Notizie su mercato immobiliare ed economia

Una formazione in diritto immobiliare rivolta a esperti del settore, cittadini e imprese

Gtres
Gtres

Esperto di diritto immobiliare e condominiale, l'avvocato Guerino De Santis è il presidente del neonato ’Istituto Nazionale Studi Giuridici Immobiliari (INSGI), con sede a Foggia, che ha l'ambizioso obiettivo di fornire una formazione adeguata in materia non solo agli avvocati e ai professionisti del settore, ma anche a cittadini e imprese. idealista/news ha intervistato l'avvocato De Santis

1) Com'è nata la idea di creare INSGI? 

L’idea di costituire INSGI è frutto del lungo lavoro di questi ultimi dieci anni, dedicato alla formazione immobiliare degli amministratori di condominio e dei professionisti. L’obiettivo che si prefigge l’Istituto, è quello di formare ed aggiornare i soggetti che gravitano intorno al mondo dell’immobiliare da un punto di vista giuridico, tecnico e tributario.

2) Quali tipi di corsi vengono impartiti? A chi si rivolgono?

L’INSGI è nato da qualche giorno, e, nell’immediato si prevedono un paio di webinar illustrativi del progetto che si rivolgeranno ad una stretta cerchia di potenziali associati interessati alla materia e reclutati attraverso il web.

3) Quando è previsto l'inizio delle attività?

I corsi non sono ancora attivi, ma stiamo predisponendo un crono programma degli stessi per l’anno 2021 strutturati con modulo unico su più aspetti specifici. Si pensa ad un webinar al mese, salvo eventi in presenza laddove le circostanze lo consentissero.

4)Perché è così importante la formazione in campo immobiliare? 

Gli immobili rappresentano una componente importante della economia del nostro paese e, a dispetto del significato oggettivo della parola stessa, sono in continua evoluzione normativa e giurisprudenziale. La nostra formazione sarà rivolta non solo agli addetti al settore, ma anche a delle categorie nuove a cui per la prima volta questo tipo di formazione tende: i cittadini e le imprese che hanno interesse nel campo immobiliare. I primi perché potenzialmente interessati alla tutela delle loro proprietà, e le seconde in quanto, tale interesse a conoscere, è funzionale alla loro attività.

5) Quali crede che saranno gli effetti del covid sul settore?

Il Covid ha travolto la vita di tutti noi e purtroppo le conseguenze di questo sconvolgimento economico e sanitario non sono ancora preventivabili, soprattutto nel mercato immobiliare che già prima della pandemia aveva subito una decisa flessione. Ai fini della formazione, invece, a mio parere nulla cambierà perché grazie ai mezzi tecnologici che ci consentono gli incontri sarà sempre garantito il diffondersi del sapere.