Notizie su mercato immobiliare ed economia

Pensionati in fuga all’estero, ecco i “paradisi della White Economy”

Autore: Redazione

Sono sempre di più i pensionati che si trasferiscono dall’Italia in altri Paesi europei, soprattutto in cerca di un clima più mite e di un fisco agevolato. Vediamo quali e perché sono le destinazioni più gettonate.

Secondo quanto sottolineato dal Corriere della Sera, i Paesi che stanno sfruttando la cosiddetta “emigrazione previdenziale” sono soprattutto la Spagna e il Portogallo.

Una meta molto ambita è Tenerife, nell’isola delle Canarie, dove il vantaggio fiscale è in media del 5%, ma cambia a seconda delle differenti aliquote e concorre ad attrarre i pensionati italiani perché si somma con un basso costo della vita: un affitto costa 400 euro, con 10 euro si mangia in un ristorante e con 70mila euro si può acquistare una villetta sul mare. Il clima poi è mite, le temperature oscillano tra i 20 e i 27 gradi.

Anche il Portogallo non se la cava male. Il Paese ha avviato una politica aggressiva di attrattività: nei primi dieci anni di nuova residenza la pensione è tax free e per maturare la prima residenza sono necessari sei mesi di uno stesso anno.

Questa “emigrazione previdenziale” però sembra non preoccupare il presidente dell’Inps, Tito Boeri, un po’ perché ritiene i numeri ancora bassi e un po’ perché considera tutto ciò nell’ordine delle cose nell’Europa unita. Boeri, tuttavia, pensa a un piano che vedrà la luce nel 2018 per attrarre a nostra volta pensionati dei Paesi Nordici, dall’Olanda alla Scandinavia.

Ma i pensionati si trasferiscono anche all’interno del nostro stesso Paese. Come sottolineato dallo stesso articolo del Corriere della Sera, i pensionati milanesi e piemontesi si trasferiscono in Liguria da tempo non per cercare vantaggi fiscali quanto per usufruire del microclima marittimo. Secondo i dati Istat riferiti al 2015, in Liguria si sono trasferiti circa 4mila nuovi residenti da 66 anni in su.

Non si può infine non menzionare il capitolo crociere: almeno un quarto dei viaggiatori sono over 65 e le società di navigazione se li contendono con sconti e tariffe abbordabili.