Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ikea e Lego collaborano per firmare un’imperdibile collezione di mobili per giocare

Ikea
Ikea
Autore: Redazione

Due giganti scandinavi pronti a unire le forze in un progetto comune. Nel 2020 Ikea e Lego firmeranno una linea di mobili da costruire con i mattoncini più famosi del mondo.

La collezione si chiamerà Bygglek e nasce dall’esigenza di offrire al pubblico mobili da assemblare esaltando l’aspetto ludico in spazi di gioco casalingo condivisi tra grandi e piccoli.  La collaborazione tra Lego e Ikea, infatti, era stata annunciata un anno fa, con l’obiettivo dichiarato di creare mobili che possano essere funzionali per il gioco da distribuire in diverse zone della casa.

I mattoncini più famosi del mondo
La collezione è attesa per il 2020 / Ikea

E la scelta di Ikea, per il partner, è ricaduta proprio su Lego, che ha sempre ribadito la ferma convinzione che giocare aiuti a crescere e che le loro costruzioni siano un punto di contatto naturale tra adulti e bambini.

Ancora non sono stati diffusi i dettagli della linea, ma molto probabilmente si dovrebbe trattare di mobili o elementi per la casa a misura di bambino che possano fungere anche da piani su cui genitori e figli possano giocare insieme. Bygglek dovrebbe arrivare nei negozi a partire dal 2020.

Il progetto si chiama Bygglek
I due designer di Ikea e Lego / Ikea

Rasmus Buch Løgstrup, designer di Lego, ha dichiarato: “A tutti gli adulti è capitato di calpestare un mattoncino Lego durante la notte, ma se fosse l’adulto a sistemare i mattoncini secondo la sua logica il gioco si interromperebbe”. La sfida, quindi, sta nel ripensare il gioco come un’avventura condivisa, senza però accantonare i doveri.

Passione che attraversa le generazioni
Riordinare fa parte del gioco / Ikea

Per Andreas Fredriksson, designer di Ikea: “Unire le persone nel gioco e dare la possibilità di creare nuovi giochi sono punti centrali sia per noi sia per Lego, e sono alla base delle nostre visioni, dei nostri obiettivi e dei nostri valori”.