Notizie su mercato immobiliare ed economia

Calcolo del costo e tempi di emissione di una fideiussione bancaria sull’affitto

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

La fideiussione bancaria sull’affitto è un contratto con cui una banca (Intesa San Paolo, Unicredit, Bnl ma anche Poste Italiane ad esempio) garantisce il pagamento del canone di locazione per conto dell’inquilino nel caso in cui non potesse far fronte al versamento mensile pattuito. Vediamo anche come funziona il calcolo del costo della stessa.

Come funziona

La fideiussione bancaria per l’affitto è una forma contrattuale con cui è possibile cedere parte di un obbligo a una terza parte. Nel caso delle locazioni, di fatto l’affittuario stipula una fideiussione con la banca, per un importo pari a 6 mesi d’affitto (per esempio) e la banca si impegna a pagare il proprietario di casa per una cifra pari a 6 mesi d’affitto, nel caso in cui l’affittuario non sia più in grado di pagarlo per qualunque ragione.

Nel caso in cui la fideiussione bancaria sull’affitto sia richiesta da una persona fisica, il richiedente deve presentare in banca i seguenti documenti:

  • Carta d’identità  e codice fiscale;
  • ultime due buste paga;
  • modello 730;
  • copia del contratto di locazione o preliminare dello stesso.

La banca, infatti, prima di concedere la fideiussione bancaria per l’affitto, effettua opportune valutazioni sull’affidabilità del cliente. In alcuni casi, l’istituto potrebbe richiedere il pagamento di un deposito cauzionale, per coprire parte dell’ammontare della fideiussione.

Fideiussione bancaria per affitto, tempi

I tempi necessari per l’emissione di una fideiussione bancaria sull’affitto dipendono da diversi fattori, tra cui anche il richiedente (privato o impresa). Ma non va trascurato un altro fattore, se la richiesta viene effettuata online o tramite metodo tradizionale (presso la sede dell’istituto).

I tempi per l’emissione di una fideiussione bancaria sull’affitto saranno brevi, qualche giorno, se la richiesta viene effettuata da un privato tramite web. Infatti, la maggior parte degli istituti emettono fideiussioni per privati in tempi rapidissimi, purché la documentazione da produrre (documento di identità in corso di validità, copia codice fiscale, dichiarazione redditi, ultime buste paghe) sia corretta e venga inviata alla compagnia velocemente.

Per quanto riguarda le imprese, l’operazione può richiedere tempi più lunghi per il rilascio della fideiussione bancaria sull’affitto perché le verifiche da effettuare sono diverse e per somme di denaro generalmente più consistenti che spesso hanno come soggetto beneficiario della fideiussione la Pubblica Amministrazione, per questo le verifiche e la documentazione devono essere effettuate nei minimi dettagli per evitare spiacevoli inconvenienti al cliente, quali:

  • la mancata accettazione da parte della PA della cauzione in quanto non conforme;
  • la perdita della possibilità di accesso alla gara d’appalto.

Calcolo costo fideiussione bancaria

L'inquilino e il padrone di casa dovrebbero essere a conoscenza dei costi sin dall’inizio per evitare spiacevoli sorprese in seguito. Tuttavia, il calcolo del costo di una fideiussione bancaria sull’affitto non è univoco e dipende da vari aspetti.  

Non esistono importi fissi e il calcolo del costo della fideiussione bancaria dipende da diversi fattori, ad esempio se l'inquilino darà una propria garanzia personale oppure se il locatario ha intenzione di procedere con la copertura in toto o con il massimale più alto. Questo significa che, maggiore sarà il numero delle garanzie richieste, e più alto sarà il prezzo del servizio.

Mentre sono sempre  a carico del richiedente i costi di apertura della pratica e quelli di commissione, la cui entità varia in base alla durata del contratto di locazione e che si traducono in un tasso di interesse che viene calcolato sull’importo del canone annuale e che devono essere quindi corrisposti alla banca.

Per il calcolo del costo della fideiussione bancaria sull’affitto è importante fare attenzione alla durata della copertura offerta dalla banca e il numero dei canoni che l’istituto si impegna a versare al locatore, se l’affittuario non riesce ad adempiere a questo obbligo contrattuale.