Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come trasformare la tua terrazza in una perfetta oasi estiva (fotogallery)

Autore: Redazione

Con le assolate giornate estive in arrivo, se non avete ancora pensato a come sistemare lo spazio esterno meglio correre ai ripari velocemente e pensare al modo in cui realizzare delle funzionali zone d’ombra per balconi, terrazzi e giardini. Fra le tante soluzioni ecco otto idee facili da replicare, non particolarmente dispendiose, da cui prendere spunto per vivere gli ambienti esterni della casa. Fra colore, tessuti, idee e materiali naturali non dimenticate mai che lo spazio all’aperto, piccolo o grande che sia, non deve essere trascurato, ma deve essere curato e rispecchiare il vostro stile.

Pacific Heights Victorian

Ombrelloni: un classico dei classici

Realizzati con materiali altamente resistenti e pensati per durare qualcosa in più di una stagione, gli ombrelloni di nuova generazione sono la soluzione più comoda e pratica per regalarsi una zona d’ombra su balconi, terrazze e angoli del giardino. Pratici e, in molti casi, non particolarmente costosi, sono facili da aprire e chiudere e durante l’inverno trovano senza nessun problema posto in casa. Proposti oggi da numerose aziende del settore con colori variopinti e fantasie accattivanti soddisfano tutti i gusti, sposandosi davvero con ogni stile.

Patio Design

2. In versione maxi

Ai classici modelli dalle dimensioni standard si affiancano negli ultimi tempi gli ombrelloni dalle dimensioni maxi. Si tratta di modelli più robusti e strutturati che consentono di realizzare zone d’ombra più ampie. Pratici e maneggevoli, realizzati con materiali solidi ma leggeri, come il legno trattato o l’alluminio, sono dotati di basi importanti che permettono un perfetto ancoraggio a pavimento.

Disponibili sia con struttura portante centrale, sia laterale, sono indicati per dare ombra al tavolo da pranzo o per rinfrescare un’ampia zona divani. Pur non avendo dei costi bassi, sono sempre meno dispendiosi di strutture permanenti che richiedono installazioni, montaggi e collaudi. Inoltre, il loro essere strutture assolutamente movibili li rende perfetti per chi non desidera strutture fisse (ad esempio se ci si trova in una casa in affitto).

3. Le vele

Si tratta di tende semplici da installare e assolutamente comode da mantenere. Di forma triangolare, nella maggior parte dei casi, vengono fissate a parete o a pilastri di sostegno per i tre angoli del telo. Originariamente per questo genere di coperture venivano utilizzate proprio le vele delle barche realizzate con tessuti robusti ed estremamente resistenti. Sono ideali in zone particolarmente ventose e per fare ombra in spazi dalle dimensioni contenute.

Modern organic

4. Coperture con teli in tessuto

Sicuramente meno stabili degli ombrelloni e meno tecniche delle vele, sono delle soluzioni assolutamente temporanee, ma particolarmente romantiche. Da utilizzare per improvvisare una cena, o per creare ombra su un tavolo preparato per un aperitivo regalano temporaneamente un perfetto spazio d’ombra. Da realizzare con dei teli di lino o di cotone leggero, sono la migliore risposta se si vuole spendere poco e se si desidera regalare atmosfera allo spazio esterno.

Decorate by Holly Becker and Joanna Copestick

5. Stuoie, cannucce e pergole di canne

In alcune case estive, soprattutto in quelle realizzate in luoghi prospicienti il mare e in modo particolare nelle isole del Mediterraneo, capita spesso che le terrazze, o i patii, siano realizzati con delle coperture miste realizzate con strutture in pietra e coperture in fibre naturali. Le più utilizzate (e anche economiche) sono le stuoie in canne di bambù conosciute anche come cannucciati o incannucciati. Leggere, pratiche da installare, e semplici da rimuovere quando arriva l’inverno, regalano allo spazio una discreta ombra, ma soprattutto consentono un ottimo passaggio dell’aria.

Beach Cottage
casa F&S isola di salina Eolie

6. Soluzioni combinate

Nelle zone molto calde e particolarmente battute dal sole, alle coperture con stuoie in canne di bambù, possono essere applicate delle tende in tessuto. Queste soluzioni composite, esteticamente molto gradevoli, sono ideali in quelle zone particolarmente soleggiate in cui la sola ombra delle stuoie (che non essendo superfici completamente chiuse permettono il passaggio dei raggi solari) non è sufficiente. I pannelli di tessuto, assolutamente movibili, saranno utili in modo particolare nelle ore di maggior soleggiamento, perché permetteranno di fruire al meglio dello spazio sottostante senza soffrire troppo il caldo.

Strutture autoportanti

Se ne trovano in commercio di svariati tipi e prezzi. Sono piccoli arredi dotati di seduta, cuscinatura e copertura. Perfette da installare in terrazza, in giardino o anche a bordo piscina, belle da vedere e molto eleganti rimandano alle zone lounge delle spiagge caraibiche o a certi sofisticati bagni delle bianche spiagge di Formentera. Da valutare in base alle esigenze, possono avere il miglior rapporto qualità prezzo se si considera che regalano un pacchetto relax completo.

Marken und Ideen

8. E poi c’è il fai da te…

Da creare come una sorta di tenda da campeggio stabile sotto cui inserire due sdraio, due poltrone o semplicemente due pouf. Basterà una tela per tende da esterno (la trovate anche al mercato), dei tondini di ferro o dei paletti di legno, della corda e dei picchetti da piantare a terra. Perfetta in giardino, questa potrebbe essere la soluzione più divertente soprattutto se in casa ci sono dei bambini.

la Maison Charrier

Altri articoli di Houzz