Notizie su mercato immobiliare ed economia

Ristrutturazioni edilizie, ecobonus e bonus mobili: prorogate le agevolazioni fiscali

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Se la legge di stabilità 2015 aveva prorogato le agevolazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e per l'acquisto di mobili per tutto l'anno in corso, novità importanti sono arrivate a dicembre con la nuova finanziaria 2016.

Bonus ristrutturazioni e risparmio energetico 

Anche nel 2016 chi esegue lavori di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica potrà usufruire delle detrazioni Irpef del 50% e del 65%. Una proroga che in un primo momento era stata prevista fino a dicembre 2015 e che per quanto riguarda l’aliquota massima non sembrava così scontata. A settembre, infatti, mentre si dava quasi per certa la proroga dell’ecobonus del 65% per il 2016, era ancora da confermare l’estensione delle detrazioni al 50% per le ristrutturazioni.

A spingere il governo verso la proroga il successo dell’incentivo. Nel secondo trimestre del 2015, infatti, gli investimenti sono stati pari a 4.639 milioni, facendo registrare un incremento del 10,7% rispetto al primo trimestre dell’anno.

In tale ambito è importante la circolare dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ad aprile e che contiene le linee guida da tener presenti per la compilazione delle sezioni III A e III C del quadro RP di Unico PF 2015. La stessa Agenzia a gennaio ha aggiornato la guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”, che contiene tutte le ultime informazioni per poter usufruire del bonus del 50%.

Bonus mobili classico e giovani coppie

Il bonus mobili classico, già in vigore lo scorso anno, è legato agli interventi di ristrutturazione edilizia e prevede una detrazione fiscale del 50% su un tetto massimo di 10.000 euro, da spalmare in 10 rate annuali. A usufruirne sono i contribuenti che beneficiano già del bonus ristrutturazione. Oltre al proprietario dell'immobile possono fruire dell’incentivo anche l’usufruttuario o il coniuge convivente non proprietario. Le detrazioni valgono per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici in classe A+, o A per i forni, che devono essere collocati nella casa oggetto della ristrutturazione.

Il bonus mobili destinato alle giovani coppie è stato introdotto per il 2016 ed è condizionato all’acquisto di una casa da destinare ad abitazione principale. A usufruire della detrazione sono soltanto le coppie acquirenti di una casa. Il tetto massimo di spesa è di 16.000 euro, sempre in modalità 50% da spalmare su 10 anni.