Notizie su mercato immobiliare ed economia

Contratto a canone concordato, è boom di ricerche (grafico)

Autore: lvilei

Sono bastati pochi giorni per fare del contratto a canone concordato un tema di straordinaria attualità. Con la riforma della cedolare secca sugli affitti, infatti, la locazione a prezzi calmierati diventa decisamente vantaggiosa, sia per i proprietari che per gli inquilini

Come vediamo dall'andamento delle ricerche su google, a partire dall'annuncio del governo si è verificato un picco di interesse sul tema. Il vantaggio di realizzare questo tipo di contratto aumenta infatti in modo esponenziale

I proprietari pagheranno un'aliquota unica ridotta del 15% se scelgono l'opzione della cedolare secca. Il prezzo del canone concordato è inoltre più basso della media del canone libero. I prezzi vengono infatti determinati in ogni comune, in accordo con le associazioni di proprietari e inquilini

Per gli inquilini a basso reddito esistono inoltre delle agevolazioni fiscali. Sono escluse invece le locazioni brevi, con durata da 1 a 18 mesi

Leggi anche:

Come si esercita l'opzione della cedolare secca

Come funziona l'affitto a canone concordato