Notizie su mercato immobiliare ed economia

Rumori che corrono sui conti Inps e sul debito italiano

Autore: Redazione

Inps, nel 2030 si rischia l’implosione: Il sistema pensionistico italiano è a rischio e nel 2030 potrebbe implodere. Lo scenario arriva dalle proiezioni che La Stampa ha analizzato assieme a diversi esperti, incrociando previsioni demografiche e studi sulla spesa previdenziale. Il 2030 è l’anno in cui andranno in pensione i nati nel biennio 1964-65, quando l’Italia era in pieno miracolo economico e ha visto nascere oltre un milione di bambini. Ci sarà dunque un picco di richieste che si tradurrà in un vero e proprio shock per il sistema. In base a quanto emerso, il periodo critico proseguirà fino al 2035, poi – a patto che le casse dell’Inps reggano – anno dopo anno la situazione dovrebbe migliorare per stabilizzarsi tra il 2048 e il 2060. (La Stampa)

Bankitalia: “L’Italia deve garantire una chiara riduzione del debito”: La Banca d’Italia ha fatto sapere che se l’Italia vuole mantenere e consolidare la fiducia dei mercati è importante garantire nel corso del tempo una riduzione del debito “chiara, visibile e progressiva”, oltre che completare il programma di riforme strutturali. Bankitalia ha quindi invitato l’esecutivo a mantenere “uno stretto monitoraggio” sui conti pubblici per confermare il calo del rapporto debito/pil da quest’anno. (Reuters)