Notizie su mercato immobiliare ed economia

Legno e luce per due progetti di design abitativo a Milano e Padova

Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Autore: Redazione

Due progetti di design abitativo per creare spazi dinamici, con materiali ricercati e cura dei dettagli. Si tratta di due creazioni dello studio di architettura di Giuseppe Tortato: un loft a Milano e un attico a Padova.

Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza

Il loft milanese è caratterizzato da ambienti a doppia altezza e volumi monolitici in un gioco continuo di pieni e vuoti, di parti fisse e apribili, di trasparenze, e di elementi dinamici a scomparsa. La zona giorno ad esempio ruota intorno ad un grande “open space” che volutamente nasconde la ricchezza tecnologica dei meccanismi che lo caratterizzano.

Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza

L’accesso principale è posto al piano soppalcato; una scala “sospesa” conduce ai grandi divani sottostanti e alla zona notte, sulla sinistra un volume monolitico affacciato sulla doppia altezza racchiude spazi tra loro diversi come il bagno degli ospiti in travertino rosso, la cantina, concepita come una scatola in vetro fumè, e la cucina, caratterizzata da un’isola centrale in porfido viola.

Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza

La libreria in essenza di eucalipto è il vero “leitmotiv” degli interni, che dialoga con i serramenti esterni e che rende accogliente tutto all’ambiente. Nella zona padronale la scatola in legno di eucalipto delle cabine armadio è bilanciata dai prismi in vetro fumè dei bagni. Il disegno degli arredi è semplice e arricchito da dettagli come le maniglie a guscio o gli scuretti a pavimento o a soffitto. I materiali dei bagni sono preziosi e volutamente “esagerati”, in contrasto con il taglio minimo.

Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza
Loft milanese arch. Giuseppe Tortato / Matteo Piazza

L’attico di Padova è ricavato in un palazzo del 700 nel centro storico di Padova a pochi passi dalla chiesa degli Eremitani e dalla Cappella degli Scrovegni per un cliente alla ricerca di un rifugio familiare che consentisse di dedicarsi anche ai propri interessi. Anche in questo caso il design si sviluppa su doppie altezze e i dislivelli esaltando le strutture in legno esistenti, riportando la luce all’interno degli ambienti.

Attico a Padova  / arch. Giuseppe Tortato
Attico a Padova / arch. Giuseppe Tortato

Luoghi e spazi sono legati visivamente tra loro incentrati ed affacciati sulla grande sala, fulcro di tutto il progetto, pensata quasi come la “piazza” della casa su cui si affacciano ambienti speciali. Dominano colori e materiali naturali. Il parquet nero con finitura taglio sega, i muri intonacati color sabbia con argilla naturale.

Attico a Padova  / arch. Giuseppe Tortato
Attico a Padova / arch. Giuseppe Tortato

Il verde entra nell’ingresso, improvvisamente un albero sale fino al tetto prendendo luce dal lucernario in copertura, e accanto trova posto il pianoforte; lo studio si affaccia nel soggiorno come un gioiello discreto, una teca di vetro la “la casa sull’albero” del papà incastonata nella parete originaria, aggettante e sospesa verso il pianoforte ed il camino.

Attico a Padova  / arch. Giuseppe Tortato
Attico a Padova / arch. Giuseppe Tortato

Salendo su una pedana sospesa ci si ritrova nell’angolo del camino, incorniciato da un divano “passante”, posto al centro della stanza, rivolto sia verso l’antico focolare, sia  verso il nuovo monolite, sul lato opposto, che contiene la tv e il cuore tecnologico che gestisce tutti gli impianti della casa.