Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come rilanciare una casa con le idee e non con il denaro (fotogallery)

Autore: associazione italiana home stager (collaboratore di idealista news)

Al giorno d'oggi la creatività ha assunto una valenza importantissima. Basti pensare che le grandi aziende della silicon valley tengono in gran conto questo aspetto e fanno il possibile affinché i propri dipendenti possano mantenere vivo il loro lato più creativo. E la creatività rappresenta un elemento fondamentale anche quando si parla di casa. A spiegarci come e perché le nostre collaboratrici dell'associazione italiana home stager

Uno degli aspetti che attira sempre più professionisti, artisti e imprenditori del design verso l’home staging è il fatto che permette di inserire altre competenze e idee creative in ogni progetto. Anzi, i progetti di home staging richiedono proprio questo approccio. Una delle nostre associate staged homes, patrizia ludovico di case in scena, Varese, ha recentemente trasformato una petineuse in un oggetto del tutto diverso, per la partecipazione ad un concorso, e per aggiungere un altro elemento di fascino particolare al suo magazzino di mobili e oggettistica da utilizzare per i suoi progetti di home staging

Anche durante il recente seminario di staging, tenutosi in occasione della fiera torinese paratissima, il restauro mobili e il riutilizzo di materiali e oggetti è stato uno dei temi chiave. Incoraggiamo tutti i creativi e professionisti vari del settore del design a farsi avanti e a contattarci per potervi connettere con altri professionisti e per darvi la possibilità di inserire i vostri pezzi d’arte nei progetti dei nostri stager

Lasciamo la parola a patrizia, che ci racconta questo progetto “super-cute”:

“premetto che il restauro è una mia passione che mi fa passare ore in posti maleodoranti vicino a sverniciatori e cartavetrata. Ho fatto diversi corsi di restauro (non parlo di antiquariato, su cui ci vuole altro per essere qualificati a operare) per imparare le tecniche di base e ho realizzato diversi elementi che ora fanno parte del mio piccolo magazzino di home stager. Altre sono in cantiere (vedi per esempio il letto che compare in una delle foto)

Sono convinta che in tante case ci siano dei piccoli tesori che possono essere sistemati, magari solo liberandoli dalle vecchie vernici "pesantone" di una volta e rendendoli più versatili, adatti a contesti più moderni

Nell'home staging, sono quelle chicche che aggiungono un tocco di originalità e impreziosiscono anche le soluzioni low-cost

Insomma, credo molto nel recupero e credo che con gusto e creatività si possano ottenere risultati interessanti. Certo, richiede un po' di tempo e fatica, ma il risultato è diverso da quello che può dare un prodotto standardizzato

Il progetto allegretto nasce da un concorso promosso dall'associazione "la tana delle costruzioni" di vedano olona (va): rearredare, un contest creativo per reinventare pezzi di arredamento forniti dal mobilificio poretti (castiglione olona), che per l'occasione ha aperto il suo magazzino storico (oggi in realtà produce arredi su misura artigianali e super tecnologici). I partecipanti hanno scelto il proprio pezzo durante una serata dedicata. Io ho saputo dell'iniziativa al rientro dalle vacanze quindi ho scelto per ultima tra tre pezzi rimasti: due comodini e la petineuse alla quale mancava lo specchio

Perché la petineuse, non lo so, forse perché di comodini ne avevo già restaurati diversi

L'idea credo sia stata suggerita dal vetro nero che ha richiamato l’dea del pianoforte. Era poi evidente che la forma larga e poco profonda mancava di un elemento verticale alto (che effettivamente in origine aveva nello specchio). Ho pensato che il nuovo arredo dovesse avere un’utilità nella casa e non essere un pezzo solo decorativo. Per questo ho scelto di usare la vernice lavagna, per farlo diventare una grande bacheca dove scrivere e attaccare messaggi

La parte inferiore l'ho immaginata come un appoggio per una fonte musicale o per computer portatili, tablet e cellulari che non si sa mai dove mettere in carica. I cassetti sono accessibili nonostante la tastiera, possono quindi contenere i caricabatterie, gli auricolari e i vari accessori

Allegretto, il nome viene dalle indicazioni di esecuzione degli spartiti, con 59 voti (su 60, punteggio massimo) si è classificato primo ma quello che ha dato maggiore soddisfazione è che è stata premiata l'idea prima che l’esecuzione

Il lavoro ha comportato circa 30 ore di lavoro e una spesa di 80 euro (50 di legname (multistrato e varie) e 30 di materiali di consumo: cementite, stucco, carta vetrata, vernice lavagna, carta tassotti)”

Ormai abbiamo visto nascere innumerevoli iniziative che hanno portato insieme artigiani, designer, architetti, artisti e agenti immobiliari. Tutti insieme hanno formato la squadra vincente che ha rivoluzionato le case fatiscenti, con le idee e non con il denaro

Perché mentre il denaro ci può anche mancare, in questo periodo le idee non ce le facciamo mancare e sosteniamo che debbano essere valorizzate, realizzate, implementate

Per conoscerci, per collaborare con noi o con un nostro stager professionista, o per diventare un home stager, visitare www.stagedhomes.it e/o scrivere ad info@stagedhomes.it