Notizie su mercato immobiliare ed economia

Bando regione Lombardia "Pacchetto famiglie", come richiedere il contributo per mutui e scuola

Pexels
Pexels
Autore: Redazione

Il boom di richieste ha mandato in tilt il sito del portale della regione Lombardia dedicato al bando del "Pacchetto famiglia", per un contributo economico a favore delle famiglie in difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus.

Il bando della regione Lombardia "Pacchetto Famiglia" prevede contributi per i mutui prima casa e per l'e-learning scuola per le famiglie in difficoltà per l'emergenza coronavirus. Ma l'alto numero di domande ha mandato in tilt il sistema, attraverso il quale sono state comunque presentate 7mila domande.

Bonus 500 euro per mutuo e scuola in Lombardia

Il contributo messo a disposizione dalla Regione Lombardia è un bonus di 500 euro a fondo perduto per due diverse tipologie di aiuto:

  • contributo mutui prima casa: si tratta di un contributo fisso una tantum pari ad euro 500 a nucleo familiare riconosciuto per il pagamento della rata (o delle rate) del mutuo prima casa indipendentemente dall’importo della rata pagata purché riferita all’anno solare 2020;
  • contributo e-learning (apprendimento a distanza): si tratta di un contributo una tantum pari all’80% delle spese sostenute fino ad un massimo di euro 500 a nucleo familiare per l’acquisto di pc fisso o portatile o tablet con fotocamera e microfono. Non è previsto un minimo di spesa.

E’ inoltre prevista l’erogazione di una quota aggiuntiva di contributo, Fattore Famiglia Lombardo, sulla base di parametri che tengano in considerazione eventuali maggiori complessità e fragilità presenti all’interno del nucleo familiare:

  • numero dei figli;
  • residenza in regione Lombardia per un periodo maggiore o uguale a 5 anni;
  • presenza nel nucleo familiare di persone anziane di età maggiore o uguale a 65 anni o di donne in accertato stato di gravidanza;
  • presenza nel nucleo familiare di persone con disabilità o persone non autosufficienti.

A chi spetta il pacchetto famiglie?

Il pacchetto famiglie spetta ai cittadini residenti in Lombardia nel caso si siano verificate una di queste condizioni a seguito dell'emergenza coronavirus

per lavoratori dipendenti con rapporto di lavoro subordinato, lavoro parasubordinato, di rappresentanza commerciale o di agenzia: riduzione pari ad almeno il 20% delle competenze lorde, incluse eventuali voci non fisse e continuative, relative all’ultima retribuzione percepita al momento di presentazione della domanda rispetto alle competenze lorde percepite nel mese di gennaio 2020;

- per liberi professionisti e lavoratori autonomi: riduzione media giornaliera del proprio fatturato rispetto al periodo di riferimento, registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, superiore al 33% del fatturato medio giornaliero dell’ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate per l’emergenza Coronavirus;

- morte di un componente del nucleo familiare per Covid-19.

Regione lombardia, pacchetto famiglia come richiederlo?

Per richiedere il contributo del pacchetto famiglia della regione Lombardia, bisogna presentare la domanda online attraverso la piattaforma regionale Bandi online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it  a partire dalle ore 12:00 del 04 maggio 2020 e fino alle ore 12.00 dell’11 maggio 2020.

Sono tre le diverse modalità grazie a cui accedere:

  • attraverso il pin della tessera sanitaria CRS/TS_CNS
  • attraverso lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale): è un codice personale che consente di accedere da qualsiasi dispositivo e di essere riconosciuto da tutti i portali della Pubblica Amministrazione.
  • nome utente e password. In questo caso, per poter operare, occorre attendere la verifica delle informazioni di registrazione e profilazione, che potrà richiedere fino a 16 ore lavorative.