Notizie su mercato immobiliare ed economia

La società immobiliare Caruso investe in bitcoin e Blockchain

Foto di Aaron Olson da Pixabay
Foto di Aaron Olson da Pixabay

Caruso, con sede a Los Angeles, California, è una delle maggiori società immobiliari di successo degli Stati Uniti. Totalmente privata, possiede e gestisce immobili commerciali e residenziali in tutti gli USA. È specializzata nella realizzazione e nella gestione di centri commerciali che ospitano i più importanti brand della vendita al dettaglio, della ristorazione e dell’intrattenimento.

Convinta dello sviluppo delle cripto valute, qualche giorno fa, Caruso ha annunciato di essere la prima società americana immobiliare ad avere effettuato un investimento iniziale in bitcoin (BTC) come parte della sua strategia di accantonamento riserva di capitale. Oltre a questo Caruso ha dichiarato che accetterà bitcoin per il pagamento degli affitti delle sue proprietà residenziali e commerciali.

L’obbiettivo dell’azienda californiana è quello di creare un ecosistema orientato ai pagamenti digitali che include anche la realizzazione di applicazioni (dApp) basate su tecnologia Blockchain che avranno lo scopo di aumentare la capacità dei servizi commerciali della stessa società.

La tecnologia per l’accantonamento e la gestione di bitcoin sarà messa a disposizione da Gemini, uno dei principali exchange mondiali di cripto valute. Gemini, con sede a New York, da anni offre servizi di custodia di più di 30 monete digitali tra le quali: Ehter (ETH), Litecoin (LTC), Zcash (ZEC).

L’accantonamento di riserva di capitale in bitcoin da parte di Caruso, avviene nel primo quadrimestre 2021, periodo in cui ha fatto scalpore l’identica scelta attuata da Tesla, azienda fondata da Elon Musk, che nel febbraio scorso ha acquistato 1,5 miliardi di dollari di bitcoin. E’ proprio di queste ore l’annuncio da parte della stessa Tesla che la vendita di parte di questi, ha fruttato all’azienda proventi per 272 milioni di dollari, denaro che è andato ad accumularsi al bilancio trimestrale.

Zachary Kirkhorn, responsabile delle operazioni finanziarie di Tesla, ha dichiarato: “Il bitcoin si è dimostrato una buona scelta, un buon modo per accantonare contante non utilizzato per le operazioni quotidiane e ottenere ritorno finanziario. Tesla vuole mantenere la sua posizione a lungo termine in bitcoin”.

Caruso e Tesla entrano nel mondo delle cripto valute dopo aziende come Mogo, fintech canadese che ha annunciato, nel dicembre 2020, un investimento di oltre 1,5 milioni di dollari in bitcoin, e un programma di ulteriori investimenti sempre su BTC per tutto il 2021. Microstrategy, software house che in più riprese ha accumulato 90.000 bitcoin per un valore al cambio attuale di oltre 4,5 miliardi di dollari. Square, guidata dal fondatore di Twitter, Jack Dorsey, società specializzata in pagamenti digitali che detiene oltre 2 miliardi di dollari in bitcoin.

Cristian Fresolone Ceo di Revofactory, parte di idealista, società che distribuisce il gestionale immobiliare Miogest. Bitcoin hodler e appassionato di tecnologia Blockchain.

Etichette
Bitcoin