Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come costruire un pannello solare fai da te

Creative commons
Creative commons
Autore: Redazione

Oggi ci sono molti modi per produrre energia elettrica sostenibile, anche sfruttando dispositivi realizzati manualmente, come un pannello solare fai da te. Sebbene sia un processo complesso e meticoloso, seguendo passo dopo passo i consigli giusti, nulla è impossibile. Ma, in caso di difficoltà, è sempre meglio rivolgersi a un professionista.

Scegliere le celle solari

Un pannello solare non è che un insieme di celle solari posizionate in un contenitore. Quindi, il primo passo per costruire un pannello solare fai da te è quello di comprare delle celle solari (o moduli fotovoltaici), quelle standard misurano 3×6″ e generano 0,5 volt e circa 3,5 ampere.

Per un pannello solare fai da te che possa generare 18 volt sono necessarie 36 celle solari. Le celle solari di solito vengono vendute in lotti da 36, 100 o 108. Con 108 celle solari si possono realizzare 3 pannelli da 36 celle.

Costruire il contenitore

Le celle solari, poi, devo essere posizionate in un contenitore (la soluzione più economica è realizzarlo con il legno, ma non è l’unico materiale con cui si può fare). Prima di partire, però, bisogna decidere che forma e quali dimensioni dare al pannello solare fai da te. Serviranno anche listelli di legno per stabilizzare il substrato di celle solari e bisognerà fare un foro per far uscire i fili.

Cablare le celle solari

Successivamente si devono collegare tutte le celle del pannello solare fai da te. Il cablaggio delle 36 celle può generare 18 volt. Sostanzialmente, si tratta di saldare le celle solari facendo attenzione a saldare un diodo che consentirà il flusso della corrente in una sola direzione. Va utilizzato anche un regolatore di carica che ci permetterà di non collegare il pannello direttamente alle batterie.

Applicare le celle al pannello solare

Per collegare tutte le celle solari basta apporre del silicone nella parte posteriore, in modo da incollarle sul legno (un materiale che si espande e si contrae con il calore). Utilizzando il silicone al centro della cella, quindi, il legno si espande senza nessun problema. Dopo aver applicato il silicone e predisposto tutti i collegamenti necessari dobbiamo disporre tutte le celle solari seguendo lo schema che abbiamo stabilito.

Completare il pannello solare fai da te

Successivamente, per completare l’opera, bisogna fare un foro sul fondo del contenitore per permettere ai fili di uscire e riempire il buco con del silicone dopo aver inserito i cavi. Poi è necessario avvitare una lastra di plexiglass verso il basso e sulla parte superiore del contenitore, successivamente è necessario collegare un voltmetro (strumento che misura la differenza di potenziale elettrico tra due punti di un circuito) al pannello. Ora dovreste avere ottenuto tra i 18 e 20 volt.