Notizie su mercato immobiliare ed economia

Quali sono le spese notarili che paga chi vende casa

Un'altra puntata della rubrica di idealista/news dedicata a "La casa in pillole"

Autori: @Annastella Palasciano, luis manzano

Normalmente è l'acquirente a dover sostenere le spese notarili relative all'atto di compravendita di una casa. Ma non è sempre così. Ci sono dei casi in cui anche il venditore è tenuto a pagare le spese al notaio. A spiegarlo a idealista/news è Valentina Rubertelli, neo Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato e protagonista della rubrica dedicata a "La casa in pillole"

"Gli onorari dei notai - afferma Rubertelli - non hanno più dei minimi e dei massivi tariffari sin dal 2006, quindi dipendono dal valore dell'atto, dalla complessità della pratica e vanno concordati col proprio notaio col proprio notaio di volta in volta con la raccomandazione di sceglierlo sulla base del rapporto di fiducia e non sulla base di un ragionamento squisitamente economico. Normalmente accade che il notaio venga scelto dalla parte acquirente per cui nella normalità dei casi (ma la regola è derogabile per volontà delle parti) è l’acquirente che paga l’onorario del notaio"

Ma ci sono dei casi in cui a pagare è anche il venditore. "Il venditore dovrà sostenere le spese relative a:

  • La trascrizione della accettazione tacita della eredità (quando il bene alienato proviene da una successione)
  • La plusvalenza forfetizzata al 26% ove non preferisca pagarla direttamente in sede di denunzia dei redditi (e sempre che ne ricorrano i presupposti) ad es rivendita della casa prima di 5 anni ad un prezzo maggiore rispetto all’acquisto
  • L’attestato di prestazione energetica;
  • Le eventuali sistemazioni catastali e urbanistiche
  • La eventuale rettifica dell’atto di provenienza (nel caso in cui presentasse degli errori materiali nei dati catastali o anagrafici)