Notizie su mercato immobiliare ed economia

Prescrizione debiti luce e gas, le novità dall'Arera

Novità prescrizione debiti luce e gas
Novità per la prescrizione dei debiti di luce e gas / Gtres
Autore: Redazione

Cambiamenti per quanto riguarda la prescrizione dei debiti di luce e gas. L'Arera ha fatto sapere che dal 1° gennaio 2020 i clienti di energia e gas e gli utenti del servizio idrico integrato, appartenenti alle tipologie indicate dalla legge e dalla regolazione vigente, possono "in ogni caso" eccepire la prescrizione per importi fatturati relativi ai consumi più vecchi di 2 anni.

La novità permette di non pagare i crediti del gestore prescritti di acqua, luce e gas da oltre due anni. Spetta al gestore indicare in bolletta la possibilità per il cliente di non pagare gli importi fatturati relativi ai consumi più vecchi di 2 anni

Come spiegato da un comunicato dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, "la novità, introdotta dalla legge di Bilancio 2020 (n. 160 del 2019), viene integrata da Arera nel quadro regolatorio complessivo, adeguando l'informativa ai clienti e agli utenti che venditori e gestori devono inserire all'interno delle fatture, anche in caso di procedure di messa in mora collegate, nonché in caso di risposta ai reclami scritti dei clienti e degli utenti in merito".

Come ricordato, in precedenza, "prima della novità normativa introdotta dalla legge di Bilancio 2020, la prescrizione per i consumi relativi a periodi superiori ai 2 anni veniva esclusa nei casi in cui la mancata o erronea rilevazione dei relativi dati derivasse da un'accertata responsabilità dell'utente".

Il comunicato dell'Arera ha poi precisato: "Per garantire la trasparenza, i venditori e i gestori erano già tenuti a emettere una fattura separata contenente esclusivamente gli importi per consumi risalenti a più di 2 anni oppure - in alternativa - ad evidenziare tali importi in modo chiaro e comprensibile all'interno di fatture che contenessero anche importi non prescrivibili. I venditori e i gestori sono tenuti, in ogni caso, ad informare i clienti e gli utenti della possibilità di eccepire gli importi più vecchi di due anni, fornendo un modulo che faciliti la comunicazione della volontà di eccepire la prescrizione (da rendere disponibile anche su sito internet e negli sportelli al pubblico) e i recapiti cui inviare la richiesta".