Notizie su mercato immobiliare ed economia

Gli spagnoli sono più ricchi degli italiani...e in futuro andrà anche peggio

Financial Times
Financial Times
Autore: Redazione

Il sorpasso è avvenuto. Gli spagnoli sono più ricchi degli italiani. Secondo i dati sul reddito pubblicati dal World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale e rielaborati dal Financial Times, nel 2017 la Spagna ha raggiunto un reddito pro capite di 38.286 dollari contro i 38.140,3 dell’Italia. E nei prossimi cinque anni la Spagna diventerà il 7% più ricca dell’Italia.

Dal 2015 il Pil pro capite in Spagna ha segnato tassi di incremento superiori al 3%, più del doppio rispetto all’Italia. E nel 2017 è avvenuto il sorpasso: la Spagna ha raggiunto un reddito pro capite, calcolato secondo la tecnica della parità del potere d’acquisto, di 38.286 dollari contro i 38.140,3 dollari dell’Italia. La differenza è di 140 dollari.

Nei prossimi anni, secondo il Financial Times, le cose sono destinate a peggiorare: nel 2022 la Spagna sarà il 7% più ricca dell’Italia. Basti pensare che dieci anni fa l’Italia era il 10% più ricca della Spagna. I dati del World Economic Outlook hanno evidenziato che la Spagna quest’anno crescerà al 2,8% contro circa la metà dell’Italia.

La crisi economica ha colpito entrambi i Paesi, ma mentre la Spagna registra un buon ritmo di crescita, il nostro Paese è ancora fermo. Il Financial Times ha sottolineato che la stagnazione dell’Italia è una delle cause principali delle sempre più aspre divisioni politiche del Paese, con l’elettorato che perde la fiducia nella capacità dei partiti tradizionali di creare posti di lavoro e ripristinare la crescita.

Dati dell’Ocse mostrano che l’Italia è una delle poche grandi economie che non ha ancora riguadagnato i livelli pre-crisi: una popolazione che invecchia rapidamente, una produttività in ritardo, una burocrazia ingombrante e un debito statale elevato contribuiscono alla sua scarsa performance a lungo termine.

Il Fondo monetario internazionale ha dichiarato che la crescita italiana dell’1,5% lo scorso anno è stata la più veloce dal 2010 e ha fatto sapere che la crescita prevista dovrebbe rafforzarsi quest’anno. Sul nostro Paese, però, pesa il difficile quadro politico.

Il Financial Times ha infine evidenziato che nel 1997 l’Italia era la diciottesima economia più ricca su base pro capite tra i Paesi per i quali il Fmi ha un set di dati completo; dopo 10 anni ha perso 10 posizioni e ora ne ha perse altre cinque nel decennio fino al 2017. Entro il 2023 l’Italia dovrebbe essere solo il 37° Paese più ricco su base pro capite.