Notizie su mercato immobiliare ed economia

Uil: “L’affitto in Italia incide per oltre il 40% sul reddito da lavoro e per oltre il 50% su quello da pensione”

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Il peso dell’affitto in Italia è troppo elevato ed è allarme sfratti. E’ il quadro dipinto da uno studio della Uil. Il sindacato ha fatto sapere che nel nostro Paese si versano mediamente 687 euro al mese per la locazione. Si tratta di una somma che incide per oltre il 40% sul reddito da lavoro e per oltre il 50% su quello da pensione. Per tale ragione il fenomeno degli sfratti per morosità resta “sempre allarmante”.

La Uil ha sottolineato come nel 2015 i “provvedimenti esecutivi di rilascio di immobili a uso abitativo sono stati in Italia 64.676 (+23,7% rispetto al 2008, ultimo anno pre-crisi) di cui 57.015 dovuti a morosità e altra causa (+38,4% rispetto al 2008)”.

Nello stesso anno lo sfratto ha colpito una famiglia ogni 399, con la Liguria che “presenta dati di sofferenza abitativa tra i più preoccupanti del Paese, con un rapporto di uno sfratto emesso ogni 261 famiglie”.

Il segretario confederale, Guglielmo Loy, ha spiegato: “Ciò che maggiormente preoccupa è l’incremento dell’incidenza degli sfratti per morosità che, nel 2015, assorbono l’88,2% con una crescita, rispetto al 2008, di oltre 9 punti percentuali (78,8% del 2008)”.