Notizie su mercato immobiliare ed economia

Imu sulle piattaforme petrolifere dal 2020, come funzionerà

Le regole previste dal decreto fiscale

Cosa prevede prevederlo la bozza del decreto fiscale
Cosa prevede prevederlo la bozza del decreto fiscale collegato alla manovra / Gtres
Autore: Redazione

A quanto pare, dal 2020 si dovrà pagare l’Imu sulle piattaforme petrolifere. A prevederlo la bozza del decreto fiscale collegato alla manovra.

In particolare, il decreto fiscale stabilisce una specifica modalità si applicazione dell’Imu sulle piattaforme petrolifere. La faccenda, infatti, appare particolarmente delicata.

Come sottolineato dal quotidiano economico Il Sole 24 Ore, la Corte di cassazione si è pronunciata tre volte sul tema ritenendo le piattaforme petrolifere iscrivibili nel Catasto e di conseguenza assoggettabili all’Imu, mentre il dipartimento delle Finanze con la risoluzione 3/16 ha affermato che si tratta di immobili non oggetto di inventariazione negli atti del Catasto e quindi non assoggettabili all’Imu.

Secondo quanto previsto dal nuovo regime, le piattaforme petrolifere devono essere considerate fabbricati la cui base imponibile deve essere calcolata in base alle scritture contabili, così come avviene per i fabbricati di categoria D che non sono iscritti in Catasto.

La base imponibile calcolata in questo modo dovrà essere assoggettata nel limite del 20% con aliquota fissa al 10,6 per mille. Allo Stato andrà il gettito pari all’aliquota del 7,6 per mille, ai Comuni la parte che rimane.

Esclusivamente nel 2020 l’intero versamento andrà allo Stato che poi dovrà provvedere a versare ai Comuni la quota di loro competenza, dal 2021 l’Imu verrà versata parte allo Stato e parte ai Comuni.

Articolo visto su
Sulle piattaforme petrolifere Imu dal 2020 con regole ad hoc (Il sole 24 ore)