Notizie su mercato immobiliare ed economia

Torna l'appuntamento con le Giornate FAI d'autunno nel weekend 16-17 ottobre

Autore: Redazione

Sabato 16 e domenica 17 ottobre torna l’appuntamento con le Giornate FAI d’autunno, per l’occasione è prevista l’apertura di oltre 600 luoghi solitamente inaccessibili oppure poco noti in 300 città da nord a sud della Penisola.

Nuovo Campus Bocconi
Il nuovo Campus dell'Università Bocconi a Milano / © Università Bocconi

Ricordiamoci di salvare l’Italia” è la grande campagna nazionale di raccolta fondi che quest’anno punta a finanziare importanti progetti di restauro e valorizzazione. Particolare rilievo rivestono quelli dedicati alla sostenibilità e all’ambiente, inteso come intreccio indissolubile di natura e storia, attraverso i quali la Fondazione esprime il suo modo di essere “ambientalista” e il suo crescente impegno per la diffusione di una più ampia “cultura della natura”.

Palazzo Esercito e Biblioteca Militare Centrale
La Biblioteca Militare Centrale di Roma / Foto Giovanni Formosa (C) FAI

Questa volontà è ben rappresentata dal progetto di recupero e valorizzazione di Monte Fontana Secca a Quero Vas (BL), 150 ettari di boschi e pascoli d’alta quota sul massiccio del Grappa, che raccoglie al meglio le istanze legate alla memoria e all’ambiente.

Palazzo Serra di Cassano
La scalinata di Palazzo Serra di Cassano a Napoli / Foto Eliano Imperato (C) FAI

Un’attenzione particolare all’ambiente e ai rischi connessi ai cambiamenti climatici verrà riservata anche durante le Giornate FAI d’Autunno del 16 e 17 ottobre, il grande evento “di piazza” dedicato al patrimonio d’arte e natura, giunto alla sua decima edizione, che, come gli anni scorsi, può contare sullo slancio vitale dei giovani volontari del FAI, promotori e protagonisti di questa iniziativa.

Scuola di Applicazione (Torino)
Gli interni della Scuola di Applicazione a Torino / Foto Giorgio Blanco (C) FAI

Ai partecipanti alla manifestazione verrà suggerito un contributo non obbligatorio di 3 euro. I posti sono limitati; la donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita. Prenotazione online consigliata – salvo diverse indicazioni segnalate sul sito - ed elenco completo delle aperture su www.giornatefai.it.

Saline di Volterra
Le Saline di Volterra in provincia di Pisa / (C) Locatelli Saline di Volterra srl

Tra le aperture proposte ci sono infatti percorsi naturalistici e luoghi “verdi” e, anche in siti prettamente storico e artistici, verrà offerta una narrazione che abbraccia il paesaggio in cui sono immersi. Di particolare impatto sono due visite in zone devastate quest’estate dagli incendi: Santu Lussurgiu (OR) e il Monte Reventino (CZ).

I murales di Stornara
La street art di Stornara, in provincia di Foggia / Foto Paolo Giuseppe Fedele Namias (C) FAI

Il catalogo dei luoghi visitabili è, come di consueto, amplissimo: in 300 città d’Italia, 600 siti solitamente inaccessibili oppure poco noti che meritano di essere valorizzati, saranno svelati in tutta la loro bellezza e unicità, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, e agli iscritti e a chi si iscriverà al FAI online o in piazza in occasione dell’evento saranno dedicate aperture speciali.

Tantissime le tipologie rappresentate: dai complessi religiosi ai palazzi, dai castelli alle aree archeologiche, dai piccoli musei ai parchi e giardini storici, e ancora borghi, aree naturalistiche, luoghi produttivi e molto altro. Inoltre, in occasione del centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto, il Ministero della Difesa, lo Stato Maggiore della Difesa e le Forze Armate concederanno l’accesso straordinario in 42 loro luoghi-simbolo di significativa importanza storica e istituzionale.