottolineato che l’accorpamento dovrebbe essere fatto, specificando “credo dal 2021”.

Sempre in merito al tema dell’unificazione di Imu e Tasi, il viceministro dell’Economia ha voluto evidenziare il fatto che l’obiettivo perseguito è la semplificazione e non l’aumento della pressione fiscale.

Sull’idea di unificare Imu e Tasi, rilanciata dal viceministro Misiani, idealista/news aveva interpellato il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, il quale aveva affermato che a loro giudizio “una unificazione di questi due tributi non porterebbe alcun vantaggio”. Quel che servirebbe, secondo Confedilizia, è una riduzione, partendo magari dalle “situazioni più gravi, come gli immobili inagibili o gli immobili sfitti”.

Articolo visto su
Misiani: probabile accorpamento Imu e Tasi dal 2021 (Milano finanza)