Notizie su mercato immobiliare ed economia

New York, compravendite in calo e visite alle case ancora vietate per il Covid

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Compravendite praticamente ferme a maggio a Manhattan e Brooklyn, secondo Miller Samuel e Douglas Elliman. Il divieto di effettuare visite negli appartamenti come misura per combattere la pandemia di coronavirus, particolarmente virulenta a New York City, ha paralizzato il mercato residenziale.

Lo Stato di New York ha messo in campo importanti misure di confinamento e di allontanamento sociale in seguito al dilagare dell'emergenza coronavirus a New York City e dintorni a partire da aprile.

A Manhattan le compravendite di case in cooperativa hanno fatto registrare un calo dell'80% su base annua, mentre per i condomini il calo è stato maggiore, fino all'83%. A Brooklyn la situazione è leggermente migliorata e mentre le aziende che entrano in una cooperativa hanno perso il 76%, il business degli appartamenti condominiali è sceso del 44%.

"Il mercato ancora non si è rimesso in moto", ha dichiarato Jonathan Miller, presidente di Miller Samuel. E ha aggiunto: "Le persone in genere non decidono di acquistare nonostante i virtual tour".

Dei pochi contratti chiusi, secondo Miller, la maggior parte degli acquirenti è riuscita a vedere l'immobile prima del lockdown o ha fatto aggiungere alle clausole del contratto la possibilità di visionare la casa una volta allentate le misure emergenziali.

Per fare un esempio, a maggio sono state firmate solo sei vendite per oltre 5 milioni di dollari, rispetto alle 52 di maggio 2019. Con così pochi contratti, non ci sono dati sui prezzi sufficienti per trarre conclusioni su dove si sta dirigendo il mercato, dicono gli esperti.

"Nelle attuali condizioni di mercato, l'idea è che i prezzi siano ora più deboli rispetto al periodo pre-Covid", ha detto Miller, "ma fino a quando il mercato non riaprirà, non sapremo qual è la reale situazione dei prezzi".