Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come realizzare una villa da sogno, il progetto nato a Sassari

Una villa da sogno realizzata a Sassari
Gopillar
Autore: GoPillar (collaboratore di idealista news)

Terra sarda, terra di tradizione poetica e paesaggi incantati, incorniciati dall’acqua cristallina del mar Tirreno. Una delle terre più adatte ad ospitare unità abitative unifamiliari, disposte su un unico livello, dotate di area wellness con grande giardino porticato e piscina lineare; parliamo di immobili accattivanti, lussuosi, avanguardisti che rappresentano il prototipo di una delle tipologie edilizie più elitarie e prestigiose al mondo.

Analizziamo alcune soluzioni progettuali interessanti in merito alla realizzazione di una villa unifamiliare disposta su un unico livello, inserita all’interno di un grande lotto di 1600 mq a Perfugas (Sassari), provvista di area wellness esterna con giardino porticato e piscina; il proprietario del lotto, rivolgendosi al marketplace per la progettazione architettonica e l’interior design GoPillar.com ha ottenuto decine di progetti diversi tra cui scegliere, in linea con le proprie necessità ed i propri orientamenti stilistici.

Gopillar
Gopillar

Il progetto che ha meglio vestito le richieste del committente è stato proposto dall’Architetto Gregorio Pantanali il quale analizzando gli Stazzi, ovvero le tipiche e antiche costruzioni a carattere rurale dell’area settentrionale della Sardegna, ha realizzato una personale reinterpretazione degli stessi per giungere a un risultato che richiama il passato ma che ha come obiettivo quello di mostrare un’architettura dallo stile moderno e contemporaneo. Un secondo elemento che ha veicolato la progettazione della villa è stato lo studio dell’irraggiamento solare, per ottimizzare al massimo l’apporto del sole durante il periodo invernale e garantire ombra durante i mesi estivi.

Gopillar
Gopillar

Due corpi elementari rettangolari rivestiti da murature con pietra faccia vista ed avvolti successivamente da un involucro a tratti trasparente a tratti opaco, vanno a delineare la forma complessiva dell’abitazione. La copertura svolge un ruolo fondamentale presentando i suoi punti di massimo nei vertici, al fine di slanciare i volumi verso il cielo e alleggerire le grandi masse dei muri di pietra. Le due sagome sono collegate da un piccolo nodo centrale che funzionalmente rappresenta l’atrio d’ingresso all’abitazione. Entrando si sente immediatamente la connessione con l’esterno data la presenza di una vetrata a tutt’altezza che unisce i volumi.

Gopillar
Gopillar

Un altro interessante progetto è stato realizzato dall’ingegnere Caterina Musatti  la cui planimetria risulta apparentemente molto semplice: i due lati corti presentano un profilo identico segnato dal tetto a falde e da un'apertura ad arco posta al centro della parete bianca. La sagoma che ne deriva rappresenta da sempre l'archetipo di "Casa" ed oltre ad essere sinonimo di accoglienza cerca un forte dialogo con l'architettura rurale della tradizione sarda. La villa è stata orientata a Sud Ovest per godere del sole tutto il giorno, soprattutto nella zona del portico e della piscina antistanti la zona giorno dell'abitazione.

Gopillar
Gopillar

Il portico è molto ampio ed è realizzato con materiali locali come il granito rosa per i pilastri e la pavimentazione, il legno di recupero sbiancato a calce ed il cannucciato di bamboo per la copertura. Lo scopo è stato quello di realizzare un connubio tra modernità e tradizione, tra profumi, colori e paesaggi dell'entroterra senza mai scordare l'influenza del mare, tra tecnologia odierna e segni iconici del passato tipici proprio delle case dei pastori del luogo.


Gopillar
Gopillar

L’architetto Marta Bonesu  ha proposto una soluzione differente dalle precedenti anch’essa attingendo dalla tradizione sarda. La forma allungata e stretta del lotto, insieme all’orientamento rispetto al sole e alle diverse quote del terreno, hanno delineato i punti chiave del progetto. La casa, posta a Nord, ha una posizione sopraelevata rispetto al resto del lotto in modo tale da traguardare il panorama campestre circostante.