Notizie su mercato immobiliare ed economia

Roma, Unicredit cede Palazzo Mancini a Kryalos Sgr

Autore: Redazione

Unicredit ha siglato un accordo preliminare per cedere a Kryalos Sgr lo storico Palazzo Mancini a Roma. L’immobile del Seicento si trova in via del Corso 270. È stato prima sede dell’Accademia di Francia e poi del Banco di Sicilia.

La società ha fatto sapere che nel palazzo “troveranno spazio uffici di pregio inseriti in un contesto di elevato valore storico-artistico”.

L’immobile è stato edificato nel 1662 su progetto di Carlo Rainaldi per il duca di Nevers, Filippo Giuliano Mazzarino Mancini. Nel 1737 è stato acquistato dalla Francia come sede dell’Accademia di Francia e dopo la Rivoluzione francese è stato utilizzato come sede dell’ambasciatore francese presso la Santa Sede.

Nel 1804 è stato permutato con Villa Medici quale sede dell’Accademia e nel 1818 è stato acquistato da Luigi Bonaparte e da questi ceduto circa dieci anni dopo alla vedova di Vittorio Emanuele I, Maria Teresa d’Asburgo Este. Nel 1831 con Maria Cristina di Savoia, divenuta regina di Napoli, è passato ai Borbone di Napoli e nel 1853 a Scipione Salviati. Nel 1919 è stato rilevato dal Banco di Sicilia per farne la sua sede centrale di Roma.

Il palazzo è costituito da 6 piani fuori terra oltre ad un piano interrato, per una superficie complessiva di circa 8.000 mq. L’edificio è caratterizzato da una facciata esterna in bugnato e da un ingresso colonnato.

Nelle sale vi sono fregi seicenteschi e una serie di vedute romane attribuite a Bartolomeo Pinelli (1781- 1835). Al secondo piano si trova una galleria con affreschi raffiguranti scene ispirate alle Logge di Raffaello a opera degli studenti dell’Accademia di Francia.