Notizie su mercato immobiliare ed economia

Torre Velasca pronta a passare ad Hines

torre velasca
Hines pronta ad acquisire Torre Velasca a Milano / Creative commons
Autore: Redazione

Gli americani di Hines potrebbero presto mettere le mani sulla Torre Velasca di Milano. La loro offerta si è infatti rivelata migliore di quella dei rivali.

Lo scorso 26 luglio Jll, advisor di Unipol nella messa in vendita dell’iconica Torre Velasca a Milano, ha raccolto le offerte vincolanti di sei partecipanti alla gara, tra cui Hines, la svizzera Artisa, Blackstone, Merope e un fondo coreano.

Alla fine è stata Hines ad avere la meglio, guadagnando l'esclusiva e superando in convenienza l’offerta di Artisa: la compagnia elvetica avrebbe infatti offerto 170 milioni di euro, vincolandoli però ad una serie di condizioni di difficile realizzazione, tra cui quella della realizzazione di un hotel nella Torre, cosa che avrebbe avuto implicazioni complicate in termini di sicurezza.

Il colosso americano ha invece offerto 150 milioni di euro; l’edificio anni ’50 andrebbe ad aggiungersi al portafoglio da oltre due miliardi di euro accumulato nel capoluogo lombardo. Centosei metri di altezza in attesa di essere riqualificati secondo gli standard che hanno distinto la  multinazionale fino ad oggi.

La Torre Velasca, prima di appartenere ad Unipol, era di proprietà di Fondiaria Sai, e prima ancora di Allianz.