Notizie su mercato immobiliare ed economia

Le vie più lussuose del mondo: via Montenapoleone, la regina del retail in Italia, è sesta

pixabay
pixabay
Autore: World Capital (collaboratore di idealista news)

La pandemia ha fortemente impattato sul mercato del retail in Italia, già indebolito dalla crescita dell’e-commerce, trend ulteriormente consolidato dalle nuove abitudini di acquisto generate dal lockdown e dalle continue restrizioni dettate dal Covid.

Soffermandoci sui valori immobiliari retail rilevati nel primo trimestre 2021 dal Dipartimento di Ricerca di World Capital, e pubblicati nel nuovo Report Retail Fashion High Street 2021 realizzato insieme a Federazione Moda Italia, notiamo una generale contrazione del trend ad eccezione di qualche situazione di timida stabilità.

Per quanto riguarda i canoni di locazione al nord si registra una situazione più incoraggiante, con una variazione percentuale media del -6% rispetto al periodo pre-pandemico, mentre nel Sud Italia la variazione percentuale arriva anche al -16% come per esempio nella high street di Catania, Corso Italia.

A confermarsi la via dello shopping più lussuosa del Bel Paese è ancora Milano, Via Montenapoleone, seppur con valori ridimensionati rispetto al semestre precedente, con un canone di locazione di 10.500 €/mq/anno.

L’High Street meneghina resta al passo anche con le vie competitor mondiali stabilendosi al sesto posto della Top10 delle Vie dello Shopping più lussuose al mondo.

Al primo posto, invece, troviamo la rinomata Fifth Avenue a New York con un canone di locazione di 28.000 €/mq/anno, seguita da Causeway Bay a Hong Kong (24.000 €/mq/anno) e Avenue Des Champs-Elysées a Parigi (14.800 €/mq/anno).

Nella Top10 infine spazio anche ad un’altra High Street tutta italiana, ovvero Via Dei Condotti a Roma che si stabilisce all’ottavo posto con un canone di locazione di 9.430 €/mq/anno.

"La crisi provocata dalla pandemia ha causato delle situazioni difficili per il mercato retail, con una fisiologica contrazione dei valori immobiliari. Tuttavia, questo non arresta il fascino che le High Street esercitano agli occhi degli investitori e dei brand di alta moda – dichiara Andrea Faini, CEO di World CapitalIl progresso sul fronte vaccinale e la ripartenza del turismo nei prossimi mesi potrebbe portare ad una graduale ripresa del settore. Nonostante la pandemia abbia modificato le abitudini di acquisto delle persone, il negozio fisico resta fondamentale, sia come vetrina del brand, ma soprattutto come luogo di esperienza per il consumatore.”