Notizie su mercato immobiliare ed economia

Il Portogallo scommette sul turismo, ex conventi e castelli diventano lussuosi hotel

Wikimedia commons
Wikimedia commons
Autore: Redazione

Il Portogallo vuole ingranare la marcia e punta al rilancio del turismo. Per farlo sta studiando diverse iniziative volte ad attirare visitatori, tra queste la possibilità di convertire antichi monumenti in strutture ricettive.

Un esempio è rappresentato da quello che sta accadendo a Elvas, dove il secondo gruppo alberghiero del Portogallo, Vila Gale, ha deciso di investire nella trasformazione di un antico monastero in hotel di lusso. Il gruppo ha rilevato l’edificio del XVII secolo per i prossimi 40 anni e lo convertirà in un albergo quattro stelle da 80 camere. Quello di Elvas è uno dei 33 siti storici abbandonati che il governo offre in affitto per quasi mezzo secolo nell’ambito del progetto “Revive”.

Come sottolineato dal quotidiano La Repubblica, l’operazione “converti un ex convento” rientra in un più ampio programma sostenuto dal governo per rilanciare monasteri abbandonati, fortificazioni e siti storici affidandoli a gruppi privati in modo da trasformarli in hotel e centri d’attrazione.

Tra gli altri siti storici interessati dal progetto ci sono un forte nella città nord-occidentale di Caminha e Capo Espichel, vicino a Lisbona, dove secondo la leggenda ci fu una apparizione della Vergine Maria.

Il Portogallo scommette dunque sul turismo e gruppi come Pestana, leader alberghiero nel Paese, mira ad espandere la propria offerta fra le fortificazioni di Obidos.