Notizie su mercato immobiliare ed economia

Spesometro 2017, i chiarimenti in vista della scadenza

Gtres
Gtres
Autore: Redazione

Dopo una prima proroga al 5 ottobre, il termine ultimo per inviare lo spesometro, ovvero i dati relativi alle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2017, slitterà ora al 16 ottobre. Intanto ancora tanti sono i dubbi e le difficoltà incontrate da imprese e professionisti. Per questo l’Agenzia delle Entrate offre alcuni chiarimenti.

Sul sito stesso delle Entrate è possibile trovare numerose Faq e relative risposte in merito alle regole di compilazione e di trasmissione del file.

Con riferimento alla trasmissione dei dati, ad esempio, qualora sia presente un errore anche in una sola delle fatture inviate, l’intero file viene scartato, in questo caso l'Agenzia consiglia di ridurre le dimensioni del file, ovvero qualora la gestione delle notifiche di scarto di file molto voluminosi risulti complessa, e⁄o si voglia evitare di trasmettere più volte una grande quantità di dati, si suggerisce di costruire file di dimensioni ridotte (per esempio contenenti le fatture ricevute da un unico fornitore o le fatture emesse nei confronti di un solo cliente).

I file possono essere trasmessi singolarmente oppure con un unico invio (si firmano singolarmente e si raccolgono in un archivio compresso [zip], o si firma solo l’archivio), sarà quindi prodotta una notifica per ciascun file, e, in caso di scarto, dovranno essere corretti e trasmessi nuovamente solo i dati dei file scartati.

Ecco di seguito alcune domande e risposte:

Come è possibile controllare il file con i dati delle fatture prima di trasmetterlo?

E’ disponibile la funzionalità di controllo del file Dati Fattura nell’ambito dell’interfaccia web “Fatture e Corrispettivi”.

Ho inviato un file compresso (zip) contenente più file Dati Fattura (o più file Comunicazioni Iva o più file di entrambe le tipologie); il file risulta accettato. Posso considerare acquisiti anche i file contenuti in quello compresso?

No, una volta che è stato acquisito un file compresso, ciascun file in esso contenuto viene controllato ed è oggetto di una notifica specifica. La notifica dei file contenuti nel file.zip può essere richiamata dalla sezione consultazione-monitoraggio flussi dell'interfaccia web “Fatture e Corrispettivi”, attivando la ricerca tramite l’idfile assegnato allo zip.

Nel caso, dopo aver fatto una Rettifica, fosse necessario procedere ad un Annullamento, bisognerebbe annullare solo il file originario o annullare sia il file originario che il file con cui è stata fatta la rettifica?

L’annullamento deve fare riferimento esclusivamente al file con cui i dati sono stati trasmessi originariamente.

Cosa indica l’esito ES02 – “File validato con segnalazioni”?

L’esito ES02 – “File validato con segnalazioni” è riservato ai file che contengono dati potenzialmente incoerenti (per esempio, la data di una fattura emessa o la data di registrazione di una fattura ricevuta non compatibili con il periodo di trasmissione). La segnalazione è solo un warning e non comporta lo scarto del file.

L’elenco delle segnalazioni che non comportano scarto è riportato nel file “Elenco Controlli XML dati”, pubblicato sul sito dell’Agenzia, alla pagina dedicata alle specifiche tecniche di Fatture e Corrispettivi (disponibile seguendo il percorso Home > Strumenti > Specifiche tecniche > Specifiche tecniche > Modelli di comunicazione > Fatture e corrispettivi).

Quali sono le differenze sia operative che come tipologia di figura tra: Esercente, Gestore e Produttore?

Gestore: soggetto passivo Iva che effettua cessioni di beni e prestazioni di servizi mediante Vending machine ricavandone corrispettivi. E’ il soggetto che è obbligato per norma (art. 2 del d.Lgs. n. 127/15) a memorizzare e trasmettere i dati dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.

Esercente: il soggetto passivo Iva che effettua cessioni di beni e prestazioni di servizi al consumatore finale (attività di cui all’articolo 22 del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 26 ottobre 1972) e che, essendosi preventivamente dotato di “Registratore Telematico”, ha esercitato l’opzione per la memorizzazione e trasmissione dei dati dei corrispettivi giornalieri (art. 2, comma 1, del d.Lgs. n. 127/15).

Produttore hw (hardware): fabbricante dei Registratori Telematici;

Produttore sw (software): fabbricante dei software gestionali per i distributori automatici e/o i dispositivi mobili mediante i quali trasmettere i dati dei corrispettivi delle vending machine.