Notizie su mercato immobiliare ed economia

Come funziona il bonus bici e monopattino

Il nuovo buono per la mobilità introdotto dal decreto rilancio

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

L’ingresso nella fase 2 di convivenza con il coronavirus impone nuovi modelli di trasporti, così il decreto rilancio introduce per il 2020 un bonus bici (e monopattini). Copre fino a un massimo di 500 euro e vale anche per le biciclette elettriche, vediamo come funziona il bonus bici e come richiederlo.

Introdotto di recente dal governo, il buono mobilità (che però è già stato ribattezzato come bonus bici e monopattini) fa parte del pacchetto di incentivi per promuovere una nuova cultura della mobilità alternativa. Nella fattispecie, si traduce in un rimborso del 60% della spesa effettuata per l’acquisto di biciclette (anche elettriche con pedalata assistita) monopattini elettrici e hoverboard tra gli altri.

Il bonus bici copre fino a un massimo di 500 euro ma può essere richiesto una sola volta per l’acquisto di biciclette o monopattini. Il decreto rilancio stabilisce anche che è valido, anche retroattivamente, per gli acquisti effettuati a partire dal 4 maggio scorso e fino al 31 dicembre 2020.

Bonus bici, come richiederlo

Ma vediamo, nello specifico, come funziona il bonus bici 2020. Il decreto rilancio, infatti, chiarisce, che il bonus previsto per l’acquisto di biciclette e monopattini elettrici spetta ai cittadini maggiorenti e residenti in Comuni con più di 50mila abitanti oltre che nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane (e quindi Milano, Roma, Bologna, Torino per esempio) e dei capoluoghi di Provincia.

Per richiedere e ottenere il bonus bici basta conservare la fattura d’acquisto. Il Ministero dell’Ambiente sta predisponendo l’applicazione e la parte del sito per usufruire del bonus, tramite cui sarà possibile caricare il giustificativo di spesa (a breve dovrebbe essere online).

Ma non solo, perché il bonus bici potrà essere utilizzato anche tramite un buono di spesa digitale che generabile direttamente dall’applicazione web del Ministero. Per comprare una bicicletta o un monopattino elettrico, basterà indicare sulla piattaforma cosa si voglia acquistare per generare il buono spesa elettronico che verrà consegnato direttamente al negozio rivenditore.

Rimborso abbonamenti pubblici

Il decreto rilancio prevede anche rimborso per gli abbonamenti dei mezzi di trasporto pubblico di cui non è stato possibile fruire durante il periodo del lockdown. Può richiedere il rimborso chiunque sia titolare di un abbonamento ferroviario o di trasporto pubblico locale (autobus, tram e metro) valido durante il periodo delle limitazioni alla circolazione stabilite dal governo che ne hanno quindi impedito o limitato l’utilizzo.

Il rimborso per l’abbonamento dei mezzi pubblici può avvenire tramite un voucher, che può essere utilizzato entro un anno dall’emissione ed è di importo uguale all’abbonamento acquistato in precedenza e non fruito. Oppure di può prolungare direttamente la scadenza dell’abbonamento per un periodo corrispondente a quello in cui non è stato possibile utilizzarlo.

Per ottenere il rimborso è necessario presentare un’apposita richiesta al gestore dei servizi di trasporto, allegando un’autocertificazione in cui si dichiara che non è stato possibile utilizzare il titolo di viaggio a causa delle misure restrittive del governo. Bisogna anche provare di essere in possesso dell’abbonamento del trasporto pubblico per il quale si chiede il rimborso.