Notizie su mercato immobiliare ed economia

Da Bolzano le 10 innovazioni per l'edilizia sostenibile, tutte made in Italy

Sbskin
Sbskin
Autore: Rudi Bressa (collaboratore di idealista news)

Dal vetro-mattone solare alle pale eoliche urbane, alla mattonelle che convertono i passi in energia, l'innovazione in edilizia punta su efficienza e tecnologia. Ecco 10 giovani startup che rivoluzioneranno il tuo modo di vivere la casa.

Bolzano come la Silicon Valley dell'edilizia sostenibile. Sì perché dopo 12 edizioni, Fiera Bolzano ha esportato il proprio modello in tutta Italia, attirando istituzioni, opinion leader, architetti e le aziende più innovative, confermandosi la piattaforma di riferimento per tutto il settore dell'edilizia.

“L’edizione 2017 di Klimahouse ha offerto una fotografia delle reali potenzialità di un settore già pronto e maturo per affrontare le grandi sfide del mercato”, ha dichiarato Thomas Mur, direttore di Fiera Bolzano alla fine della 4 giorni di esposizione. “Klimahouse è un punto di riferimento per un networking 'costruttivo' che si pone l'obiettivo di stimolare l’innovazione con uno sguardo positivo sul futuro nel segno dell'efficienza energetica e della tutela ambientale”.

E sono proprio l'efficienza energetica e la tutela ambientale che hanno spinto 10 giovani startup a partecipare alla prima edizione del concorso “Klimahouse Innovation Days” dedicato a tutte le neonate aziende in cerca di visibilità ed affermazione sul mercato. 

Come la vincitrice del concorso: la Novasomor. La startup di Rimini realizza e produce delle eliopompe basate sulla tecnologia del motore solare termodinamico a bassa temperatura, applicato al sollevamento delle acque. Possono essere impiegate per pompare acqua da pozzi, fiumi, invasi, senza l'utilizzo di energia elettrica o carburanti: la radiazione solare produce direttamente lavoro meccanico utile. Sempre sul sole è basata la tecnologia presentata da SbSkin spin-off accademico dell’Università di Palermo che sviluppa pannelli fotovoltaici in vetro-mattone per la realizzazione di facciate o coperture esterne. Installati sulle facciate dei palazzi forniscono isolamento e usano le celle solari di terza generazione per generare energia pulita. 

Novasomor
Novasomor
Novasomor
Novasomor
Novasomor
Novasomor

Dal sole al vento invece con Windcity, startup di Padova che ha sviluppato una miniturbina ad asse verticale capace di catturare una classe di vento che finora il mercato dell’eolico non è mai riuscito a catturare: i venti variabili. Interessante poi la soluzione tecnologica di Veranu, startup di Cagliari, che realizza una mattonella in grado di convertire l'energia cinetica dei passi in energia pulita: può erogare fino a 2W di potenza per ogni passo e bastano 20 passi per accendere un lampione a luci LED in una piazza e 10.000 passi per ricaricare interamente la batteria di uno smartphone. 

Veranau
Veranau
Veranau
Veranau

 

Sull'efficienza energetica si basa la soluzione di LeapFactory. La startup di Torino, sviluppa sistemi di costruzione prefabbricati pensati per l'alta quota e per tutte le aree naturali sensibili, a basso impatto ambientale, mentre Modom, startup di Ascoli Piceno, ha ripensato il pannello multistrato: la cornice portante in legno racchiude al suo interno i materiali isolanti e forma un cavedio per il passaggio degli impianti. È possibile aggiungere o rimuovere pannelli facilmente e, grazie allo stesso profilo, permette di ottimizzare la produzione, riducendo i tempi di montaggio e semplificandone la manutenzione.

Dalle pareti al tetto con Green4All, startup nata alla Sapienza di Roma, che ha pensato ad un “giardino pensile”, da installare sugli edifici privi di spazi esterni. Un sorta di serra da installare anche sulle pareti di edifici esistenti cambiandone volto: realizzato con materiali riciclati e riciclabili, è aperto d’estate e chiuso in inverno; è in grado di produrre energia da fonti rinnovabili, di accumulare calore in inverno, di recuperare e depurare le acque piovane.

Gree4all
Gree4all
Gree4all
Gree4all
Gree4all
Gree4all

Punta sull'energia invece la soluzione fornita da Egg Technology, spinoff dell’Università di Camerino. Con Egg1, sistema di autoproduzione di energia dotato di fuel cell con accumulo elettrico-termico e alimentato a gas metano. Può lavorare anche off grid in grado di fornire tutta l’energia elettrica di cui si ha bisogno senza nessuna combustione. Elemize Technology, startup di Roma, punta invece sull'utilizzo intelligente dell'energia e dei sistemi di accumulo. Ha infatti sviluppato un dispositivo che permette di ottimizzare, gestire e integrare quest'ultimi con dati riguardanti le previsioni di consumo degli utenti e i prezzi di mercato dell’energia elettrica. Perfetto per i futuri prosumers. 

Infine la riqualificazione energetica degli edifici. Come quella messa a disposizione di Greenovation, startup di Torino, che ha dato vita a un portale online per la progettazione automatizzata della riqualificazione energetica dell’abitazione. L'utente inserisce una serie di dati dell’immobile e il sistema genera un progetto completo in appena due minuti. Il portale riesce poi a mettere in contatto i privati con le imprese e gli impiantisti disponibili a gestire la richiesta di