Notizie su mercato immobiliare ed economia

Legge elettorale, fregati bersani e grillo. Avremo un monti bis?

foto: eddypedro (flickr.com cc)
Autore: Redazione

Dopo che il governo monti aveva minacciato di intervenire con un decreto legge, con una mossa a sorpresa pdl, udc, lega e api hanno trovato l'accordo sulla legge elettorale. Il punto principale della questione, ossia il premio di maggioranza, viene fissato al 42,5% dei voti. Di fatto, con questa cifra, non governerà nessuno e si apre la strada a un monti bis

Dopo mesi di estenuanti discussioni il famoso porcellum, ossia la vecchia norma elettorale approvata in passato da pdl-lega, potrebbe finalmente andare in pensione. La commissione affari costituzionalid del senato ha infatti approvato l'emendamento che fissa il nuovo tetto del premio di maggioranza

Il premio di maggioranza è il meccanismo che assegna alla coalizione vincente un plus di seggi, per poter garantire la governabilità. Il porcellum non fissava nessuna soglia minima di voti: bastava la maggioranza relativa per avere il premio

Quando fu approvata, infatti, la legge calderoli venne definita una porcata, in quando, per fare un esempio, bastava anche il 31% dei voti per ritrovarsi in parlamento col 51%. Inoltre era chiaramente cucita addosso alla colazione lega-pdl

Curiosamente nelle ultime settimane al pd di bersani il porcellum sembrava la soluzione più comoda: di fronte alla possibilità di un futuro parlamento assai frammentato, era l'unico modo per garantire un'ipotesi do governo stabile

Ci hanno pensato casini, alfano, maroni e rutelli a far crollare i sogni di bersani. Ma anche quelli di beppe grillo che, in un ipotetico risultato simile a quello della Sicilia, sarebbe potuto diventare il primo partito e per effetto della legge elettorale ritrovarsi a governare da solo o in compagnia dell'idv

Articolo visto su
(Agenzia)