Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come diventare un host perfetto e mettere a reddito la propria casa in 10 passi

Antonella Brugnola
Antonella Brugnola
Autore: Redazione

Antonella Brugnola, autrice del manuale “Mettere a reddito la propria casa nel mercato extra alberghiero”, è una convinta sostenitrice dell’home sharing non professionale come opportunità per ottenere una piccola rendita integrativa. Scopriamo il suo decalogo con i temi chiave della formazione per chi voglia trarre una piccola rendita dal proprio immobile attraverso l’home sharing.

Antonella Brugnola, che è anche la curatrice del “Corso Completo di Home Sharing” della Vivere di Turismo Business School, si rivolge principalmente alle donne vittime della crisi occupazionale causata dal covid (su 101mila nuovi disoccupati, 99mila sono donne, secondo i dati Istat di dicembre 2020) e a quelle che abbiano voglia di mettersi in gioco per avviare la loro attività.

Antonella Brugnola si rivolge agli host che abbiano una o due case al massimo  (dalle 4 in poi scatta infatti l’obbligo di partita Iva e il regime di imprenditorialità) che nulla hanno a che vedere con i property manager che svolgono l’attività in maniera professionale e imprenditoriale. In sostanza, l’host può gestire la casetta del nonno in regime di locazione o di casa vacanza.

Antonella Brugnola
Antonella Brugnola

Anche l’autrice del manuale “Mettere a reddito la propria casa nel mercato extra alberghiero”, infatti, aveva iniziato quasi per gioco a ospitare persone di tutto il mondo nella sua seconda casa milanese (nelle foto), ma ora è un vero e proprio punto di riferimento per il settore degli host italiani. Per questo, Antonella Brugnola ha confezionato un decalogo per chi volesse impegnarsi nell’ospitalità home made.

Prima regola: mai improvvisare

Come per la realizzazione di qualunque progetto, si può fare da soli, improvvisando, impiegando tanto tempo e quasi sicuramente inciampando in qualche errore, oppure ci si può preparare bene seguendo gli esperti del settore e partire nell’impresa con maggior sicurezza e autonomia grazie ad una formazione adeguata. La materia è piuttosto frammentata e complessa perché l’home sharing è un fenomeno nuovo, ancora in divenire.

Accolgo ergo sum

Esplora la tua voglia di accogliere in casa turisti da tutto il mondo e capirai la tua attitudine ad assistere il prossimo. Ci sono doti che devi possedere naturalmente, anche in forma accennata, e sono basilari per diventare un host perfetto e un bravo storyteller. Non c’è che iniziare a ospitare e scoprirai che è bello raccontare le bellezze del tuo quartiere, i musei meno conosciuti, le botteghe a cui indirizzare gli ospiti per gli acquisti del posto più sorprendenti. E le persone che accogli ti ascolteranno rapiti.

Antonella Brugnola
Antonella Brugnola

Stessa casa nuovo look

Partire con l’home sharing può essere l’occasione per dare il via a lavori che da tempo rimandavi e fare il lifting alla casa. Non è necessario spendere patrimoni in arredi, basta scegliere i pezzi giusti, se parti dalla casa vuota, o selezionare un mix di pezzi vecchi e nuovi per un look unico. Ricorda: la personalizzazione, cioè rendere la casa unica e che rispecchi il tuo stile, è l’arma vincente negli affitti brevi.

Mai sottovalutare la burocrazia

Procurati un indirizzo pec e una firma digitale ad alta risoluzione. Cosa c’entrano con gli affitti? C’entrano, perché tra il mettere online la propria casa e ricevere il primo guest c’è di mezzo un mare di burocrazia. I primi passi possono essere un po' disarmanti, perché ti dovrai documentare, presso il Comune in cui intendi affittare il tuo appartamento, in materia di affitti brevi e seguire delle procedure obbligate. È quanto devi fare per ospitare in regola.

B&B o casa vacanza

Per individuare la formula più idonea per affittare la casa in modo soddisfacente, è importante chiarire bene fin dall’inizio l’obiettivo principale del tuo home sharing: quanto tempo o risorse potrai dedicare a quest’attività? Devi sapere infatti che esistono varie tipologie di strutture ricettive extralberghiere con differenze, che vanno da regione a regione, tra B&B, Case Appartamenti Vacanza e Locazioni Turistiche.

Sempre un occhio ai trend del mercato

Essere sempre aggiornato, conoscere i trend attuali del turismo e cosa si aspettano gli ospiti da una casa in una località non metropolitana è fondamentale per la prenotazione. Sai cosa è lo staycation? E sai allestire una perfetta postazione da smartworking o conosci le modalità di pricing più adatte ai soggiorni lunghi?

Antonella Brugnola
Antonella Brugnola

I magic cornere che fanno la differenza

L’host perfetto conosce bene la sua casa e sa valorizzarne tutte le particolarità per renderla unica agli occhi degli ospiti. Se hai la fortuna di un balconcino con la balaustra in ferro battuto, sfruttalo mettendo un tavolino, due seggioline e qualche pianta per creare un romantico angolo per l’aperitivo e fai delle belle foto al tramonto per l’annuncio. Analogamente se c’è un caminetto antico, può essere allestito un caldo “punto chiacchiere, vino e relax” che farà sognare i tuoi ospiti al rientro da una gita impegnativa.

In english is better

La comunicazione innanzi tutto, meglio se in lingua inglese. Non è necessario sapere le lingue a livello avanzato, ma è meglio avere una discreta dimestichezza con una lingua straniera per gestire eventuali richieste improvvise e rapportarsi in modo rilassato con gli ospiti. L’accoglienza di persona è sempre molto gradita così come il “farsi sentire” – con messaggi o brevi chiamate – per trasmettere appieno il senso di ospitalità al vostro guest.

Tra problem solving e concierge

La tua capacità di risolvere piccoli problemi in modo brillante sarà la tua ancora di salvezza quando ti chiameranno perché il riscaldamento non parte. Sarà anche molto utile preparare e lasciare in casa un dettagliato Manuale della Casa con tutte le informazioni pronte all’uso, le regole della casa, come funzionano gli elettrodomestici ed info di servizio ad esempio su dove trovare una stazione di bike sharing.

Be positive e soprattutto open minded

Accogliere vuol dire aprire la porta di casa propria a tutti, perché tutti hanno il diritto di viaggiare e di conoscere nuovi luoghi. Quindi pensa serenamente a dare l’addio a preconcetti, credenze, falsi miti e sii open minded verso chiunque. Ne avrai benefici perché conoscerai persone che fanno esperienze in modo diverso da noi e ci insegneranno ad ampliare i nostri orizzonti, senza uscire da casa.