Notizie su mercato immobiliare ed economia

Emendamento M5S alla legge di bilancio, la Chiesa paghi l'Imu con gli arretrati

Previsto anche il versamento degli arretrati dal 2006 al 2011

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Un emendamento alla legge di bilancio 2020 a firma M5S prevede che tutti gli edifici o i complessi architettonici della Chiesta cattolica paghino l'Imu non solo per l'anno in corso, ma anche per tutti gli arretrati non corrisposti dal 2006 al 2011.

L'emendamento del Senatore M5S, Lannutti, prevede, infatti che "sono tenuti a pagare l'Imposta municipale propria (IMU) nei modi e nei termini stabiliti dalla legge per quell'immobile e tutti gli altri a esso collegati, tutti gli edifici o i complessi architettonici della Chiesa cattolica, di congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica o di associazioni o società legate alla religione cattolica al cui interno ci sono edifici totalmente o in parte adibiti: a ristorazione a pagamento, a caffetteria a pagamento o a hotelleria a pagamento; all’erogazione di servizi ospedalieri o sanitari a pagamento in percentuale pari o superiore al 30% rispetto al fatturato complessivo dell’azienda".

Inoltre un altro passo dello stesso emendamento prevede che "tutte le associazioni o società legate alla religione cattolica e le congregazioni religiose che fanno capo alla religione cattolica che non hanno pagato l'IMU tra il 2006 e il 2011 sono tenute ad autocertificare i propri bilanci relativi a quegli anni e ad autocertificare l'indirizzo d'uso degli immobili di loro proprietà e di quelli utilizzati per le proprie attività. Sulla base dell'autocertificazione presentata dalle suddette associazioni o società i Comuni riscuotono l'IMU per gli anni che vanno dal 2006 al 2011".