Notizie su mercato immobiliare ed economia

Calcolo compenso amministratore di condominio, come effettuarlo

Come effettuare il calcolo del compenso di un amministratore di condominio
Come calcolare il compenso di un amministratore di condominio / Gtres
Autore: Redazione

Come si effettua il calcolo del compenso di un amministratore di condominio? Ci sono diverse possibilità. Vediamo quali.

Nel momento in cui viene affidato l’incarico a un amministratore di condominio quest’ultimo deve dichiarare preventivamente gli oneri delle proprie prestazioni, così come disciplinato dalla legge 220/2012 di riforma del condominio.

Ma come quantificare l’emolumento che deve essere corrisposto all’amministratore? E’ necessario fare una corretta valutazione delle prestazioni necessarie e poi chiedere all’amministratore di presentare la propria offerta. Vediamo come si può calcolare l’emolumento.

Calcolo a percentuale – Si tratta della valutazione con metodo a percentuale di ciascun capitolo, spese e Iva escluse. I vari capitoli sono: legale rappresentanza (percentuale sul valore dell’immobile, con riferimento al valore di ricostruzione a nuovo dell’edificio, valore minimo di soglia 2 milioni di euro mediamente può essere quantificato nella misura tra lo 0,01% e lo 0,02% del valore); compiti amministrativi e di responsabilità civile, valore minimo di soglia 36.500 euro (percentuale sull’importo totale di gestione annuale, mediamente tra il 2% e il 4%); compiti operativi e di responsabilità penale, valore minimo di soglia 36.500 euro (percentuale sull’importo totale di gestione annuale, mediamente tra il 3% e il 5%).

Calcolo per unità immobiliare – Mediamente viene indicato nelle zone locali, ma vi è una costante minima di soglia a valore nazionale al di sotto della quale non è credibile, che per ogni unità è di circa 50-60 euro l’anno. Un valore nazionale indicativo della reale prestazione può essere mediamente considerato per ciascuna unità immobiliare non inferiore a 12-15 euro al mese, a cui aggiungere spese e oneri di legge.

Metodo a rimborso orario – Da un confronto reale con altri professionisti per cercare di valutare correttamente l’emolumento annuo per ciascuna unità immobiliare è emerso che esso risulta essere pari a circa 150-180 euro all’anno, a cui aggiungere spese e oneri di legge.

Calcolo parametrico – Tale metodo considera tre parametri: valore di ricostruzione a nuovo del fabbricato (indicato nella polizza di assicurazione), preventivo gestionale annuo (deliberato dall’assemblea condominiale), numero di unità immobiliari (indicate nel regolamento di condominio). Riportando in un quadro-tabella questi dati e collegandoli con rette che si intersecano l’incrocio delle rette indica il valore dell’emolumento.

Indicativamente e mediamente, l’onere annuale di amministrazione di un’unità immobiliare in condominio si deve basare su questi dati di massima:

  • l’impegno di lavoro per ogni unità immobiliare è di circa 2,5 ore all’anno;
  • il costo medio a persona operativa di uno studio è di circa 50-60 euro all’ora più una quota percentuale di utili aziendali, oltre a rimborsi spese e oneri di legge;
  • il costo medio annuale di amministrazione di un’unità immobiliare non può essere quindi inferiore a 150-180 euro oltre a rimborsi spese e oneri di legge.
Articolo visto su
Parcella dell’amministratore: almeno 150 euro per unità (Il sole 24 ore)