Notizie su mercato immobiliare ed economia

Dove vivono gli italiani: le scelte abitative degli under 44

Acquisto o affitto, l'analisi di Tecnocasa

under 44
Acquisto o affitto per gli under 44 / Gtres
Autore: Redazione

Vivere in affitto o comprare casa diventa sempre più una scelta di vita oltre che una necessità. Ecco cosa decidono gli under 44 secondo Tecnocasa.

Analizzando le scelte abitative (acquisto e locazione) degli under 44 a livello nazionale nel primo semestre del 2019, secondo l’Ufficio Studi Tecnocasa il 71,5% del campione ha comprato casa mentre il 28,5% è andato in affitto. La percentuale scende nelle grandi metropoli dove chi acquista è il 67,7%.

Rispetto a cinque anni fa si segnala un aumento di coloro che hanno acquistato, dato compatibile con quello che è stato l’andamento del mercato immobiliare in questo arco temporale, che ha visto una diminuzione dei prezzi del 10% e i mutui sempre più convenienti. Il ribasso dei prezzi giustifica anche un altro risultato che cambia a distanza di cinque anni: è cresciuta la percentuale di chi ha comprato tagli medio grandi quali trilocali e quattro locali e soluzioni indipendenti e semindipendenti a scapito dei tagli più piccoli. Non è variato di molto il motivo dell’acquisto che resta la ricerca dell’abitazione principale.

Sul versante delle locazioni balza all’occhio un cambiamento importante: il motivo della locazione come scelta abitativa negli ultimi cinque anni vede un aumento importante perché passa da 52,3% del 2014 al 67,3% del 2019. Oltre a chi non può acquistare la casa e non ha accesso al credito su questo risultato incide anche la volontà di andare in affitto come nuova modalità per vivere la casa.

Soffermandosi solo sugli acquirenti under 44, secondo l’analisi coloro che hanno acquistato lo hanno fatto nell’86,3% dei casi come abitazione principale e nel 13,7% dei casi per investimento, confermando quindi l’investimento immobiliare come una scelta da realizzare in età più avanzata. Il 38% ha comprato un trilocale. Il 70,3% sono famiglie, dato che scende al 62,7% nelle grandi metropoli dove è più elevata la percentuale di single, spesso aiutati dai genitori.

Analizzando invece le locazioni emerge che il 67,3% ha optato per questa soluzione come scelta abitativa, il 29,1% per motivi legati al lavoro e il 3,6% per motivi legati allo studio. Nelle metropoli la percentuale per motivi di studio sale al 6,9% vista la maggiore concentrazione degli atenei nelle grandi città. Il 39,7% ha preferito il bilocale. Tra chi sceglie la locazione sale la percentuale dei single pari al 37,3, percentuale che sale al 41,1% nelle grandi città.