Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come investire 10000 euro e far fruttare i propri risparmi

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Anche un piccolo gruzzoletto può fruttare una buona rendita, l’importante è seguire i consigli giusti per capire come, e dove, investire oggi 10000 euro nella maniera migliore.

Gli investimenti sicuri”, in assoluto, non esistono. Ma con qualche accortezza e magari facendosi seguire da un esperto, i risparmi possono crescere nel tempo. E così anche partendo da 10000 euro si può aumentare il proprio capitale.

Tra le soluzioni per riuscirci c’è anche il conto deposito, indicata per chi, nel breve periodo, vuole avere sempre la liquidità a disposizione. In questo caso i rischi sono quasi nulli, ma altrettanto è il rendimento, leggermente più alto. Il capitale viene vincolato per un certo periodo di tempo, di solito 12 mesi, ma in ogni caso la percentuale non va mai oltre l’1,50%.

Il trading online, invece, consiste nell’acquisto di quel singolo titolo azionario, anche se ormai il trading si è allargato a qualsiasi tipo di strumento, l’acquisto di indici, di cambio di valute, di derivati e molti altri protagonisti. Per muoversi in questo campo, però, bisogna essere molto preparati, anche quando ci si affida a piattaforme specializzate.

Il Piano di Accumulo del Capitale, poi, risente meno delle oscillazioni degli investimenti azionari e addirittura ne approfitta con versamenti periodici. Sostanzialmente, un risparmiatore prudente ci si può avvicinare senza troppi timori, potendo scegliere la rateazione del piano di accumulo, scegliendo la cadenza, l’importo della rata e la durata del piano.

Tra gli investimenti “classici”, ci sono anche i BTP, Buoni del Tesoro Poliennali. Sono un certificato di debito che ha una durata superiore ai 12 mesi e sono emessi dallo Stato. Le scadenze corrispondono a 5, 10, 15 e 30 anni e non si possono comprare in fase di emissione o successivamente sul mercato, allo stesso modo possono essere venduti prima della scadenza del BTP a prezzo di mercato.

Il loro rendimento è variabile e dipende dall’inflazione. Ma si può anche avere una cedola fissa, solitamente pagata semestralmente. Generalmente rendono di più di un conto deposito, anche se in un periodo come questo di tassi di interesse crollati a 0 per incentivare la ripresa economica, il loro rendimento è comunque contenuto, ma la buona notizia è che le ultime politiche monetarie saranno in favore della risalita dei tassi.