Notizie su mercato immobiliare ed economia

I mobili di Ikea pensati per trasformare i micro living

dezeen
dezeen
Autore: Redazione

I tempi cambiano e con essi anche i modi di abitare. Ormai il micro living ha smesso di essere un prototipo futuribile ed è un’opzione sempre più gettonata anche nelle grandi città europee. La vera sfida, però, è garantire lo stesso grado di comfort in meno mq. E la sfida, oltre che da architetti e design, è stata accettata anche da Ikea.

Il colosso svedese, infatti, recentemente ha svelato una nuova collezione pensata ad hoc per i micro living. Si tratta di un progetto sviluppato in collaborazione con Ori, una startup americana nata all'interno del Mit. Rognan, questo il nome della collezione, unisce edilizia e robotica per cambiare gli spazi e l’utilità dei mobili a seconda dei momenti della giornata.

Le proiezioni dicono che, entro il 2050, il 70% della popolazione mondiale vorrà vivere nelle città. Si prospetta, quindi, un futuro super affollato nei grandi centri, in cui la maggioranza della popolazione potrebbe dover vivere in sorte di complessi alberghieri, con centinaia di camere da letto, e ambienti comuni dove pranzare, lavare i panni, guardare la televisione.

Ottimizzare gli spazi, quindi, sarà fondamentale per garantire degli standard abitativi di un certo livello. Vediamo, intanto, come è il presente dei micro living.