Notizie su mercato immobiliare ed economia

Mutui ai tempi del covid, i trend del 2020 secondo la Bce

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Rallenta l’andamento dei mutui nell’area euro nel primo trimestre 2020. A causa del covid il tasso di crescita è calato, anche se nella prima parte dell’anno si è comunque registrata una crescita rispetto agli anni precedenti. I dati del Bollettino Bce diffuso da Banca d’Italia.

Il primo trimestre si è infatti concluso a quota 4566,5 miliardi di euro in mutui casa contro i 4524,2 dell’anno precedente. Il tasso di crescita sui dodici mesi dei prestiti alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, si legge nel Bollettino Bce, è rimasto sostanzialmente stabile ad aprile, al 3,9 per cento, dopo il 4,0 per cento di marzo.

I tassi compositi sui prestiti alle imprese e alle famiglie per l’acquisto di abitazioni hanno toccato nuovi minimi storici a marzo, pari rispettivamente all’1,46 per cento e all’1,39 per cento . Tale andamento è stato comune tra i paesi dell’area dell’euro e riflette la trasmissione ritardata delle oscillazioni dei tassi di mercato ai tassi sui prestiti bancari.

Bollettino Bce
Bollettino Bce

 

 

Allo stesso tempo, tenuto conto dell’aumento dei costi della provvista bancaria e del ricorso ai tassi di riferimento del mercato per i prezzi dei prestiti bancari, come ad esempio il tasso interbancario riferito all’area dell’euro (Euribor), che è aumentato nel corso del periodo di riferimento, è probabile una certa pressione al rialzo sui tassi applicati ai prestiti bancari nei prossimi mesi.