Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come trasformare un immobile da tempo fermo sul mercato in una struttura micro-ricettiva (fotogallery)

Autore: associazione italiana home stager (collaboratore di idealista news)

Può accadere che un immobile messo in vendita rimanga a lungo fermo sul mercato. Ciò si traduce in un costo per il proprietario. In questo caso, la soluzione ottimale è decidere di trasformare quello che è un peso in una risorsa. Ma come fare? A spiegarlo ci sono le nostre collaboratrici dell'associazione italiana Home Stager.

Sono sempre di più i proprietari che decidono di ritirare il loro immobile in vendita dal mercato, in particolare quando si tratta di un bene ereditato a cui si è legati anche emotivamente e che si preferisce non perdere, optando per una formula al passo con i tempi. Il mercato è in grado di trasformare un peso in una risorsa, mettendo a reddito la propria casa grazie alla rivoluzione del settore turistico. E' l’era di airbnb, booking, Rentalia, per menzionarne solo alcune. In altre parole, è l’era del viaggio autentico e della condivisione della propria abitazione a fini turistici. Effetti collaterali della sharing economy?

Sosteniamo che si tratta di una formula vincente e speriamo di aver già convinto i nostri lettori con i vari casi studio pubblicati in merito. Oggi vorremmo mettere in luce una scelta difficile da fare per i proprietari che decidono di affrontare la giungla burocratica delle pratiche da seguire. Ricordiamo che le autorità – giustamente – stanno seguendo con più attenzione le strutture abusive, data anche l’evoluzione di una nicchia in un mercato vero e proprio. Quindi mettersi in regola è più importante che mai.

In Italia abbiamo una legge nazionale che regola le varie strutture micro-ricettive, con integrazioni che variano da regione a regione e da comune a comune. Questo certamente non facilita la procedura per il non-esperto; per apprezzare tutte le caratteristiche che un immobile deve avere, consigliamo quindi di rivolgersi a un professionista del settore. Più genericamente, quindi, oggi iniziamo con alcuni degli aspetti gestionali che le tipologie più comuni comportano, in tutto il Belpaese.

Bed & Breakfast

Una formula non imprenditoriale che richiede al proprietario di essere residente nella struttura stessa. La tipologia forse più famosa di struttura micro-ricettiva che ha dato il via all’ondata di airbnb e altri. “Letto e colazione” – geniale.

Casa vacanze

La formula meno impegnativa, nel senso che da un lato è non imprenditoriale e non richiede nemmeno la residenza né la preparazione della prima colazione per gli ospiti da parte del gestore. Le metrature minime per una casa vacanze sono di 28mq, al di sotto di queste dimensioni non vengono rilasciate le necessarie certificazioni.

L’affitta camere

Una formula simile a un B&B, ma in forma imprenditoriale.

L’agriturismo

Una formula che differisce in tanti punti dalle strutture micro-ricettive di città – uno dei vari prerequisiti necessari per poter aprire un agriturismo è di essere imprenditore agricoltore.

Che significa non-imprenditoriale? Non-imprenditoriale significa che i ricavi della struttura vengono dichiarati dal gestore nella sua normalissima dichiarazione dei redditi, sotto la voce “Altri redditi”. Il tasso applicato quindi si orienta al tasso generalmente applicato ai redditi del gestore.

Dal momento che oggi quello micro-ricettivo è diventato un mercato vero e proprio, adesso più che mai diventa importante distinguere la propria struttura dalle altre sul mercato. La concorrenza sta aumentando e questo in realtà rappresenta un segno positivo in quanto tale sviluppo è basato sull’aumento della domanda. I proprietari hanno un’occasione unica per sfruttare una delle poche aree di vita nell’attuale quadro economico.

Il mondo micro-ricettivo è complesso e interessante. Noi ce ne siamo innamorati sin da subito e abbiamo trovato la perfetta sinergia con lo staging, trasformando immobili fermi sul mercato in strutture micro-ricettive, applicando la nostra filosofia da sempre: alto impatto a basso costo.

Contattaci – saremo lieti di valutare il potenziale del tuo immobile in vendita o affitto a uso turistico. www.archistagedhomes.it e info@stagedhomes.it.