Notizie su mercato immobiliare ed economia

Taglio cuneo fiscale, l’impegno del nuovo governo

Come potrebbe funzionare il taglio del cuneo fiscale
Come potrebbe essere il taglio del cuneo fiscale / Gtres
Autore: Redazione

Con la Nota di aggiornamento al Def sono stati messi nero su bianco gli impegni che il nuovo governo vuole perseguire con la legge di Bilancio 2020 e tra questi c’è il taglio del cuneo fiscale.

Taglio cuneo fiscale dipendenti

Nelle intenzioni del governo, il taglio del cuneo fiscale, che dovrebbe interessare i lavoratori dipendenti, dovrebbe portare in busta paga circa 500 euro. A sottolinearlo, all’indomani dell’approvazione della Nota di aggiornamento al Def, il viceministro all’Economia, Antonio Misiani, intervenendo su Rai 3. Misiani ha spiegato: “Ridurre le tasse sul lavoro è l’obiettivo del governo. Il taglio del cuneo fiscale porterà più soldi al lavoratore dipendente. Se lo estendiamo alla platea dell’80 euro questi avranno 500 euro in più all’anno”.

I beneficiari potrebbero essere i contribuenti con redditi fino a 26.600 euro, mentre per quanto riguarda i tempi si parla di luglio 2020. Come sottolineato dalla Repubblica, nel 2017 risultava una platea di 11,7 milioni di italiani ai quali spettava il bonus da 80 euro, se si ipotizza di mettere in busta paga 500 euro all’anno in più a tutte queste persone, servirebbero 5,85 miliardi di euro. Si tratta di poco più dei 5,45 miliardi ai quali fa riferimento – per il momento – la Nadef, come stanziamento previsto per la riduzione del cuneo nel 2021.

Tra due anni ci dovrebbero essere le risorse per arrivare a quel traguardo, che significherebbe una quarantina di euro al mese, per dodici mensilità. Per il 2020 la dote è di solo 2,7 miliardi, quindi l’operazione dovrà essere dimezzata: 230 euro all’anno in busta paga, che diventano una ventina di euro al mese. Partendo con il taglio a luglio, si tornerebbe a parlare di una quarantina di euro spalmati però su sei mesi.

Intervenendo a Circo Massimo, su Radio Capital, il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ha detto: “Tutti sappiamo che ci vogliono almeno 5 miliardi per iniziare ad avere un effetto dal cuneo fiscale. Ma nel 2020 partirà a metà anno perché bisognerà definire alcune cose prima, riguarderà il periodo luglio-dicembre”.