Notizie su mercato immobiliare ed economia

Attici, l'identikit dei compratori più interessati a questa tipologia immobiliare

Autore: Redazione

L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le compravendite di attici realizzate nel secondo semestre dello scorso anno. Secondo l'analisi i compratori più interessati a questa tipologia immobiliare sono quelli compresi tra i 35 e i 44 anni di età, per lo più sposati (54% del campione) e di professione impiegati. La regione con più transazioni è la Lombardia, seguita dal Lazio.

Tra gli acquirenti di attici la fascia di età più attiva è stata quella compresa tra 35 e 44 anni con il 37,3% delle compravendite. Questa tipologia è stata scelta in prevalenza da persone sposate (54,0%), mentre i single compongono il 46,0% del campione (categoria dei single che comprende celibi/nubili, separati, divorziati e vedovi). Per quanto riguarda la professione, ad acquistare attici sono stati soprattutto impiegati (49,2%), a seguire imprenditori, dirigenti e liberi professionisti (20,5%). 

La compravendita di questa soluzione immobiliare ha riguardato in particolare l’abitazione principale (83,2%), mentre si è trattato di un investimento nel 10,4% dei casi e di una casa vacanza nel 6,4% dei casi. Da segnalare, rispetto al secondo semestre del 2014, l’aumento delle percentuali di acquisti per investimento (+0,9%), mentre è in lieve calo la percentuale di compravendite per casa vacanza (-1,2%). 

Le regioni più attive sul mercato degli attici

Tra le regioni più attive sul mercato degli attici da segnalare la Lombardia con il 20,6% delle compravendite totali ed il Lazio con il 15,9%; a seguire Piemonte e Puglia, ognuna delle quali comprende il 9,5% delle compravendite totali.

Infine è stata calcolata la percentuale di acquirenti che ha richiesto l’ausilio di un mutuo bancario per effettuare l’acquisto dell’attico: il risultato ha evidenziato che il 54,4% degli acquirenti si è rivolto ad un istituto di credito, mentre il 45,6% ha comprato in contati. Rispetto ad un anno fa si registra una diminuzione della percentuale di coloro che hanno acquistato con il mutuo (-5,7%).